Il riassetto dei poteri

riassetto dei poteri

 

*Da Vincenzo Macrì, autorevole ex magistrato, riceviamo e volentieri pubblichiamo.

In un articolo a firma di Luciano Violante, apparso su la Repubblica dell’8 luglio, pag. 28, dal titolo “I giudici e la politica debole”, si legge testualmente: «La magistratura deve esercitare i poteri che la politica le attribuisce per garantire la libertà e i diritti dei cittadini da ogni aggressione e il Parlamento deve definire con chiarezza i confini tra la sovranità della politica e l’indipendenza della giustizia». Questo, secondo l’Autore, sarebbe il modello “sulla carta”; nella pratica, invece, accade che una politica debole abbia consentito alla Magistratura penale di debordare dai propri limiti e attribuirsi compiti incongrui come vigilare sulla moralità di cittadini e Istituzioni, criminalizzare categorie economiche e amministrative e via dicendo, anche attraverso l’uso di comunicazioni giudiziarie che anticipano valutazioni di colpevolezza con danni enormi per la reputazione di cittadini e imprese. In conclusione, «solo il riassetto dei poteri può ricostruire una fase di normalità costituzionale».

Pur nel doveroso rispetto dell’autorevole rappresentante della Magistratura prima e della vita politica poi, è necessario senza timori reverenziali, sottolineare che le tesi esposte nell’articolo, si collocano decisamente fuori dal quadro costituzionale.

Non è, infatti, la Politica che attribuisce alla Magistratura i poteri che essa deve esercitare, ci mancherebbe altro. Non siamo in un Paese di democrazia illiberale, ma è la Costituzione che li stabilisce e non sono ammissibili deroghe. Analogamente, non è il Parlamento che deve definire i “confini” tra la sovranità della politica e l’indipendenza della giustizia. La “Politica” non può e non deve interferire nei poteri della Magistratura e, quando lo fa, si apre un conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato che spetta alla Corte Costituzionale risolvere. I confini sono quelli stabiliti dalla Carta costituzionale e sono invalicabili anche per il Parlamento. Né può sostenersi che le Camere potrebbero modificare tali rapporti con la procedura di revisione, regolata dall’art. 138 Cost., visto che l’actio finium regundorum sarebbe, a sua volta, incostituzionale se venisse a intaccare il principio della separazione dei poteri, che costituisce uno dei pilastri dello stato di diritto.

Che poi la giustizia svolga, in particolari contingenze storiche, azione di supplenza in materia di tutela dei diritti, dell’ambiente, di contrasto alla corruzione, criminalità organizzata e terrorismo, lo fa pur sempre in presenza di ipotesi di reato, in ossequio all’obbligo del pubblico ministero di esercitare l’azione penale (art. 112 Cost). A loro volta, Parlamento e Governo dovrebbero assicurare il buon andamento e l’imparzialità della Pubblica amministrazione, come prescritto dall’art. 97 della Costituzione, attraverso una rigorosa attività di vigilanza e dettando regole di trasparenza ed efficienza, atte a prevenire fenomeni degenerativi di corruzione, spreco delle risorse pubbliche, inefficienze.

L’auspicio di un “riassetto dei poteri” che riassicuri il ritorno alla “normalità costituzionale”, oltre ad assumere oggettivamente un vago tono intimidatorio, risulta generico e, come tale, rischia di aprire un varco a proposte di riforme costituzionali di tipo autoritario (la Repubblica presidenziale con l’elezione diretta del Capo dello Stato, la stessa riduzione del numero dei parlamentari, la separazione delle carriere tra Magistratura inquirente e quella giudicante con sottoposizione della prima al Potere Esecutivo), delle quali non si avverte la necessità. Su argomenti di questa importanza, ogni spostamento dell’equilibrio tra poteri potrebbe avere conseguenze disastrose per le sorti della democrazia. Il popolo italiano, quello cui spetta la sovranità (art. 1 Cost.), ha già pronunciato il suo netto rifiuto sui due progetti di riforme costituzionali, sottoposti a referendum confermativi e questo dovrebbe ammonire chi ancora ritiene di mettere nuovamente mano all’architettura dei poteri disegnata in Costituzione.

Le attuali vicende che hanno interessato Magistratura e CSM hanno sicuramente indebolito la credibilità dell’istituzione giudiziaria dando la stura a polemiche pesantissime circa la sua capacità di autogoverno, soprattutto nella selezione dei dirigenti degli uffici, le cui nomine appaiono il risultato di accordi correntizi che coinvolgono anche settori politici; quando invece dovrebbero avvenire secondo criteri ispirati unicamente a meritocrazia e trasparenza.

Violante segnala ancora “gli effetti criminalizzanti” connessi a comunicazioni giudiziarie teoricamente dirette a tutelare il cittadino. Non è chiaro a quale istituto processuale egli faccia riferimento, visto che nel nuovo Codice di procedura penale di comunicazione giudiziaria non v’è cenno. Esiste invece l’informazione di garanzia (art. 369 C.p.p.) che va inviata all’indagato e alla persona offesa, per posta, in plico chiuso, con raccomandata con ricevuta di ritorno (quindi senza alcuna forma di pubblicità), solo nei casi in cui il pubblico ministero debba compiere atti ai quali i difensori delle parti private hanno diritto di assistere, come l’interrogatorio dell’indiziato, sequestri, perquisizioni, ricognizioni di persone, luoghi e cose. Essa, inoltre, deve tassativamente indicare le norme di legge che si assumono violate, la data e il luogo del fatto, l’invito a nominare un difensore di fiducia. Nessun effetto criminalizzante può dunque temersi da attività di indagine assistite da tassative e così stringenti garanzie difensive, sempre che siano assicurate le esigenze di rispetto del segreto investigativo.

 

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze