Gli italiani incerti, quei 15 milioni che non vedono il futuro

Il saggio di Renato Mannheimer e Giorgio Pacifici (Italie, Sociologia del plurale, Jaca Book editore, 12 euro) è una fotografia in movimento dell’Italia di oggi. Bisogna ringraziare gli autori per il coraggio del rischio dimostrato: scattare un’istantanea in questa fase magmatica in cui il patto sociale è messo in discussione e si sta cercando di cominciare a definire, nel balbettìo di un’incertezza crescente, il profilo di una ancora molto sfocata Terza Repubblica, non è certo esercizio facile. La trattazione ci riesce molto bene, mettendo a nudo, con puntale oggettività, le tante ferite aperte, determinate da malesseri strutturali che affliggono il nostro Paese, e che sono destinate a farsi sentire ancora a lungo, condizionando il futuro di tutti.

Scontiamo, infatti, decenni di riforme non attuate o attuate parzialmente ed oggi che i tradizionali soggetti politici sono implosi si addensano molte incognite: quanto è destinata a durare l’ondata populista anti establishment? E assumerà i connotati di un partito di Governo o sarà solo un gioco di potere? La sinistra progressista sarà in grado di definire un’offerta politica alternativa a quella proposta dall’attuale maggioranza, recuperando un profilo ideale e identitario adeguato? Si sta realmente profilando la nascita di una destra di massa in Italia (cosa che non avveniva dalla fine dei grandi conflitti mondiali), e quali saranno le conseguenze? Sono tutti interrogativi che attraversano questo agile pamphlet che “non ha certo la pretesa di dare risposte, semmai – ci tiene a precisare Pacifici – di formulare correttamente alcune domande”.

A partire dai numeri, che parlano sempre molto chiaro: in Italia sono circa 15 milioni gli incerti, quelli che non hanno orizzonte lavorativo stabile e che di conseguenza non riescono a progettare il loro futuro, mentre circa quattro milioni di persone vivono in condizioni di povertà assoluta, sette milioni si possono collocare nell’area del malessere e sono circa 50mila i senza fissa dimora. L’impoverimento della classe media, trend già rilevato dagli studi più recenti trova ulteriore conferma in questa ricerca. “L’Italia è fatta come un “otre” – commenta Mannheimer – la popolazione tende ad addensarsi nella fascia mediana, fenomeno accentuato dalla spinta di quel 23% che possiamo considerare come la parte cospicua della popolazione, che vive male e che anela a conquistare la “pancia” della società”, peccato che l’ascensore sociale verso risulti bloccato da un pezzo”.

L’immagine emblematica esprime tutte le difficoltà che viviamo in questa tormentata fase storica. L’introduzione del concetto di operatore globale, cui gli autori fanno ricorso, orienta l’analisi sulle tracce di un “inedito” soggetto sociale dal profilo trasversale, la cui progressiva affermazione presuppone la messa in crisi del concetto di classe, mentre le identità diventano porose, fluttuanti. Si fanno, così, strada nuovi profili. Il libro tratteggia l’interessante identikit dei nomadi virtuali, originale categoria di creativi che sta prendendo consistenza, ma che vive purtroppo in larga parte l’orizzonte immodificabile della precarietà.

L’uso delle tecnologie può essere una cartina al tornasole, del posizionamento economico dei nuovi soggetti sociali. Fortunata la definizione di @ristocracy, che delimita il campo di una ristretta élìte che vive il sogno tecnologico, potendosi permettere di usare la connettività e gli strumenti IT senza alcun condizionamento, alla costante ricerca di mete reali e ideali dove poter realizzare aspirazioni e progetti. Non è certo così per tutti: “Siamo esposti – è la denuncia di più netta espressa da Pacifici – a una progressiva proletarizzazione del vecchio ceto borghese, realtà drammatica con cui dovremo fare i conti, che dimostra come non solo l’Italia, ma l’Europa abbiano urgente bisogno di arginare la diseguaglianza”, per cui ci si dovrà impegnare a ripensare il welfare, a ridisegnare un tessuto valido di garanzie, fino a promuovere una globalizzazione dei diritti che possa almeno parzialmente bilanciare, la globalizzazione selvaggia della finanza e dei mercati.

Ultimo aspetto cruciale: il declino della classe dirigente, originato dall’incapacità di promuovere politiche di valorizzazione del merito. Una prassi sconsiderata che ha trascinato il pese verso il basso facendo perdere punti di riferimento. Che profilo avranno le élite del futuro? Difficile dirlo, di certo occorrerà una ricostruzione profonda del patto sociale. L’Italia del dopoguerra ha avuto la forza morale necessaria per ripartire dalle macerie, le “Italie” di oggi, (con un Nord e un Sud, ahimè sempre più lontani) ne saranno, il plurale non è certo casuale, ancora capaci?

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità