Recensioni

Il mostro in frantumi di Filippo Nanni e tanta voglia di ebook

147

Senza chiedere permesso, senza attendere neanche un po’ che un editore tradizionale legga la tua proposta. Quel sogno che sbuca dal cassetto che hai appena riaperto, vuole spiccare il volo subito, prima che la polvere si depositi sulle sue ali. E’ l’ebook che te lo consente. A te, come ad altri autori che, secondo l’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, hanno fatto crescere del 29,6 per cento la produzione dei libri digitali. Filippo Nanni, vicedirettore di Rai News 24, ha preferito battere questa strada e ha messo su Amazon il suo delizioso romanzo Il mostro in frantumi. “Ma no, non è un romanzo. Chiamiamolo racconto – corregge – Un raccontone, se preferite”.

Ballarò
Dieci personaggi, dieci storie tenute insieme da un filo comune, la vicenda drammatica del “mostro”. Siamo nel 1994 e Filippo Nanni è l’inviato del Giornale Radio al processo contro il pluriomicida Pietro Pacciani. “L’inviato speciale è la più alta espressione del giornalismo, oggi purtroppo riservata a pochissimi – racconta l’autore, che da molti anni insegna giornalismo alla Scuola di Urbino  – Eravamo lì a Firenze  per mesi interi e ogni giorno la gente non vedeva l’ora di leggere, vedere o ascoltare i nostri servizi”. La sera, tornato in camera, Filippo riguardava i suoi appunti e si divertiva ad aggiungere pennellate di fantasia ai protagonisti del processo, immaginandone stati d’animo, abitudini e storie personali.

Il presunto, terribile mostro, che sorprendeva le coppiette in macchina e le colpiva a morte sfregiandole orrendamente a coltellate, non ha un nome e un cognome e rappresenta i vari “serial killer” di quegli anni: si chiama Kappa, proprio come il protagonista de Il processo di Franz Kafka, e di conseguenza anche gli altri personaggi che gli ruotano attorno adottano lettere dell’alfabeto greco. Il presidente Omega, l’avvocato difensore Gamma, il pm Delta, la signorina Tau, giudice popolare, a cui il giornalista Omicron fa una corte galante e discreta, alternando in dono compact disk e marron glace. Cento pagine che scorrono veloci e intriganti, trainate da uno stile fatto di frasi brevi e di parole che uniscono alla densità semantica la precisione di un bisturi.

Un libro scritto proprio per il web si direbbe, da un autore che ha già pubblicato con vari editori cartacei. “E invece no – risponde Filippo Nanni – dei libri digitali non sapevo nulla. E’ stato un amico a spiegarmi l’iter. Sono andato sul sito di Amazon, ho spedito il testo in Word assieme alla copertina e ho deciso di non proporre soltanto la versione digitale per i Kindle, che d’estate evitano di portarti una biblioteca dietro, ma anche quella cartacea. Mi sono divertito un mondo, e mi sento pienamente appagato”. Ma ecco il link per acquistare il libro, che costa 4 euro e 99 nella versione digitale e 6.99 in quella di carta, che viene spedita a casa.

https://www.amazon.it/mostro-frantumi-Filippo-Nanni-ebook/dp/B073QYT1Q1/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1521138416&sr=1-1&keywords=Mostro+in+frantumi

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani