Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato. Perciò appare fuorviante gridare allo scandalo. Anzi è positivo che, dopo lunghi rinvii, che prefiguravano un nuovo blocco dell’Unione, il Consiglio abbia trovato una quadra per avviare l’iter della nuova “legislatura”. Novità positiva: per la prima volta due donne arrivano ai vertice dell’UE, ma non sarà certamente questo che cambierà la sua sorte.

Diversi, invece, gli aspetti certamente poco positivi da rilevare, anche perché questa volta ci si aspetta un cambio di passo, vista la crisi strutturale dell’Unione, un rovesciamento di metodo e di contenuti.

Il primo aspetto poco favorevole, anche se simbolico, ma privo di base giuridica e politica, riguarda la mancata indicazione del candidato del partito di maggioranza alla presidenza della Commissione, com’era stato indicato prima delle elezioni.

Una seconda vera carenza riguarda la mancanza della presentazione di un programma da parte della maggioranza formata tra i Governi che precedesse o accompagnasse la scelta dei candidati alle massime cariche dell’Unione. Un programma da “trasmettere” alle valutazioni del Parlamento che, invece, è stato relegato, come d’abitudine, al ruolo di “esecutore”. Questa circostanza avrebbe dato un segnale di cambiamento nella scelta delle persone e dei contenuti su cui la maggioranza si fonda, o meglio si sarebbe dovuta fondare. Si aspettava, in sostanza, che il Consiglio fornisse indicazioni sulle politiche che l’Unione vorrebbe adottare e realizzare nel prossimo quinquennio, in particolare in campo economico, sociale, del lavoro, delle immigrazioni e, cosa ancora più importante, una tabella di marcia con l’indicazione dei principali cambiamenti di cui l’Unione ha bisogno, viste le lacune emerse in questi anni durante le diverse crisi che si sono succedute.

Un terzo aspetto da considerare riguarda il passo indietro compiuto con la riedizione del duopolio tra Germania e Francia che, di fatto, ha imposto le sue scelte a tutti. In questa occasione la Cancelliera Merkel è stata abilissima: prima ha sostenuto in modo assai timido la candidatura a presidente della Commissione europea del cristiano-sociale tedesco Manfred Weber, proposta respinta da Macron; quindi, pensando di salvare la sua alleanza con i socialdemocratici in Germania, ha sostenuto la candidatura del socialista l’olandese Frans Timmermans, già primo Vice Presidente della Commissione e braccio destro di Junker, essendo consapevole che sarebbero stati altri paesi a bocciarlo; infine, ha approvato la proposta francese a favore della tedesca Ursula von der Leyen, Ministro della Difesa del suo Governo, portando così alla presidenza della Commissione una sua fedelissima.
Dal canto suo, il Presidente Macron, una volta raggiunto l’obiettivo di recuperare un rapporto diretto con i tedeschi – il vero tallone di Achille della Francia, vittima di un complesso di inferiorità – sembra appagato: ha visto approvate le sue proposte di una candidata tedesca, appunto, la von der Leyen alla presidenza della Commissione e di una francese, Christin Lagarde attuale Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale alla presidenza della Banca Centrale Europea.
Ma dove sono finite le sue proposte di cambiamento dell’Eurozona e dell’Unione?

Ci si potrebbe ancora attardare, come fanno molti commentatori, a ricercare vinti e vincitori nei fatti di cronaca politica, nella descrizione dei riti comunitari o del carattere dei candidati. In verità, sinora, si sta assistendo alla solita gara ed è difficile o inutile dedurre chi ha vinto. Non ci sono dei vincitori tra i “protagonisti” di questi giorni, né a livello politico né tra i governi. Non c’è molto da cantare vittoria, da parte di nessuno. Di sicuro un perdente c’è ed è l’Europa, anche se non è una novità. Naturalmente siamo solo agli inizi. Si spera ancora in un “ravvedimento”. Bisognerà vedere quale sarà la Commissione, come sarà accolta dal Parlamento, così come la Presidente designata. Molto, insomma, dipenderà dal Parlamento e dal coraggio che avranno i singoli parlamentari, non tanto verso la Presidente o i Commissari, quanto piuttosto verso i Governi, gelosi della loro autonomia. L’alternativa, per il Parlamento, è chiara: finire col rassegnarsi a vivere nella “bolla” e nell’aria ovattata, autoreferenziale di Bruxelles.
Bisognerà vedere se i parlamentari europei saranno capaci di incalzare il Consiglio e/o di farsi promotori di un confronto serrato per indicare le priorità politiche del prossimo quinquennio e avviare una iniziativa politica, diciamo, “costituente” – con chi ci sta — per completare l’Eurozona e trasformare l’Unione. Una iniziativa in grado di affrontare il problema delle carenze democratiche nel processo decisionale dell’Unione, anacronistico ed insopportabile, che, se non cambiato, finirà con l’affossarla. Presto il sarà messo alla prova: la svolta “politica”, relativa alle scelte di fondo e di metodo, dovrebbe essere promossa già nei prossimi giorni.

Carmelo Cedrone è il coordinatore del Laboratorio Europa dell’Eurispes

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia