Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Politica

Grecia: Renzi chiede il coinvolgimento di tutti i leader e delle istituzioni Ue

grecia

Nelle prossime ore il presidente del Consiglio e il ministro dell’Economia si incontreranno per fare il punto sui rapporti con la Grecia. La posizione del governo è netta: Roma pretende che si riaprano i negoziati con Atene per evitare una “Grexit”. Domani si terrà invece un summit straordinario dei Paesi dell’area Euro, incontro che sarà preceduto dall’Eurogruppo. A chiedere un vertice ad hoc dell’area euro sulla Grecia sono stati la cancelliera Angela Merkel e il presidente francese Francoise Hollande nel corso di una telefonata avvenuta in vista dell’incontro che si svolgerà stasera a Parigi. Il premier Matteo Renzi, a quanto si è appreso, avrebbe detto chiaro e tondo a Parigi e Berlino che non si può andare avanti con il “format a due”, ma che serve il coinvolgimento di tutti i leader e delle istituzioni Ue. I prossimi giorni saranno decisivi anche sul fronte interno. Si capirà se la maggioranza del governo Renzi avrà i numeri per portare avanti le riforme istituzionali e darsi un orizzonte di legislatura.

Il Senato riprenderà i suoi lavori domani pomeriggio con la discussione e il voto finale sui disegni di legge costituzionali con cui si intende modificare lo statuto speciale della Regione Friuli-Venezia Giulia. Successivamente proseguirà l’esame dei disegni di legge in materia di agricoltura sociale. Mercoledì pomeriggio si svolgerà la votazione per l’elezione di un componente del Consiglio di Presidenza della Corte dei conti; nel corso della giornata saranno discusse anche la relazione del Comitato Schengen su gestione flussi migratori e impiego lavoratori immigrati, nel periodo ottobre 2013 – aprile 2015 e le mozioni sulla tutela dei diritti dell’infanzia nei territori controllati dall’ISIS e Boko Haram e sulle tariffe Rc auto. Durante la settimana la Conferenze dei capigruppo potrebbe iscrivere nuovi argomenti all’ordine del giorno. Domani la commissione Affari costituzionali vaglierà i presupposti costituzionali dei decreti-legge sul recepimento della sentenza della Corte costituzionale in materia di rivalutazione delle pensioni e sulla sicurezza e il controllo del territorio e avvierà in terza lettura l’analisi delle proposte di modifica della seconda parte della Costituzione. Nel corso della settimana proseguiranno i lavori connessi all’indagine conoscitiva sull’immigrazione. La commissione Finanze, mercoledì e giovedì, andrà avanti con le audizioni nell’ambito delle indagini conoscitive sugli organismi della fiscalità e sul rapporto tra contribuenti e fisco e sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea. Nelle sedute programmate nel corso della settimana la commissione Lavori pubblici porterà avanti l’esame dei disegni di legge sulla riforma del sistema radiotelevisivo pubblico. Domani la commissione Industria riprenderà il confronto sul provvedimento in tema di aree industriali dismesse; successivamente, insieme alla commissione Territorio, esaminerà lo schema di decreto legislativo sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi. Domani e mercoledì la commissione Sanità dibatterà sui disegni di legge relativi allo screening neonatale e all’assistenza sanitaria ai senza fissa dimora.

Oggi l’assemblea della Camera avvierà la discussione generale sul testo unificato in materia di persone affette da autismo, provvedimento che dovrebbe essere licenziato in seconda lettura nel corso della settimana. Inizierà inoltre la discussione della mozione concernente iniziative di competenza in relazione alla vicenda della cooperativa “Il Forteto”. Domani proseguirà l’esame delle mozioni concernenti iniziative volte a sospendere le procedure di espropriazione relative a immobili adibiti ad abitazione principale e saranno votate le questioni pregiudiziali riferite al disegno di legge di conversione del dl “Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria”. Sempre nella giornata di domani sarà avviata l’ultima fase dell’istruttoria del ddl “La buona scuola”, articolati al centro dei lavori anche nelle sedute di mercoledì e giovedì. Nel corso della settimana potrebbero essere discusse e votate anche le questioni pregiudiziali presentate in relazione al ddl “Madia” di riforma della Pubblica amministrazione. Provvedimento che sarà al centro dei lavori della commissione Affari costituzionali per tutta la settimana. Proprio in relazione ai lavori in Commissione si fa presente che nella giornata di mercoledì saranno eletti i nuovi presidenti e i nuovi uffici di presidenza di tutti gli organi permanenti. La commissione Finanze e la commissione Attività produttive, terminato il ciclo di audizioni informali, nelle giornate di domani e giovedì inizieranno ad entrare nel vivo sul disegno di legge sulla concorrenza e il mercato. Nella giornata di giovedì – la sola commissione Finanze – riprenderà il confronto sulla mozione in materia di “Misure a sostegno del credito in favore dei soggetti esercenti impianti fotovoltaici di produzione di energia”. Sempre nella giornata di giovedì, le commissioni Giustizia e Finanze, analizzeranno lo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva Ue relativa ai bilanci d’esercizio, ai bilanci consolidati e alle relative relazioni di talune tipologie di società di capitali. Domani e giovedì la commissione Ambiente proseguirà i lavori relativi alle legge delega, già approvata dal Senato, per l’attuazione delle direttive Ue sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali. Giovedì, la commissione Ambiente e la commissione Attività produttive, riprenderanno il confronto sul “Pacchetto Unione dell’energia” (dovrebbe essere votato il documento conclusivo) e sullo schema di decreto legislativo sulla sicurezza delle operazioni in mare nel settore degli idrocarburi. Giovedì il governo si presenterà in commissione Affari sociali per rispondere a un’interrogazione sul sistema di pay back per l’acquisto di farmaci innovativi.

 

 

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare