Recensioni

La conquista della Luna. Segreti, aneddoti e polemiche sul giorno che cambiò la nostra vita

267

21 Luglio 1969 Quel giorno sulla Luna. La conquista dello spazio cinquant’anni dopo è il titolo del libro scritto a quattro mani da Luca Liguori e Giancarlo Mazzucca per Minerva Edizioni, pubblicato nel luglio di quest’anno. Il titolo lascia sicuramente poco spazio all’immaginazione, facendo immediatamente intuire di cosa si stia parlando; tuttavia, un’impronta nuova e del tutto originale viene impressa dai due autori grazie al personale punto di vista dal quale ci raccontano gli eventi, dando nuova linfa ad un tema ampiamente raccontato.
Gli anni Sessanta resteranno per sempre nella memoria collettiva come anni densi di storia e, in questa storia, l’allunaggio fu uno degli eventi cruciali. Nella lotta tra Stati Uniti e Urss la bandiera che sarebbe stata piantata sul freddo suolo lunare non era un elemento accessorio, bensì la manifestazione della propria superiorità sul nemico, o di una grande rivincita sull’Occidente. Che dietro alla conquista della Luna si celino motivazioni politiche, economiche e di supremazia internazionale è noto, per questo Giancarlo Mazzucca decide di rivivere – a cinquant’anni dall’allunaggio – quel fatidico giorno per l’umanità attraverso la sua diretta esperienza, con un racconto che ci avvicina a quello che era il clima, lo stato d’animo e la routine quotidiana a pochi giorni dal lancio.

Una parte della ricostruzione è affidata ad un altro protagonista italiano di quei giorni, Luca Liguori, che insieme con Enrico Ameri raccontò lo sbarco per Radio Rai. Quei frenetici giorni dell’allunaggio monopolizzarono i ricordi dei giovani del tempo, mostrando le prime e sensazionali immagini della terra vista dal nostro satellite, cosa che mai si sarebbe potuta immaginare se non in un film fantascientifico. Ripercorso in tutte le sue fasi, l’allunaggio viene spiegato e raccontato minuto per minuto, con particolare attenzione a quegli aneddoti che i più ignorano. Fra questi di particolare effetto è il racconto di una grigliata organizzata nella villetta di Huston di Armstrong tre anni dopo la celebre impresa e, durante la quale, si manifestò tutto lo smarrimento post-allunaggio dell’eroe nazionale. Come in trance, fermo innanzi al barbecue, Neil stava bruciando salsicce e bistecche, la cena dei suoi ospiti. Incuriosito dalla moglie che continuava a chiamarlo, Liguori racconta di un Armstrong assente, fermo a contemplare la luna piena che splendeva.
Viene fatta luce anche sul ruolo svolto da una donna come Margaret Hamilton, dandole tutto il rilievo che merita – se non ci fosse stata lei a gestire quei minuti cruciali la missione sarebbe andata in ben altro modo. Luca Liguori ci racconta di un’intima confessione che la Hamilton gli fece in quei giorni: in America esisteva un’attrice (degli anni Trenta) che aveva il suo stesso nome e cognome, e che – neanche a farlo apposta – aveva girato un film dal titolo Nel mondo della Luna. Per la grande informatica, affascinata dalla straordinaria coincidenza, questo non poteva che essere un segno del contributo che avrebbe dovuto dare con il suo lavoro alla missione lunare, come spiegò all’autore.
Il libro si articola in una serie di capitoli che trattano svariati argomenti come il contesto storico e culturale, i principali protagonisti che portarono al lancio dell’Apollo 11, storie di astronauti e interviste.
Fra verità e pettegolezzi – il tutto vissuto in maniera diretta e personale – uno dei temi più discussi e delicati, vale a dire la teoria del complotto, viene ricostruito per quello che è: una messa in scena filmata a Londra, negli studi cinematografici della Metro Goldwyn Meyer, per volontà dell’allora presidente Richard Nixon. Pochi mesi prima, l’uscita nelle sale cinematografiche di 2001 Odissea nello Spazio aveva fatto di Kubrick il maestro indiscusso del genere di fantascienza. Assegnare a quest’ultimo la regia del cortometraggio era una scelta obbligata, e quando la notizia trapelò (anni dopo) tutti i complottisti furono portati a pensare che il film non fu altro che una prova, su scala molto più ampia, di ciò che era stato realizzato a Londra nel segreto più assoluto. Tuttavia, molteplici prove a favore della smentita del falso lunare vengono annoverate per cancellare qualsiasi dubbio, a cominciare dalle foto scattate dagli astronauti per finire con le numerose attrezzature spaziali abbandonate sul suolo lunare.
Il libro si conclude con uno sguardo proiettato al futuro: archiviata la conquista della Luna, il prossimo passo è una passeggiata su Marte. Nell’era in cui le tecnologie sono in continuo sviluppo, il finale del libro è aperto e assolutamente ottimistico: la conquista dell’Apollo 11 ha rappresentato il superamento dei limiti umani, dimostrando che l’uomo è potenzialmente ad un passo dalla conquista di altri pianeti.

Ultime notizie
Politica

La Democrazia Cristiana non si può rifare. Follini: «Serve recuperarne la misura”

Che cosa è stata e che cosa ha rappresentato la Democrazia Cristiana? La Dc non si può rifare, eppure esistono ancora i democristiani. Intervista a Marco Follini, uomo politico e dirigente culturale, autore del libro Democrazia Cristiana. Il racconto di un partito
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La P.A. nella quarta rivoluzione industriale. Governare senza rete

La Pubblica amministrazione nell’epoca della Rete e, paradossalmente, delle incertezze; il ruolo di chi governa e i suoi strumenti: sono le parole chiave del nuovo libro del Presidente del Consiglio nazionale di Legautonomie, Bruno Manzi.
di Ilaria Tirelli
Attualità

Caduta del Muro, “Quando toccai la ferita dentro l’Europa”. Il ricordo

La caduta del Muro di Berlino raccontata ai giovani da chi ne è stato testimone: i ricordi, le sensazioni, la paura, l'euforia, le aspettative e le delusioni. Carmelo Cedrone, responsabile del Laboratorio Europa dell'Eurispes, risponde alle domande degli studenti del Liceo L. A. Seneca di Roma
di Redazione
Attualità

Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

La caduta del Muro che divise l'Europa del Dopoguerra aveva, all'epoca, fatto sperare in un'era di distensione e unità. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti. L'analisi
di Antonio De Chiara
Informazione

Cinquant’anni di Internet, ecco cosa è cambiato. La Rete si è “guastata”. Quali sono i rimedi?

Il 29 ottobre del 1969 avveniva il primo collegamento tra due computer. Cosa è cambiato da allora? Ne parliamo con Arturo di Corinto, psicologo cognitivo, esperto di innovazione tecnologica.
di Massimiliano Cannata
Attualità

La caduta del Muro 30 anni dopo, il mondo ha bisogno di nuove “spallate”

Caduta del Muro di Berlino 30 anni dopo, nell'epoca dei nuovi Muri. Baldazzi: "C’è da chiedersi se, come nella Berlino Ovest, la libertà sia appannaggio di chi erige muri, o di chi ne rimane fuori".
di Alberto Baldazzi
Animali

Svolta animalista della Regina Elisabetta II: 9 italiani su 10 contrari alle pellicce

La Regina Elisabetta II dice basta alle pellicce: d'ora in poi utilizzerà solo capi ecologici e sintetici. La notizia, rivelata da Angela Kelly, già assistente di Sua Maestà per l'abbigliamento, sta suscitando l'approvazione dei movimenti ambientalisti e non solo. Ma che cosa ne pensano gli italiani?
di redazione
Giustizia

Presunzioni legali, la Consulta sul potere discrezionale del magistrato di sorveglianza: alcune ipotesi

Le presunzioni legali e “l’actio finium regundorum” della Consulta sul potere discrezionale del magistrato di sorveglianza: alcune possibili ipotesi sulla declaratoria d’incostituzionalità del comma 1 dell’art. 4 bis ord.pen.
di Daniela Mainenti
Società

Scompare il sociologo Patrizio Di Nicola. Il ricordo dell’Eurispes

Lo scorso 26 ottobre Patrizio Di Nicola ci ha lasciato, dopo una breve malattia. Sociologo, Professore di Sociologia dell’Organizzazione e dei Sistemi...
di Marco Ricceri
Cultura

Gli induisti in Italia: sono 130mila stranieri e 30mila italiani. Il primo Rapporto

Gli induisti in Italia sono oggi oltre 150.000; oltre alla popolazione immigrata, si contano circa 30.000 cittadini italiani induisti. Il primo identikit nel Rapporto L'Induismo in Italia realizzato dall'Eurispes
di redazione