Il punto sui nove mesi di Governo giallo-verde. L’intervista a Fara

Intervista realizzata da Marina Tantushyan per Sputnik Italia

https://it.sputniknews.com/opinioni/201903017356758-il-punto-sui-nove-mesi-del-governo-giallo-verde/

Che cosa ha fatto il Governo del cambiamento nei suoi primi nove mesi? Come l’Esecutivo giallo-verde gestirà la nuova fase della recessione? Quale risultato avrà la politica estera del Governo sui rapporti fra Italia e gli altri paesi?
Il primo giugno del 2018 il professor Giuseppe Conte ha accettato l’incarico e ha presentato al Presidente della Repubblica la lista dei ministri. Dopo la più lunga attesa post elettorale che il Paese avesse mai avuto, il contratto di Governo firmato da Movimento 5 Stelle e Lega ha dato il via all’Esecutivo giallo-verde. Un’alleanza inedita e inaspettata, che, di fatto, ha sbloccato una impasse politica causata da una tornata elettorale senza un chiaro vincitore.
Che cosa ha fatto il Governo del cambiamento nei suoi primi nove mesi? Come l’Esecutivo giallo-verde gestirà la nuova fase della recessione? Quale risultato avrà la politica estera del Governo sui rapporti fra Italia e altri paesi? Per fare il punto su queste principali questioni, Sputnik Italia si è rivolto a Gian Maria Fara, fondatore e Presidente dell’Eurispes.

Professor Fara, nove mesi fa in Italia è nata la coalizione giallo-verde. La gestazione è stata travagliata e controversa. Come valuta i primi risultati delle politiche dell’Esecutivo?
Il 31 gennaio l’Eurispes ha presentato il Rapporto Italia; nelle Considerazioni generali abbiamo definito l’Italia “La Repubblica del Ni” ovvero un Paese che non riesce mai ad esprimersi in maniera definitiva con un “No” o con un “Sì”. Con questo volevamo significare che i primi nove mesi di questo Esecutivo sono stati all’insegna dell’incertezza e dell’indecisione. Alcuni provvedimenti (il reddito di cittadinanza, la legge sull’immigrazione, il primo abbassamento delle tasse) sono decollati, almeno in termini legislativi, però poi bisognerà vedere la pratica. Il Governo sta cercando di fare delle cose che sono sicuramente necessarie, tuttavia, si tratta di un Esecutivo formato da due forze che hanno interessi spesso contrapposti.

L’Italia è già in recessione ufficiale. Lei crede al Governo quando dice che la crescita ci sarà lo stesso, ma un po’ più avanti nel tempo?
Ho molte perplessità sul fatto che la crescita possa essere prodotta dalle misure che sono state assunte. Sicuramente saranno utili. Io penso, per esempio, che il reddito di cittadinanza contribuirà alla risoluzione di qualche piccolo problema, così come “quota 100” consentirà la fuoriuscita di un certo numero di persone, soprattutto nella Pubblica amministrazione, e permetterà l’inserimento di giovani, di nuove energie e di nuove risorse. Quindi, qualche contributo alla riduzione della disoccupazione ci sarà, però non bisogna aspettarsi miracoli. Ho la sensazione che il Governo manifesti un ottimismo che si potrebbe definire il coraggio della volontà, nel senso che vuole trasmettere segnali positivi con la speranza che questi segnali poi provochino una sorta di reazione a catena e mettano in moto dei meccanismi di crescita. Però, questo mi sembra abbastanza semplicistico… Occorrerebbero misure più radicali, come un abbassamento massiccio della pressione fiscale che si può ottenere in due modi: o abbassando il prelievo “dalle tasche” dei cittadini oppure riducendo il cuneo fiscale per le imprese. Una cosa è certa: se l’occupazione riparte è perché la producono le imprese e, quindi, quello che occorrerà, è una politica industriale seria, una politica che metta le imprese in condizione di creare nuova occupazione.

Nella politica estera l’Italia sta andando controcorrente. Mentre la Germania e la Francia stanno implementando politiche per intensificare l’integrazione, l’Italia punta su più sovranità. Anche sull’immigrazione e sugli sviluppi in Venezuela l’Italia cerca di mantenere una posizione controcorrente. Quali ricadute avrà questa posizione sui rapporti fra l’Italia e gli altri paesi europei, ma anche fra l’Italia e i paesi extracomunitari come gli Stati Uniti e la Russia?
L’Italia sta cercando una propria via. È una via complessa, perché come Paese singolo conta poco, ma anche come sistema europeo conta molto poco, anche perché in questi ultimi decenni non c’è mai stata una politica estera comune sull’Unione europea. Ciascun paese viaggia per conto proprio. L’Italia ha posizioni diverse nei confronti della Russia, così come nei confronti della questione venezuelana. Diciamo che sta tentando di elaborare una propria strategia di politica estera, ma si trova costretta, tuttavia, a muoversi su una strada strettissima. Le difficoltà sono tante e poter gestire una politica estera completamente autonoma, è assolutamente difficile. Però, nel tempo stesso, l’Italia sta producendo un buon lavoro nel Mediterraneo, soprattutto con i paesi della sponda Sud del Mediterraneo, come Libia, Egitto, Tunisia e Algeria. Sta cercando, cioè, di riguadagnare una centralità in un’area che ha sempre visto il nostro Paese, se non protagonista, comunque attore importante.

Il M5S sta perdendo punti e la Lega sta avanzando. Le vittorie dei candidati di Salvini in Sardegna e in Abruzzo potrebbero avere qualche effetto sull’equilibrio della coalizione?
Al momento no, perché Salvini ha deciso di tener fede agli impegni che ha preso. Però fra un mese ci saranno le elezioni in Basilicata, che, anche se in una piccola regione, saranno comunque un altro test, un altro indicatore importante. E poi ci sono le elezioni europee. Credo che dopo le europee, se continua questo trend, qualcosa cambierà. Al momento le cose restano come sono.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali