In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia

La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata, e probabilmente si sta chiudendo, quella che convenzionalmente è stata conosciuta come “Primavera Araba”, e che alcuni hanno preferito declinare “Risveglio Islamico”.

A prescindere dalla sua matrice politica o religiosa, la rivolta contro il Presidente tunisino Ben Ali tra il dicembre 2010 e il gennaio 2011 e la sua successiva cacciata dal paese, avviarono un decennio di fermenti popolari innescati da frustrazione, ingiustizie sociale, oppressione e pessima governance che hanno successivamente finito per scuotere l’intero Medio Oriente.

La transizione tunisina

Alla relativamente pacifica “transizione” tunisina, hanno fatto seguito quelle ben più cruente in Egitto, Libia e Siria. Negli ultimi due casi ne sono scaturite delle vere e proprie guerre civili con un bilancio pesantissimo. Nel piccolo Emirato del Bahrein, invece, l’insurrezione della maggioranza sciita della popolazione venne sollecitamente repressa in breve tempo con l’aiuto “fraterno” della vicina Arabia Saudita.

Insieme al Libano, la Tunisia era, e probabilmente resta, il paese arabo con la società civile più avanzata, e questo potrebbe spiegare la transizione pacifica tra il regime autoritario del Presidente Ben Ali e i successivi governi espressione di libere elezioni, in cui il Partito Enhada, rappresentante della Fratellanza Musulmana, ha svolto un ruolo di rilievo.

Dalla Tunisia alla Libia

Naturalmente, la Tunisia era e resta importante per la sua posizione peculiare, a lungo un crocevia sostanzialmente laico tra Europa e Nord Africa e tra Mediterraneo occidentale e orientale ma, soprattutto, come osservatorio privilegiato sia per quanto accade nella turbolenta e confinante Libia, sia come importante termometro per l’evoluzione della complessa dinamica tra Islam politico e democrazia.

Pur con tutti i suoi limiti, e non pochi contraccolpi, la Tunisia è sembrata l’unica success story della Primavera Araba fino a quando, nel luglio scorso, Presidente della Repubblica, Kais Saied, ha effettuato un colpo di stato sciogliendo il parlamento ed assumendo poteri straordinari dopo mesi di crescenti tensioni per il malcontento economico e sociale con il governo del Premier Hichem Mechici e il Parlamento presieduto dal leader di Enhada, Rachid Gannouchi.

Saied, che è un docente di diritto costituzionale, ha giustificato la sua decisione invocando l’art. 80 della Costituzione tunisina, adottata nel 2014. Tuttavia, l’interpretazione ed applicazione del predetto articolo sembrerebbe andata, secondo l’opinione della maggioranza dei giuristi, ben oltre il suo dispositivo.

La tensione interna, peraltro, non accenna a placarsi. I pesanti effetti della pandemia e la crisi economica, aggravati da una debole performance di governo e parlamento, hanno offerto facili argomentazioni al Presidente Saied e ai suoi non pochi sostenitori nel paese. Si sono susseguite proteste tra questi ultimi e le forze politiche che sono strenuamente contrarie alle scelte del Presidente, mentre quest’ultimo, recentemente, non ha risparmiato né dichiarazioni incendiarie, né decisioni irritanti come la proroga, a tempo indeterminato, delle misure di emergenza, e nemmeno soluzioni potenzialmente polarizzanti, come il prospettato ricorso ad un referendum, sulla cui eventuale regolarità sarebbe lecito nutrire più di un dubbio.

Quelle che avrebbero dovuto essere delle reazioni sdegnate da parte della comunità internazionale, in particolare quella occidentale, che dovrebbe essere assai vocale in queste situazioni in ottemperanza ai suoi conclamati valori, si sono finora risolte in tenui condanne o, addirittura, imbarazzati silenzi.

Non è ancora chiaro se gli sviluppi in Tunisia debbano essere iscritti ad una degenerazione politica dovuta alle crescenti – ed oggettive – tensioni interne, o anche questi vadano invece ricondotti alla pluriennale contrapposizione che divide il mondo arabo-islamico e che vede Turchia e Qatar associati nel sostegno alla Fratellanza Musulmana ed Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita ed Egitto che vi si oppongono strenuamente; un confronto che ha finora trovato nel conflitto libico il principale terreno di scontro. La Tunisia potrebbe essere l’ultimo tassello di un regolamento dei conti che ha già visto la “normalizzazione” dell’Egitto con il colpo di stato del 2013 che ha rovesciato il governo del Presidente Mohamed Morsi, anch’esso espressione della Fratellanza Musulmana, nonché vincitore delle prime libere elezioni egiziane del 2012.

Un’involuzione autoritaria

A prescindere dalle disquisizioni costituzionali, dalle più o meno flebili reazioni al putsch, e dalle reali origini del golpe, la Tunisia merita attenzione poiché denota l’ennesima involuzione autoritaria in una regione che, la più recente esperienza storica insegna, generalmente si risolve – a medio-lungo termine – in crisi ancora più esplosive e, in prospettiva, difficili da gestire.

In una situazione internazionale altamente incerta come quella attuale, con la perduranza della pandemia, le nubi dell’inflazione e dell’eccesso di debito che si addensano sulle prospettive di un vigoroso rilancio della crescita economica mondiale, ed una preoccupante ripresa della competizione tra le grandi potenze dopo la trentennale era unipolare statunitense, potrebbe apparire comprensibile che anche le democrazie occidentali tendano a privilegiare – come nel caso tunisino (ma vale anche per quello egiziano ad esempio) – la stabilità rispetto alla strenua difesa dei propri valori. Si tratta di un errore. A lungo termine potrebbe risultare sempre più difficile operare, e soprattutto promuovere passivamente, una distinzione tra le dittature buone e quelle cattive sulla base della mera realpolitik.

Il ruolo dell’Italia e i possibili sviluppi

Per l’Italia poi, per ragioni facilmente intuibili, i fatti di Tunisi rappresentano un’ulteriore complicazione nella gestione della complessa partita libica, che si è ormai trasformata in uno snodo delicatissimo di un grande gioco nel Mediterraneo orientale: un crocevia di interessi conflittuali che coinvolgono il nostro Paese, la Francia, la Russia, l’Egitto, la Turchia e financo alcune monarchie del Golfo Persico, e che investe i temi della sicurezza, degli approvvigionamenti energetici e delle migrazioni, generate ormai, come noto, non solo da ragioni politiche ed economiche, ma anche e soprattutto climatiche.

Sarebbe a dir poco imprudente, nonché potenzialmente controproducente, immaginare di gestire la partita libica ignorando quanto sta accadendo nel suo vicino occidentale. Qualunque soluzione dovrebbe quindi essere comprensiva, e soprattutto poggiare, su un autentico impegno dell’Unione europea verso le minacce di vario tipo che si profilano nei suoi confini Sud-orientali.

In questo frangente storico l’Italia vanta la fortuna non solo di avere un leader come Mario Draghi, di altissima reputazione e credibilità internazionale, ma anche il fatto che in àmbito europeo – complici anche l’auto-esilio britannico con la Brexit, le incertezze del dopo-Merkel in Germania e le nubi che si addensano sul rinnovo di Macron in Francia la prossima primavera – egli possa vantare un prestigio che raramente ha contraddistinto i suoi predecessori nel suo attuale incarico. Il Presidente Draghi dovrebbe cogliere questa opportunità, che difficilmente potrebbe ripresentarsi in futuro, per promuovere un’iniziativa forte dell’Ue che potrebbe anche contare sulle crescenti distrazioni asiatiche degli Stati Uniti e, perché no, sull’orgoglio ferito della Francia dopo la vicenda, gestita pessimamente, dei sottomarini originariamente destinati all’Australia. Il Presidente Macron, già da tempo in campagna elettorale, è alla ricerca di un test concreto in cui rilanciare efficacemente il suo paese. L’ottima relazione che lega i due leader sembra un’eccellente base di partenza per un’iniziativa che avrebbe risvolti positivi per entrambi e di riflesso anche sull’Ue.

Una composizione del quadro tunisino che salvaguardi i risultati acquisiti della sollevazione di dieci anni fa sembrerebbe un prerequisito fondamentale per meglio affrontare la difficile partita libica e quella ben più ampia e fonte di crescenti preoccupazioni che riguarda il Sahel. Se poi tale eventuale iniziativa Ue sviluppasse anche un filone dedicato al Libano tanto meglio.

Nella misura in cui l’Ue fosse in grado di convergere su una chiara identificazione delle principali minacce esterne che incombono sui suoi membri, partendo dalla consapevolezza che queste sono assai più prossime, geograficamente, di quanto sostenuto dalla narrativa geopolitica prevalente, ecco che di riflesso ne potrebbe beneficiare anche la sua autonomia strategica. Quest’ultima ha inoltre tutto l’interesse a fare in modo che la dinamica tra Islam politico e democrazia consolidi il ricorso alle urne come naturale terreno di confronto.

La Tunisia offre questa duplice opportunità, confermandosi come qualcosa di molto più importante di un piccolo paese del Nord-Africa.

 

 

*Marco Carnelos è il CEO di MC Geopolicy ed Ex Inviato Speciale per il Medio Oriente

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra