Il riassetto dei poteri

riassetto dei poteri

 

*Da Vincenzo Macrì, autorevole ex magistrato, riceviamo e volentieri pubblichiamo.

In un articolo a firma di Luciano Violante, apparso su la Repubblica dell’8 luglio, pag. 28, dal titolo “I giudici e la politica debole”, si legge testualmente: «La magistratura deve esercitare i poteri che la politica le attribuisce per garantire la libertà e i diritti dei cittadini da ogni aggressione e il Parlamento deve definire con chiarezza i confini tra la sovranità della politica e l’indipendenza della giustizia». Questo, secondo l’Autore, sarebbe il modello “sulla carta”; nella pratica, invece, accade che una politica debole abbia consentito alla Magistratura penale di debordare dai propri limiti e attribuirsi compiti incongrui come vigilare sulla moralità di cittadini e Istituzioni, criminalizzare categorie economiche e amministrative e via dicendo, anche attraverso l’uso di comunicazioni giudiziarie che anticipano valutazioni di colpevolezza con danni enormi per la reputazione di cittadini e imprese. In conclusione, «solo il riassetto dei poteri può ricostruire una fase di normalità costituzionale».

Pur nel doveroso rispetto dell’autorevole rappresentante della Magistratura prima e della vita politica poi, è necessario senza timori reverenziali, sottolineare che le tesi esposte nell’articolo, si collocano decisamente fuori dal quadro costituzionale.

Non è, infatti, la Politica che attribuisce alla Magistratura i poteri che essa deve esercitare, ci mancherebbe altro. Non siamo in un Paese di democrazia illiberale, ma è la Costituzione che li stabilisce e non sono ammissibili deroghe. Analogamente, non è il Parlamento che deve definire i “confini” tra la sovranità della politica e l’indipendenza della giustizia. La “Politica” non può e non deve interferire nei poteri della Magistratura e, quando lo fa, si apre un conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato che spetta alla Corte Costituzionale risolvere. I confini sono quelli stabiliti dalla Carta costituzionale e sono invalicabili anche per il Parlamento. Né può sostenersi che le Camere potrebbero modificare tali rapporti con la procedura di revisione, regolata dall’art. 138 Cost., visto che l’actio finium regundorum sarebbe, a sua volta, incostituzionale se venisse a intaccare il principio della separazione dei poteri, che costituisce uno dei pilastri dello stato di diritto.

Che poi la giustizia svolga, in particolari contingenze storiche, azione di supplenza in materia di tutela dei diritti, dell’ambiente, di contrasto alla corruzione, criminalità organizzata e terrorismo, lo fa pur sempre in presenza di ipotesi di reato, in ossequio all’obbligo del pubblico ministero di esercitare l’azione penale (art. 112 Cost). A loro volta, Parlamento e Governo dovrebbero assicurare il buon andamento e l’imparzialità della Pubblica amministrazione, come prescritto dall’art. 97 della Costituzione, attraverso una rigorosa attività di vigilanza e dettando regole di trasparenza ed efficienza, atte a prevenire fenomeni degenerativi di corruzione, spreco delle risorse pubbliche, inefficienze.

L’auspicio di un “riassetto dei poteri” che riassicuri il ritorno alla “normalità costituzionale”, oltre ad assumere oggettivamente un vago tono intimidatorio, risulta generico e, come tale, rischia di aprire un varco a proposte di riforme costituzionali di tipo autoritario (la Repubblica presidenziale con l’elezione diretta del Capo dello Stato, la stessa riduzione del numero dei parlamentari, la separazione delle carriere tra Magistratura inquirente e quella giudicante con sottoposizione della prima al Potere Esecutivo), delle quali non si avverte la necessità. Su argomenti di questa importanza, ogni spostamento dell’equilibrio tra poteri potrebbe avere conseguenze disastrose per le sorti della democrazia. Il popolo italiano, quello cui spetta la sovranità (art. 1 Cost.), ha già pronunciato il suo netto rifiuto sui due progetti di riforme costituzionali, sottoposti a referendum confermativi e questo dovrebbe ammonire chi ancora ritiene di mettere nuovamente mano all’architettura dei poteri disegnata in Costituzione.

Le attuali vicende che hanno interessato Magistratura e CSM hanno sicuramente indebolito la credibilità dell’istituzione giudiziaria dando la stura a polemiche pesantissime circa la sua capacità di autogoverno, soprattutto nella selezione dei dirigenti degli uffici, le cui nomine appaiono il risultato di accordi correntizi che coinvolgono anche settori politici; quando invece dovrebbero avvenire secondo criteri ispirati unicamente a meritocrazia e trasparenza.

Violante segnala ancora “gli effetti criminalizzanti” connessi a comunicazioni giudiziarie teoricamente dirette a tutelare il cittadino. Non è chiaro a quale istituto processuale egli faccia riferimento, visto che nel nuovo Codice di procedura penale di comunicazione giudiziaria non v’è cenno. Esiste invece l’informazione di garanzia (art. 369 C.p.p.) che va inviata all’indagato e alla persona offesa, per posta, in plico chiuso, con raccomandata con ricevuta di ritorno (quindi senza alcuna forma di pubblicità), solo nei casi in cui il pubblico ministero debba compiere atti ai quali i difensori delle parti private hanno diritto di assistere, come l’interrogatorio dell’indiziato, sequestri, perquisizioni, ricognizioni di persone, luoghi e cose. Essa, inoltre, deve tassativamente indicare le norme di legge che si assumono violate, la data e il luogo del fatto, l’invito a nominare un difensore di fiducia. Nessun effetto criminalizzante può dunque temersi da attività di indagine assistite da tassative e così stringenti garanzie difensive, sempre che siano assicurate le esigenze di rispetto del segreto investigativo.

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica