Recensioni

Gli italiani incerti, quei 15 milioni che non vedono il futuro

518

Il saggio di Renato Mannheimer e Giorgio Pacifici (Italie, Sociologia del plurale, Jaca Book editore, 12 euro) è una fotografia in movimento dell’Italia di oggi. Bisogna ringraziare gli autori per il coraggio del rischio dimostrato: scattare un’istantanea in questa fase magmatica in cui il patto sociale è messo in discussione e si sta cercando di cominciare a definire, nel balbettìo di un’incertezza crescente, il profilo di una ancora molto sfocata Terza Repubblica, non è certo esercizio facile. La trattazione ci riesce molto bene, mettendo a nudo, con puntale oggettività, le tante ferite aperte, determinate da malesseri strutturali che affliggono il nostro Paese, e che sono destinate a farsi sentire ancora a lungo, condizionando il futuro di tutti.

Scontiamo, infatti, decenni di riforme non attuate o attuate parzialmente ed oggi che i tradizionali soggetti politici sono implosi si addensano molte incognite: quanto è destinata a durare l’ondata populista anti establishment? E assumerà i connotati di un partito di Governo o sarà solo un gioco di potere? La sinistra progressista sarà in grado di definire un’offerta politica alternativa a quella proposta dall’attuale maggioranza, recuperando un profilo ideale e identitario adeguato? Si sta realmente profilando la nascita di una destra di massa in Italia (cosa che non avveniva dalla fine dei grandi conflitti mondiali), e quali saranno le conseguenze? Sono tutti interrogativi che attraversano questo agile pamphlet che “non ha certo la pretesa di dare risposte, semmai – ci tiene a precisare Pacifici – di formulare correttamente alcune domande”.

A partire dai numeri, che parlano sempre molto chiaro: in Italia sono circa 15 milioni gli incerti, quelli che non hanno orizzonte lavorativo stabile e che di conseguenza non riescono a progettare il loro futuro, mentre circa quattro milioni di persone vivono in condizioni di povertà assoluta, sette milioni si possono collocare nell’area del malessere e sono circa 50mila i senza fissa dimora. L’impoverimento della classe media, trend già rilevato dagli studi più recenti trova ulteriore conferma in questa ricerca. “L’Italia è fatta come un “otre” – commenta Mannheimer – la popolazione tende ad addensarsi nella fascia mediana, fenomeno accentuato dalla spinta di quel 23% che possiamo considerare come la parte cospicua della popolazione, che vive male e che anela a conquistare la “pancia” della società”, peccato che l’ascensore sociale verso risulti bloccato da un pezzo”.

L’immagine emblematica esprime tutte le difficoltà che viviamo in questa tormentata fase storica. L’introduzione del concetto di operatore globale, cui gli autori fanno ricorso, orienta l’analisi sulle tracce di un “inedito” soggetto sociale dal profilo trasversale, la cui progressiva affermazione presuppone la messa in crisi del concetto di classe, mentre le identità diventano porose, fluttuanti. Si fanno, così, strada nuovi profili. Il libro tratteggia l’interessante identikit dei nomadi virtuali, originale categoria di creativi che sta prendendo consistenza, ma che vive purtroppo in larga parte l’orizzonte immodificabile della precarietà.

L’uso delle tecnologie può essere una cartina al tornasole, del posizionamento economico dei nuovi soggetti sociali. Fortunata la definizione di @ristocracy, che delimita il campo di una ristretta élìte che vive il sogno tecnologico, potendosi permettere di usare la connettività e gli strumenti IT senza alcun condizionamento, alla costante ricerca di mete reali e ideali dove poter realizzare aspirazioni e progetti. Non è certo così per tutti: “Siamo esposti – è la denuncia di più netta espressa da Pacifici – a una progressiva proletarizzazione del vecchio ceto borghese, realtà drammatica con cui dovremo fare i conti, che dimostra come non solo l’Italia, ma l’Europa abbiano urgente bisogno di arginare la diseguaglianza”, per cui ci si dovrà impegnare a ripensare il welfare, a ridisegnare un tessuto valido di garanzie, fino a promuovere una globalizzazione dei diritti che possa almeno parzialmente bilanciare, la globalizzazione selvaggia della finanza e dei mercati.

Ultimo aspetto cruciale: il declino della classe dirigente, originato dall’incapacità di promuovere politiche di valorizzazione del merito. Una prassi sconsiderata che ha trascinato il pese verso il basso facendo perdere punti di riferimento. Che profilo avranno le élite del futuro? Difficile dirlo, di certo occorrerà una ricostruzione profonda del patto sociale. L’Italia del dopoguerra ha avuto la forza morale necessaria per ripartire dalle macerie, le “Italie” di oggi, (con un Nord e un Sud, ahimè sempre più lontani) ne saranno, il plurale non è certo casuale, ancora capaci?

Ultime notizie
Salute

Farmaci e prestazioni inutili, colpa della medicina difensiva. Ma è davvero così?

Malasanità ed errori sanitari: a due anni dall'entrata in vigore della legge Gelli, che aveva come obiettivo quello di ridefinire il tema della responsabilità medica e arginare la medicina difensiva, abbiamo raccolto l'opinione dell'avvocato Franco Di Maria, membro dell'Osservatorio Salute, Legalità e Previdenza dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione