Infiltrazioni criminali nella Sanità: il caso della Asp di Reggio Calabria

Doctor rushing in hallway

In occasione della recente riunione dell’Osservatorio su Salute, Previdenza, Legalità, finalizzata alla preparazione del secondo Rapporto sulla Sanità italiana, ho espresso più volte la necessità che, dopo la pubblicazione del primo Rapporto – che ha raccolto unanimi valutazioni positive non solo per l’accuratezza della ricerca ma anche per essere la prima completa ricostruzione realizzata nel nostro Paese sul Sistema Sanitario italiano e sulla sua gestione dopo circa quarant’anni –, ci si impegni ora per evidenziare quegli aspetti che mettano in evidenza i processi di cambiamento intervenuti, nell’arco di qualche anno, nel settore.
Ho evidenziato in particolare, in quella occasione, un punto che, anche per la mia esperienza professionale di magistrato della Direzione Nazionale Antimafia (e oggi anche Antiterrorismo), mi sembra rivestire una particolare importanza per la salute del Sistema Sanitario italiano. Mi riferisco alle infiltrazioni e, in qualche caso, all’occupazione della criminalità organizzata di tipo mafioso nella gestione delle unità territoriali, negli ospedali, nel traffico di medicinali, nelle procedure di affidamento di forniture e servizi, nella selezione del personale dirigente e di quello sanitario. La proposta ha ricevuto l’adesione dei partecipanti, essendo comune la consapevolezza, da una parte, del pericolo di spregiudicate operazioni di riciclaggio dei proventi illeciti delle organizzazioni mafiose, dall’altra, di esercitare, attraverso le strutture sanitarie nuove, inedite forme di occupazione di spazio politico, di condizionamento, di corruzione e di vera e propria espropriazione, in un settore che assorbe una parte maggioritaria della spesa regionale.
Dopo appena qualche settimana, è giunta la conferma che quanto l’Osservatorio aveva individuato come obiettivo prioritario della ricerca, si rivelava del tutto ineludibile. Alle tante vicende giudiziarie e investigative, oltre alle inchieste di importanti Centri di ricerca e a quelle giornalistiche, si aggiungeva lo scioglimento dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, deliberato il 7 marzo dal Consiglio dei Ministri, per gravi e documentate infiltrazioni mafiose (ovviamente da parte della ‘Ndrangheta), accertate dalla Commissione d’accesso. Analogo provvedimento era stato adottato nel 2008, evidentemente senza esito positivo, segno che la ‘Ndrangheta reggina non intende “lasciare la preda”, nel contesto del progetto (in buona parte già realizzato) dell’occupazione economica e istituzionale della città. Il Ministro della Salute, Giulia Grillo, aggiunge l’esistenza di «un disastro economico mostruoso», che si pone come una delle più dirette conseguenze del clima di corruzione, di sprechi e di illegalità, che domina la sanità reggina. Non si dispone, purtroppo, della relazione della Commissione di accesso (di contenuto riservato), anche se penso che l’opinione pubblica avrebbe il dovere di essere resa edotta sullo sconcertante quadro che la Commissione ha registrato.
Tornerò sull’argomento, anche per il collegamento tra la vicenda reggina e quella milanese, nella quale la ‘Ndrangheta ha in atto un piano di acquisto massiccio di farmacie e strutture sanitarie: in questo senso, segnalo, come particolarmente significativo, l’acquisto della storica farmacia Caiazzo nel cuore di Milano, circostanza sulla quale è già intervenuta la DDA milanese. D’altra parte, sin quando il sistema consente alle mafie di acquisire enormi, incalcolabili, profitti dal traffico di droga, in particolare, di cocaina (settore nel quale la ‘Ndrangheta occupa un ruolo di assoluto primato in Europa), non c’è da sorprendersi se poi, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno, esse si impadroniscono di blocchi di economia, di finanza, di commercio e persino di servizi pubblici.

Vincenzo Macrì è il Presidente dell’Osservatorio su Sanità, Previdenza, Legalità Eurispes ed Enpam

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang