L'opinione

La delicata e instabile posizione della Turchia nella crisi mediorientale

73

L’efferato attacco che sabato ha scosso la Turchia, uccidendo circa 95 persone e ferendone altre 300, ha probabilmente una matrice statuale. Il problema è capire quale sia lo Stato colpevole di tale azione. Quello turco in funzione anti curda, o quello ‘islamico’ in ritorsione contro l’impegno della Turchia nella coalizione anti Isis? Oppure sono stati i militanti estremisti del PKK? Come spesso accade ognuno attribuisce le colpe al proprio antagonista politico. Sta di fatto che oggi la Turchia sta attraversando la crisi interna più delicata di tutta la sua storia recente. A tre settimane dalle prossime elezioni parlamentari, l’attentato contro il corteo di pacifisti che protestavano contro la ripresa delle ostilità tra lo Stato e le milizie Curde, avvenuto nei pressi della principale stazione ferroviaria di Ankara, getta la nazione ancora di più nel caos. I risultati conseguiti dai curdi nella lotta contro ISIS, utili anche a concretizzare la formazione di uno Stato curdo, rappresentano una minaccia per il Presidente Erdogan, tanto da indurlo ad intervenire sia contro lo Stato Islamico che, parallelamente, contro i miliziani curdi, i quali, dal confine iracheno e siriano, conducono una estenuante guerra di trincea contro il califfato. Minaccia già concretizzatasi lo scorso 7 giugno quando, alle precedenti elezioni, il partito filo-curdo dell’Hdp con i suoi 80 deputati entrati in Parlamento ha impedito la formazione di una maggioranza guidata dal partito dell’Akp di Erdogan, impedendogli la formazione di una maggioranza necessaria (i due terzi) ad imprimere una svolta presidenziale alla costituzione turca.

Questo scenario si interseca con quello rappresentato dalla lotta contro lo Stato Islamico verso il quale la Turchia è stata accusata di adottare atteggiamenti ambigui, soprattutto relativamente alla elasticità dei controlli ai confini attraverso i quali transitano combattenti, mezzi e materiali. L’incertezza economica e il flusso di migranti che dalla Siria e dall’Iraq cercano di attraversare il confine turco, al fine di raggiungere l’Europa, completano il quadro della particolare situazione esistente nella nazione. Inoltre, l’attuale intervento russo a sostegno del presidente Assad in funzione anti-ISIS, contestato dalla stessa Turchia, ha complicato ancora di più i delicati equilibri esistenti nella regione. Le violazioni dello spazio aereo turco da parte dei caccia russi, segnalate recentemente, hanno indotto la NATO a richiedere l’immediata interruzione delle operazioni da parte di Mosca, evidenziando che l’Alleanza Atlantica è pronta ad inviare truppe in Turchia per difendere il Paese in quanto membro della stessa. Va ricordato, infatti, che l’art. 5 del Trattato Nord Atlantico afferma sostanzialmente che un attacco armato contro uno o più Paesi aderenti allo stesso si considera come un attacco contro ogni componente dell’Alleanza con la conseguenza che ognuno, in virtù del diritto di autodifesa sancito dall’art. 51 della Carta delle Nazioni Unite, può adottare l’azione che giudicherà necessaria, compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza della regione, salvo poi definire il tutto davanti il Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

La Turchia si trova dunque ad affrontare una serie di questioni, interne ed internazionali, molto delicate che la collocano in una posizione chiave nel quadrante mediorientale il cui destino è inesorabilmente legato a quello della Siria e dell’Iraq. Bisogna evitare di fare in modo che la lotta al terrorismo sia un pretesto per coltivare gli interessi particolari di ogni attore in campo. Per questo la situazione nell’area appare molto complessa.

 

Altre opinioni dell'Autore
Gioco

Esport, il gaming scoppia di salute dopo il Covid. Olimpiadi più vicine

Che cosa è accaduto nel mondo del gaming nel periodo della pandemia del Covid-19? Secondo le ultime previsioni, l’emergenza sta rappresentando una incredibile opportunità di crescita per il settore degli E-Sports.
di Valentina Renzopaoli
Cultura

Fellini-Sordi a 100 anni dalla nascita. La mostra dell’Archivio Riccardi a Spazio 5

Il 20 gennaio e il 15 giugno di quest'anno Federico Fellini e Alberto Sordi avrebbero compiuto 100 anni. Per celebrarne il genio e il peso avuto nel panorama cinematografico italiano e non solo, è stata organizzata la mostra: "Fellini-Sordi, 100 anni per i protagonisti del cinema italiano".
di redazione
scuola

Il ritorno dell’educazione civica nelle Scuole: italiani favorevoli

L’importanza di reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole ha trovato il favore della maggior parte degli italiani (67,8%) nell’ultima indagine condotta sul...
di redazione
Osservatori

Iva e scuola: nei Tg l’anticipo di campagna elettorale. Azzolina al centro delle polemiche. Sileri e il dilemma del Mes

L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 22 al 26 giugno – Il dibattito tra le forze politiche su molti fronti...
di Eurispes e Coris Sapienza
Europa

Superare la “democrazia del ricatto”. Un Piano per la prossima generazione Ue

Il Piano anticrisi dell’Unione rappresenta un passo piccolissimo, ma comunque importante perché rompe un tabù ed indica una nuova direzione di marcia per l’Europa, con un profondo significato politico. Restano però molti nodi aperti in Europa, dove ancora ci sono paesi che usano il diritto di veto come un’arma per impedire che gli altri avanzino.
di Carmelo Cedrone*
Criminalità e contrasto

Abbassare la soglia di spendibilità del contante davvero favorisce la lotta al riciclaggio?

Il contante rappresenta, da sempre, il principale canale di riciclaggio dei proventi di attività illecita e contingentarne l’uso ha dato nel tempo risultati strategici, apprezzabili anche in termini di prevenzione e contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale. Quanto maggiore è stata l’attenzione investigativa verso il contante, tanto più le organizzazioni criminali hanno saputo diversificare la forma di manifestazione di quei proventi in un complesso processo di dematerializzazione delle attività criminali.
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Luciano Canfora all’Eurispes: “I fascismi hanno immense praterie a loro disposizione. Gli aiuti europei? Vengano utilizzati contro le disuguaglianze sociali”

Luciano Canfora nell'intervista rilasciata all'Eurispes auspica, senza ottimismo, che “questa rabbia sociale riesca a imporre all’attenzione un malessere profondo che attraversa il Paese, vissuto dalle fasce più deboli della popolazione, sostanzialmente abbandonate a se stesse”.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura

Riscopriamo l’etica pubblica per uscire dalla crisi

Il quarto shock è il titolo di un interessante scritto del filosofo della politica, Sebastiano Maffettone, sulla “filosofia del presente”. «Il virus ha cambiato il nostro modo di vedere e abitare il mondo, stiamo acquisendo la consapevolezza che bisogna fare qualcosa perché il modo in cui abbiamo proceduto nell’ultimo periodo storico non ha funzionato».
di Massimiliano Cannata
Innovazione

Lo sviluppo della telemedicina: una opportunità da non perdere

L’utilizzo della tecnologia elettronica in àmbito sanitario costituisce una delle componenti fondamentali del futuro modello di governance alla cui implementazione si dovrà provvedere sollecitamente per garantire al meglio, e in modo uniforme, la tutela della salute delle persone.
di Francesco Giulio Cuttaia
Società

Fase 3. Il Sindaco di Latina, Damiano Coletta: “Le risorse stanziate dal Governo per i Comuni non basteranno”

«Le somme stanziate dal Governo per i aiutare i Comuni ad affrontare l’emergenza e la ripartenza non basteranno: le minori entrate legate ad una capacità fiscale ridotta andranno in qualche modo compensate». L'intervista al sindaco di Latina, Damiano Coletta.
di Valentina Renzopaoli