Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta». La legge annunciata dalla Lega sulla legittima difesa? «Confusa ed inutile. Va bene la normativa attuale». E quella del centrosinistra, abortita al Senato, che avrebbe dato licenza di uccidere ma solo di notte? «Ha alimentato vignette umoristiche». Dalla scrivania del suo studio, al quarto piano di un palazzo di Piazzale Clodio, Cesare Placanica ci risponde su uno dei temi più importanti per il nuovo Governo: potenziare le norme sulla legittima difesa. Celebre penalista, originario di Locri, Placanica è dal novembre del 2016 presidente della Camera penale di Roma, associazione formata dagli avvocati penalisti di un distretto in cui operi la Corte d’Appello, per curare i rapporti con la Magistratura locale e migliorare l’efficienza della giustizia.

Muoviamo dal dato contenuto nell’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes: il 56,2 per cento dei nostri concittadini userebbe le armi contro i ladri notturni

È una risposta naturale. E credo che se la domanda fosse stata “spareresti a chi ha violentato tua figlia?”, le risposte positive sarebbero risultate vicine al 100 per cento. Il problema è se questa pulsione umana vada assecondata oppure no. Io dico di no. Compito della giurisdizione è moderare gli istinti umani, mettendo i delitti nella giusta casella, diversamente arriviamo alla legge del taglione. Ancora oggi, negli Stati Uniti, vige la pena di morte ed è concesso ai parenti delle persone uccise di assistere all’esecuzione. Poi, per tornare al sondaggio Eurispes, c’è quel quasi 45 per cento di moderati che non userebbe le armi. Non mi sembra poco. Diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta.

Che cosa provocherebbe?

Parto dalla mia esperienza di avvocato penalista: il 90 per cento degli omicidi nasce da episodi che potremmo assimilare alle semplici “scazzottate”, che poi degenerano soltanto perché nei dintorni c’è un’arma. La risposta al bisogno di sicurezza non può essere appaltata dallo Stato al privato cittadino. I mezzi veri per difendersi li hanno solo pochi ricchi: è recente l’episodio del tentativo di effrazione nella villa di Adriano Celentano a Lecco, dove alcuni incappucciati sono stati scoperti e messi in fuga dal personale di guardia.

E la normativa attualmente in vigore è efficace?

Direi di sì. Abbastanza, almeno. La bussola, il faro per giudicare se è legittima difesa oppure no è la proporzione della risposta rispetto all’offesa ricevuta. E, come recita l’articolo 52 del Codice penale, è giusto che sia il giudice a valutarla. A lui è consentito, fra l’altro, di allargare il concetto a quello di “legittima difesa putativa”. Mettiamo che io e lei abbiamo litigato ferocemente, e che siamo armati. Una sera nell’androne di casa la incontro e la vedo che infila una mano nella tasca interna della giacca: sta cercando le sigarette, ma io credo che ci sia una pistola e le sparo: questo non è omicidio volontario. Così non è volontario se volevi sparare alle gambe, ma il tuo colpo uccide.

Come giudica la proposta del centro-sinistra, approvata l’anno scorso dalla Camera ma poi finita in un cassetto del Senato, secondo la quale si poteva sparare a chi ti entra in casa, ma solo di notte?

Dico solo che ha alimentato tante vignette umoristiche. Ma non è il più grave errore del Governo precedente. Clamoroso è stato l’abbandono della riforma carceraria, che aveva tanti aspetti positivi, come il non ridurre la pena soltanto al carcere, ma inserire anche un periodo di affidamento in prova, con l’obbligo di dormire a casa, di lavorare, di condurre una vita normale sotto la vigilanza dei servizi sociali. Una misura assai efficace per il recupero del condannato e contro il pericolo della recidività, che per questo aveva il favore del Consiglio superiore della Magistratura, dell’Associazione Nazionale Magistrati e anche il nostro. Si sono dette tante cose inesatte, tipo che sarebbero stati messi in libertà tutti i mafiosi.

Veniamo al dunque: il Sottosegretario all’Interno, Nicola Molteni, ha annunciato che il Governo sta per rilanciare la proposta di cui, come Lega, era stato primo firmatario alla Camera, per consentire l’uso delle armi contro i ladri. «Questa non è una priorità, ma la nostra priorità», ha dichiarato di recente.    

Una proposta confusa. Si vuole modificare l’articolo 52 del Codice penale in questo modo: «Si considera che abbia agito per difesa legittima colui che compie un atto per respingere l’ingresso o l’intrusione mediante effrazione o contro la volontà del proprietario o di chi ha la legittima disponibilità dell’immobile, con violenza o minaccia di uso d’armi di una o più persone, con violazione di domicilio». Se io trovo la porta aperta, o le finestre accostate, e non ho armi, devo prendermi le pallottole? O basta il fatto che la mia sia una violazione di domicilio? La tecnica di scrittura è molto importante. Questa norma è mal scritta.

Si prevede anche l’inasprimento delle pene per i ladri, fino a 8 anni di reclusione e fino a 20mila euro di multa.

Un aumento spropositato, del tutto inutile. È ormai assodato che alzare le pene non ha come effetto la riduzione dei delitti. L’ultima dimostrazione viene dal delitto di “omicidio stradale”. Le pene sono state quasi triplicate, fino a 18 anni di reclusione, ma i delitti non si sono ridotti. Per la sicurezza, in conclusione, lasciamo la tutela allo Stato.

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica