Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato. Perciò appare fuorviante gridare allo scandalo. Anzi è positivo che, dopo lunghi rinvii, che prefiguravano un nuovo blocco dell’Unione, il Consiglio abbia trovato una quadra per avviare l’iter della nuova “legislatura”. Novità positiva: per la prima volta due donne arrivano ai vertice dell’UE, ma non sarà certamente questo che cambierà la sua sorte.

Diversi, invece, gli aspetti certamente poco positivi da rilevare, anche perché questa volta ci si aspetta un cambio di passo, vista la crisi strutturale dell’Unione, un rovesciamento di metodo e di contenuti.

Il primo aspetto poco favorevole, anche se simbolico, ma privo di base giuridica e politica, riguarda la mancata indicazione del candidato del partito di maggioranza alla presidenza della Commissione, com’era stato indicato prima delle elezioni.

Una seconda vera carenza riguarda la mancanza della presentazione di un programma da parte della maggioranza formata tra i Governi che precedesse o accompagnasse la scelta dei candidati alle massime cariche dell’Unione. Un programma da “trasmettere” alle valutazioni del Parlamento che, invece, è stato relegato, come d’abitudine, al ruolo di “esecutore”. Questa circostanza avrebbe dato un segnale di cambiamento nella scelta delle persone e dei contenuti su cui la maggioranza si fonda, o meglio si sarebbe dovuta fondare. Si aspettava, in sostanza, che il Consiglio fornisse indicazioni sulle politiche che l’Unione vorrebbe adottare e realizzare nel prossimo quinquennio, in particolare in campo economico, sociale, del lavoro, delle immigrazioni e, cosa ancora più importante, una tabella di marcia con l’indicazione dei principali cambiamenti di cui l’Unione ha bisogno, viste le lacune emerse in questi anni durante le diverse crisi che si sono succedute.

Un terzo aspetto da considerare riguarda il passo indietro compiuto con la riedizione del duopolio tra Germania e Francia che, di fatto, ha imposto le sue scelte a tutti. In questa occasione la Cancelliera Merkel è stata abilissima: prima ha sostenuto in modo assai timido la candidatura a presidente della Commissione europea del cristiano-sociale tedesco Manfred Weber, proposta respinta da Macron; quindi, pensando di salvare la sua alleanza con i socialdemocratici in Germania, ha sostenuto la candidatura del socialista l’olandese Frans Timmermans, già primo Vice Presidente della Commissione e braccio destro di Junker, essendo consapevole che sarebbero stati altri paesi a bocciarlo; infine, ha approvato la proposta francese a favore della tedesca Ursula von der Leyen, Ministro della Difesa del suo Governo, portando così alla presidenza della Commissione una sua fedelissima.
Dal canto suo, il Presidente Macron, una volta raggiunto l’obiettivo di recuperare un rapporto diretto con i tedeschi – il vero tallone di Achille della Francia, vittima di un complesso di inferiorità – sembra appagato: ha visto approvate le sue proposte di una candidata tedesca, appunto, la von der Leyen alla presidenza della Commissione e di una francese, Christin Lagarde attuale Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale alla presidenza della Banca Centrale Europea.
Ma dove sono finite le sue proposte di cambiamento dell’Eurozona e dell’Unione?

Ci si potrebbe ancora attardare, come fanno molti commentatori, a ricercare vinti e vincitori nei fatti di cronaca politica, nella descrizione dei riti comunitari o del carattere dei candidati. In verità, sinora, si sta assistendo alla solita gara ed è difficile o inutile dedurre chi ha vinto. Non ci sono dei vincitori tra i “protagonisti” di questi giorni, né a livello politico né tra i governi. Non c’è molto da cantare vittoria, da parte di nessuno. Di sicuro un perdente c’è ed è l’Europa, anche se non è una novità. Naturalmente siamo solo agli inizi. Si spera ancora in un “ravvedimento”. Bisognerà vedere quale sarà la Commissione, come sarà accolta dal Parlamento, così come la Presidente designata. Molto, insomma, dipenderà dal Parlamento e dal coraggio che avranno i singoli parlamentari, non tanto verso la Presidente o i Commissari, quanto piuttosto verso i Governi, gelosi della loro autonomia. L’alternativa, per il Parlamento, è chiara: finire col rassegnarsi a vivere nella “bolla” e nell’aria ovattata, autoreferenziale di Bruxelles.
Bisognerà vedere se i parlamentari europei saranno capaci di incalzare il Consiglio e/o di farsi promotori di un confronto serrato per indicare le priorità politiche del prossimo quinquennio e avviare una iniziativa politica, diciamo, “costituente” – con chi ci sta — per completare l’Eurozona e trasformare l’Unione. Una iniziativa in grado di affrontare il problema delle carenze democratiche nel processo decisionale dell’Unione, anacronistico ed insopportabile, che, se non cambiato, finirà con l’affossarla. Presto il sarà messo alla prova: la svolta “politica”, relativa alle scelte di fondo e di metodo, dovrebbe essere promossa già nei prossimi giorni.

Carmelo Cedrone è il coordinatore del Laboratorio Europa dell’Eurispes

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città