Il “vicinissimo” oriente

I Tg di venerdì 3 aprile – Seppure a scoppio ritardato la svolta di Losanna è in apertura (e ci mancherebbe altro!) su quasi tutti, a partire dal Tg1 che ieri era stato “sorpreso” dalla notizia giunta poco prima della messa in onda. Tg2 e TgLa7 mostrano ampiamente le immagini della festa per le strade di Teheran e gli applausi del popolo iraniano all’intervento di Obama che prefigura un nuovo corso nei rapporti tra occidente e antica Persia, ma che rappresenta anche uno scossone nei complessi equilibri del mondo arabo e dell’intero medio oriente. La fiera opposizione all’accordo da parte del governo israeliano, ripresa da tutti, dimostra che certe volte la presenza di nemici storici “stabilizza” le posizioni in campo, e che alla ricerca di un difficile futuro di pace si preferisce la logica del muro contro muro. Mentana dice di più, e parla del riemergere dell’elemento religioso e delle divisioni religiose nel mondo islamico che generano anche l’aggressività verso i cristiani d’oriente, come dimostra da ultimo la strage in Kenya. Le 147 vittime accertate tra gli studenti e i professori del college ad opera di una cellula qaedista sono “alte” in tutte le testate, tanto più nella serata della Via crucis al Colosseo. Su Rai e su La7 in evidenza movimenti di avvicinamento di ciò che resta di Al Qaeda all’Isis che prefigurano una vera e propria confluenza.

La politica interna offre ad ampie mani il volto del nuovo ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, che lascia però un vuoto a Palazzo Chigi. Tg4 ritrae, come gli altri, Delrio mentre raggiunge il nuovo posto di lavoro in bicicletta, ma per rimarcare un indisciplinato comportamento nel traffico della Capitale: un vero scoop! Sul versante Forza Italia assistiamo all’uscita di Berlusconi che cerca di richiamare all’ordine chi è rimasto fedele e al silenzio chi ad oggi se ne andato. Da Rai e La7 (già nei titoli) apprendiamo che Fitto continua a scalciare e che Bondi risponde per le rime al richiamo del suo ex campione politico; su Mediaset questi elementi scompaiono del tutto. Sempre per rimanere al leader ammaccato del centrodestra, Tg3 dedica un documentato servizio alle manovre per disfarsi dell’amatissimo Milan, che dovrebbe finire in mani cinesi: segnale, questo, assai indicativo di un possibile abbandono della scena pubblica.

L’attenzione ai retroscena del disastro aereo provocato dalla volontà suicida e omicida del copilota continua ad essere alta per tutti, tanto più nel giorno in cui la seconda scatola nera rivela con maggiore certezza la sua consapevole intenzione di compiere una strage. Ora si sa tutto, e c’è da augurarsi che si eviti di generare il consueto tormentone che nei casi di cronaca criminale, o comunque particolarmente rilevanti, accompagna per settimane e mesi i teleutenti.

A proposito di cronaca “nera”, su Studio Aperto, Tg4 ma anche Tg3 troviamo la storiaccia del tassista romano che sbatte per terra un cittadino “reo” dia aver parcheggiato la propria vettura nello spazio delle auto pubbliche davanti ad una farmacia per comprare un farmaco per figlio handicappato (rimasto per altro nella vettura): una storia di ordinaria violenza metropolitana, tra le tante che raramente varcano i cancelli dell’informazione mainstream, a meno che non siano addebitabili a rom o extracomunitari.

Chiudiamo segnalando l’approfondimento del Tg2 che coniuga la notizia del giorno della decisione francese di impedire importazioni dalla Puglia dei generi agricoli, e il dramma degli splendidi ulivi pugliesi colpiti dalla xylella.

Dati auditel dei Tg di giovedì 2 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.627.000, 20,91% ore 20:00 5.161.000, 23,82%.
Tg2 – ore 13:00 2.532.000, 15,72% ore 20:30 1.988.000, 8,43%.
Tg3 – ore 14:30 1.715.000, 10,83% ore 19:00 1.636.000, 10,73%.
Tg5 – ore 13:00 3.178.000, 19,52% ore 20:00 4.268.000, 19,39%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.717.000, 13,48% ore 18:30 809.000, 6,73%.
Tg4 – ore 11.30 414.000, 6,09% ore 18:55 568.000, 3,91%.
Tg La7 – ore 13:30 505.000, 2,91% ore 20:00 1.127.000, 5,14%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili