L'opinione

La “cultura mafiosa” e i funerali Casamonica a Roma

67

Ci sono comportamenti che inquietano, a volte, più dei fatti. Ci sono atti delinquenziali che ci spaventano e minacciano. Sicurezza e legalità sono i principi fondanti uno Stato di diritto. Leggi, regole, presidi, autorità, Stato sovrano, autorevolezza, fermezza, protezione dei deboli.

Concetti che butto lì, apparentemente in modo sommario. Ma non confuso. Nè demagogico.
Faccio osservare che il funerale del boss Casamonica, lungi dall’essere un atto mafioso, è molto peggio. Esso attua un “comportamento mafioso”, così come tanti altri che ogni giorno il cittadino italiano è costretto a subire ormai da troppo tempo.

Per intenderci, chiunque, nelle istituzioni e fuori, intraprenda o agevoli (consapevolmente) atti gravemente contrari alla legge pone in essere, senza dubbio alcuno, dei “comportamenti mafiosi”. Cosa è infatti che caratterizza la “mafiosita’”?

La protervia, la forza della intimidazione, il disprezzo delle regole, la sottomissione delle vittime, il controllo del territorio, la ricerca del compromesso corruttivo, l’acquisizione del consenso popolare.

Checché se ne dica, nell’inchiesta su Mafia capitale, al di là della configurabilità, che pare probabile, del 416-bis del codice penale, vi sono una serie di comportamenti mafiosi. E a iosa ne vediamo quotidianamente, ma non sempre li denunciamo, da parte di gente non appartenente a cosche. Gente come noi, che crede di poter fare ciò che vuole in un Paese nel quale, pur avendo i migliori apparati di intelligence e antimafia al mondo, sulla sicurezza si sta investendo sempre meno. Forse non è mafioso il comportamento dell’imprenditore che vuole a tutti i costi un appalto o quello di colui che glielo concede dietro compenso?

I Casamonica, noti solo per essere delinquenti, così come tutti gli altri del loro rango, sempre più presenti a Roma e in tutta Italia, vanno tenuti sotto sorveglianza senza sosta. Essi si sono posti al di fuori della legge. Pertanto non hanno gli stessi diritti dei cittadini che le regole statuali le rispettano. Nemmeno a funerali celebrativi, dei quali francamente non si avverte il bisogno.

Ma non sarebbe nemmeno il diritto alle esequie, che deve forse essere riconsiderato dalle strutture ecclesiastiche, il vero problema. Il vulnus alla credibilità della lotta alla mafia ed alla mafiosita è quanto i cittadini stanno percependo, ossia una presenza debole dello Stato sul fronte della “cultura mafiosa”, fatta, ripeto, più di comportamenti che di reati, questi ultimi ormai ben codificati nel nostro ordinamento.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani