L'opinione

La delicata e instabile posizione della Turchia nella crisi mediorientale

39

L’efferato attacco che sabato ha scosso la Turchia, uccidendo circa 95 persone e ferendone altre 300, ha probabilmente una matrice statuale. Il problema è capire quale sia lo Stato colpevole di tale azione. Quello turco in funzione anti curda, o quello ‘islamico’ in ritorsione contro l’impegno della Turchia nella coalizione anti Isis? Oppure sono stati i militanti estremisti del PKK? Come spesso accade ognuno attribuisce le colpe al proprio antagonista politico. Sta di fatto che oggi la Turchia sta attraversando la crisi interna più delicata di tutta la sua storia recente. A tre settimane dalle prossime elezioni parlamentari, l’attentato contro il corteo di pacifisti che protestavano contro la ripresa delle ostilità tra lo Stato e le milizie Curde, avvenuto nei pressi della principale stazione ferroviaria di Ankara, getta la nazione ancora di più nel caos. I risultati conseguiti dai curdi nella lotta contro ISIS, utili anche a concretizzare la formazione di uno Stato curdo, rappresentano una minaccia per il Presidente Erdogan, tanto da indurlo ad intervenire sia contro lo Stato Islamico che, parallelamente, contro i miliziani curdi, i quali, dal confine iracheno e siriano, conducono una estenuante guerra di trincea contro il califfato. Minaccia già concretizzatasi lo scorso 7 giugno quando, alle precedenti elezioni, il partito filo-curdo dell’Hdp con i suoi 80 deputati entrati in Parlamento ha impedito la formazione di una maggioranza guidata dal partito dell’Akp di Erdogan, impedendogli la formazione di una maggioranza necessaria (i due terzi) ad imprimere una svolta presidenziale alla costituzione turca.

Questo scenario si interseca con quello rappresentato dalla lotta contro lo Stato Islamico verso il quale la Turchia è stata accusata di adottare atteggiamenti ambigui, soprattutto relativamente alla elasticità dei controlli ai confini attraverso i quali transitano combattenti, mezzi e materiali. L’incertezza economica e il flusso di migranti che dalla Siria e dall’Iraq cercano di attraversare il confine turco, al fine di raggiungere l’Europa, completano il quadro della particolare situazione esistente nella nazione. Inoltre, l’attuale intervento russo a sostegno del presidente Assad in funzione anti-ISIS, contestato dalla stessa Turchia, ha complicato ancora di più i delicati equilibri esistenti nella regione. Le violazioni dello spazio aereo turco da parte dei caccia russi, segnalate recentemente, hanno indotto la NATO a richiedere l’immediata interruzione delle operazioni da parte di Mosca, evidenziando che l’Alleanza Atlantica è pronta ad inviare truppe in Turchia per difendere il Paese in quanto membro della stessa. Va ricordato, infatti, che l’art. 5 del Trattato Nord Atlantico afferma sostanzialmente che un attacco armato contro uno o più Paesi aderenti allo stesso si considera come un attacco contro ogni componente dell’Alleanza con la conseguenza che ognuno, in virtù del diritto di autodifesa sancito dall’art. 51 della Carta delle Nazioni Unite, può adottare l’azione che giudicherà necessaria, compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza della regione, salvo poi definire il tutto davanti il Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

La Turchia si trova dunque ad affrontare una serie di questioni, interne ed internazionali, molto delicate che la collocano in una posizione chiave nel quadrante mediorientale il cui destino è inesorabilmente legato a quello della Siria e dell’Iraq. Bisogna evitare di fare in modo che la lotta al terrorismo sia un pretesto per coltivare gli interessi particolari di ogni attore in campo. Per questo la situazione nell’area appare molto complessa.

 

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani