Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

705

Quel 56,2 per cento di italiani che, secondo l’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, sparerebbe al ladro trovato di notte in casa, è la prova, secondo la Lega, che la proposta di legge appena presentata, la quale toglie limiti e proporzioni alla legittima difesa, va nella direzione giusta. Lo sottolinea in questa intervista Massimiliano Romeo, 47 anni monzese, capogruppo della Lega al Senato e primo firmatario del testo su cui, già la prossima settimana, la discussione entrerà nel vivo.

Che effetto le fa, senatore, commentare il dato Eurispes secondo il quale più della maggioranza degli italiani metterebbe mano alle armi contro gli intrusi?

È un dato preoccupante, che testimonia il fatto di come i cittadini non si sentano protetti dallo Stato, e dunque, per difendere il proprio domicilio, il proprio negozio, il proprio posto di lavoro, sono portati a farsi giustizia da sé. Ma, secondo noi, non devono subire conseguenze penali, per questo. Di qui nasce la nostra proposta di legge.

Come mai questo clima di paura, se i delitti da cinque anni sono in calo, come dimostrano i dati del ministero dell’Interno?

Non credo proprio che i delitti siano in calo. La verità è che gran parte della gente, sfiduciata, non va neppure a sporgere denuncia, perché tanto sa che il ladro la farà franca.

Venendo al testo appena presentato, voi eliminate il principio secondo cui la risposta di chi subisce l’offesa deve essere proporzionale all’offesa ricevuta, a giudizio del magistrato.

È così. Voglio sottolineare, intanto, che la nostra proposta è lo stessa che avevamo presentato nella precedente legislatura, e che portava la firma dell’attuale sottosegretario all’Interno Nicola Molteni. Il punto fermo è che la difesa è legittima sempre. Modifichiamo l’articolo 52 del codice penale, superando quel criterio di proporzionalità tra difesa ed offesa. Non ci siamo inventati nulla: il principio di presunzione della legittima difesa lo abbiamo attinto dalla legislazione francese. Se qualcuno entra in casa tua contro la tua volontà, armato o no che sia, viene considerata legittima qualsiasi reazione.

Poniamo questo esempio: una persona torna dalle vacanze, trova la sua porta spalancata, entra in casa con la rivoltella in mano. Dopo poco arriva un coinquilino dello stesso piano. Vede spalancato, vuole controllare. L’altro si rivolta e spara. Legittima difesa?

Ma questo è un caso paradossale, di pura fantasia! E poi noi non diciamo che intendiamo eliminare l’azione giudiziaria. Non è una liberalizzazione totale, la nostra. La magistratura aprirà un’inchiesta, farà degli accertamenti e trarrà le sue conclusioni.

Non incentiverete l’uso delle armi? Non è preferibile che a garantire la sicurezza sia lo Stato, invece dei privati cittadini?

Crediamo nello Stato e vogliamo che sia più forte e più efficiente. Nella nostra proposta proponiamo anche un inasprimento delle pene per i ladri.

Secondo il presidente della Camera penale di Roma, Cesare Placanica, non è vero che pene maggiori provochino una riduzione dei delitti. Con l’omicidio stradale, ad esempio, l’inasprimento non ha funzionato.

Non sono affatto d’accordo con Placanica. Non è soltanto una questione di anni di reclusione: si tratta, con questi, di garantire anche la certezza della pena. Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere.

Sono state presentate anche altre proposte di legge sulla legittima difesa. E se ne arrivasse una del governo?

Intanto c’è la nostra, che non soltanto è stata presentata, ma anche incardinata: dalla prossima settimana l’esame entrerà nel vivo. E, attenzione, la legge è non solo al Senato: è stata presentata e incardinata anche alla Camera, grazie al prezioso lavoro di mediazione del mio collega, il Senatore Andrea Ostellari. Andiamo avanti dritti, decisi a tagliare il traguardo, ma pronti ad ascoltare e a valutare altri contributi, anche dello stesso governo.

Ultime notizie
Eventi

Selfie mania, la follia dell’autoritratto compulsivo

Le ossessioni della società nell'era dei “bastoni per il selfie”: la mostra T’a vuó fá fá sta foto? organizzata presso la galleria Spazio 5 di Roma, racconta con leggerezza e ironia, attraverso le immagini, la follia dell’autoritratto compulsivo
di Diego Sambucini
International

Sanzioni Usa all’Iran. Corte dell’Aja: sentenza del “pareggio”. L’analisi

Sanzioni Usa all'Iran. Lo scorso 3 ottobre la Corte internazionale di giustizia de L’Aja ha reso la sua sentenza "del pareggio". L'avvocato Paolo Busco, dell'Osservatorio Sicurezza dell'Eurispes, analizza i diversi aspetti della decisione
di Paolo Busco
Lavoro

Non studiano e non lavorano, dramma “Neet”. Italia maglia nera

Italia maglia nera per il numero di Neet, con il suo 24,3% di giovani che non studia e non lavora: parliamo di circa 2,2 milioni di persone. Nelle regioni del Mezzogiorno il record negativo.
di Alfonso Lo Sardo
Sicurezza

Il tesoro nascosto dei big data. Ecco quanto vale ciascuno di noi

I big data sono la nuova, vera, ricchezza dell’economia globale. Perché le informazioni sono denaro. Ma quanto valgono davvero questi dati? E...
di Giovambattista Palumbo
Sicurezza

Immigrazione, dall’epoca dell’emigrazione al decreto Salvini. La ricostruzione

Migranti e immigrazione: intervento del Generale Tullio Del Sette, Presidente Osservatorio sulla Sicurezza dell’Eurispes al convegno “Dialogo permanente sulle immigrazioni”.
di Tullio Del Sette
Fisco

Robot tax, tassare i “super” profitti delle “super” intelligenze

Tassare i super profitti delle intelligenze artificiali per ridistribuire gli effetti delle innovazioni tecnologiche, considerando i robot soggetti che producono reddito e quindi imponibili. Ecco le proposte per un nuovo sistema fiscale che non ostacoli le imprese e il progresso
di Giovambattista Palumbo
Innovazione

Il Dna segreto di Amazon, Apple, Facebook e Google. “The Four”

Amazon, Apple, Facebook e Google, i “quattro cavalieri” del Potere, alla base della profonda rivoluzione della digital transformation. Qual è la loro missione e dove stiamo andando? Scott Galloway ne parla nel suo libro The Four I Padroni
di Alberto Mattiacci
Politica

Vigili del fuoco delusi: “Il governo trovi 100 milioni”

I vigili del fuoco restano sotto organico e sottopagati. Il decreto attuativo della “legge delega” sul Corpo, approvato dal governo, non ha toccato questi due gravi problemi, e dunque la battaglia per essere riconosciuti alle stregua delle altre forze dell’ordine continua.
di Corrado Giustiniani
Innovazione

La città del futuro? Facciamo pagare le tasse ai robot

Città “sensibili” e non solo “smart”, tecnologicamente intelligenti ma a misura di cittadino. L'intervista a Carlo Ratti, architetto e urbanista, autore del saggio “Città di domani”
di Massimiliano Cannata
Fisco

Def, politica e debito pubblico: partiamo dal fisco

Bufera sul Def. In 23 punti elenchiamo quelli che potrebbero essere i cardini di una rivoluzione fiscale
di Giovambattista Palumbo