Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

727

Quel 56,2 per cento di italiani che, secondo l’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, sparerebbe al ladro trovato di notte in casa, è la prova, secondo la Lega, che la proposta di legge appena presentata, la quale toglie limiti e proporzioni alla legittima difesa, va nella direzione giusta. Lo sottolinea in questa intervista Massimiliano Romeo, 47 anni monzese, capogruppo della Lega al Senato e primo firmatario del testo su cui, già la prossima settimana, la discussione entrerà nel vivo.

Che effetto le fa, senatore, commentare il dato Eurispes secondo il quale più della maggioranza degli italiani metterebbe mano alle armi contro gli intrusi?

È un dato preoccupante, che testimonia il fatto di come i cittadini non si sentano protetti dallo Stato, e dunque, per difendere il proprio domicilio, il proprio negozio, il proprio posto di lavoro, sono portati a farsi giustizia da sé. Ma, secondo noi, non devono subire conseguenze penali, per questo. Di qui nasce la nostra proposta di legge.

Come mai questo clima di paura, se i delitti da cinque anni sono in calo, come dimostrano i dati del ministero dell’Interno?

Non credo proprio che i delitti siano in calo. La verità è che gran parte della gente, sfiduciata, non va neppure a sporgere denuncia, perché tanto sa che il ladro la farà franca.

Venendo al testo appena presentato, voi eliminate il principio secondo cui la risposta di chi subisce l’offesa deve essere proporzionale all’offesa ricevuta, a giudizio del magistrato.

È così. Voglio sottolineare, intanto, che la nostra proposta è lo stessa che avevamo presentato nella precedente legislatura, e che portava la firma dell’attuale sottosegretario all’Interno Nicola Molteni. Il punto fermo è che la difesa è legittima sempre. Modifichiamo l’articolo 52 del codice penale, superando quel criterio di proporzionalità tra difesa ed offesa. Non ci siamo inventati nulla: il principio di presunzione della legittima difesa lo abbiamo attinto dalla legislazione francese. Se qualcuno entra in casa tua contro la tua volontà, armato o no che sia, viene considerata legittima qualsiasi reazione.

Poniamo questo esempio: una persona torna dalle vacanze, trova la sua porta spalancata, entra in casa con la rivoltella in mano. Dopo poco arriva un coinquilino dello stesso piano. Vede spalancato, vuole controllare. L’altro si rivolta e spara. Legittima difesa?

Ma questo è un caso paradossale, di pura fantasia! E poi noi non diciamo che intendiamo eliminare l’azione giudiziaria. Non è una liberalizzazione totale, la nostra. La magistratura aprirà un’inchiesta, farà degli accertamenti e trarrà le sue conclusioni.

Non incentiverete l’uso delle armi? Non è preferibile che a garantire la sicurezza sia lo Stato, invece dei privati cittadini?

Crediamo nello Stato e vogliamo che sia più forte e più efficiente. Nella nostra proposta proponiamo anche un inasprimento delle pene per i ladri.

Secondo il presidente della Camera penale di Roma, Cesare Placanica, non è vero che pene maggiori provochino una riduzione dei delitti. Con l’omicidio stradale, ad esempio, l’inasprimento non ha funzionato.

Non sono affatto d’accordo con Placanica. Non è soltanto una questione di anni di reclusione: si tratta, con questi, di garantire anche la certezza della pena. Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere.

Sono state presentate anche altre proposte di legge sulla legittima difesa. E se ne arrivasse una del governo?

Intanto c’è la nostra, che non soltanto è stata presentata, ma anche incardinata: dalla prossima settimana l’esame entrerà nel vivo. E, attenzione, la legge è non solo al Senato: è stata presentata e incardinata anche alla Camera, grazie al prezioso lavoro di mediazione del mio collega, il Senatore Andrea Ostellari. Andiamo avanti dritti, decisi a tagliare il traguardo, ma pronti ad ascoltare e a valutare altri contributi, anche dello stesso governo.

Ultime notizie
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata