La manovra finanziaria “salvo intese” sotto esame dei Tg

La manovra economica, con l’approvazione, mercoledì, del provvedimento “salvo intese”, è l’argomento predominante per i Tg di primetime: oltre 40 riferimenti nei titoli, e 11 aperture tra martedì e venerdì.

Nei servizi che illustrano le misure contenute in questa Finanziaria da 30 miliardi, ampio spazio alle critiche dell’opposizione, con il giudizio negativo di Berlusconi che spicca nei titoli di Tg4 e Tg5. Tra giovedì e venerdì le contestazioni e i distinguo occupano anche il perimetro della maggioranza sui temi del cuneo fiscale, con Tg La7 che parla di “aria pesante” tra Pd ed M5S. Più sfumate le critiche nei Tg del Servizio Pubblico, che sempre venerdì rilanciano l’intervento del Premier Conte da Bruxelles. Molto presente anche il Ministro dell’Economia, Gualtieri, intervistato mercoledì dal Tg1 e venerdì dal Tg2, che sui dissensi emersi nella maggioranza si dice “tranquillo”, parlando di “differenze fisiologiche” e di una manovra che “non si cambia”. Sempre venerdì Tg2 intervista anche il segretario Pd, Zingaretti, che inquadra i fronti aperti da 5 Stelle e renziani come “parte di un dibattito”.

Tg4 ha dedicato per 4 giornate ‒ da martedì a venerdì ‒ l’apertura a notizie economiche, a dati e previsioni negative di vario genere, dalla crescita zero alla povertà galoppante, dall’economia sommersa all’allarme per la contraffazione del Made in Italy: denunce tutte legittime che, ovviamente, fanno da controcanto ai contenuti della manovra. Vola “più in alto” l’analisi del Tg3, che mercoledì presenta un sondaggio Demopolis sulla percezione delle disuguaglianze nella nostra società, ritenute “in aumento” rispetto a 10 anni fa dal 60% degli interpellati.

Le proteste in Catalogna e la Brexit che avanza sovrastano il dramma siriano. La denuncia del Tg2: da parte dell’Europa e di Trump “impotenza ed ipocrisia”
Le proteste in Catalogna, iniziate lunedì dopo la condanna dei 9 leader indipendentisti fautori della secessione del 2017, si impongono nelle scalette del primetime con l’accendersi degli scontri, raccogliendo 10 titoli. Dopo lunghi mesi di silenzio, l’informazione torna ad occuparsi di una complessa vicenda, gravida di sviluppi ulteriormente preoccupanti. Tra mercoledì e giovedì molti i servizi che documentano gli scontri e le rappresaglie delle manifestazioni di Barcellona. Tg La7 è la testata che presenta il quadro più chiaro, e annuncia la sfida delle attuali autorità catalane che intenderebbero proporre un nuovo referendum.
L’accordo raggiunto giovedì tra Londra e Bruxelles sulla Brexit s’impone nelle pagine degli Esteri: titoli per tutti, ed apertura per Tg3, Studio Aperto e Tg La7, con quest’ultimo che parla di “accordo a sorpresa”; tutti i servizi registrano la soddisfazione del Premier Johnson, rimarcando però il rischio del voto di sabato che si è poi concretizzato con l’approvazione dell’emendamento che impedisce a Johnson di “chiudere” entro il 31 ottobre. Per Antonio Polito, intervistato giovedì dal Tg2, siamo di fronte ad un “gioco dell’oca” che ha danneggiato la più vecchia democrazia del mondo.

Le tragiche vicende siriane, con la “tregua” annunciata a sorpresa giovedì, escono venerdì dai titoli dei Tg Mediaset, mentre quelli Rai propongono nei servizi le testimonianze dirette di ufficiali curdi, che accusano la Turchia di non rispettare il cessate il fuoco. Tutte le testate registrano comunque gli interventi della nostra politica, con Di Maio che firma l’atto per bloccare la vendita d’armi alla Turchia, il Premier Conte che telefona ad Erdogan, ed il Presidente Mattarella che, in visita da Trump per parlare dei dazi, si esprime comunque sulla situazione siriana (aperture mercoledì per i Tg Rai e Tg5). Amaro il commento del Tg La7 sulla debole risposta europea. Tg2, martedì, propone un editoriale in cui si attaccano la diplomazia europea e le posizioni di Trump, autore di una “fiera di parole in libertà”, atta a celare “ipocrisia ed impotenza”. Per la testata di Sangiuliano, dunque, da registrare questo “raro” giudizio negativo sul Presidente Usa, cui segue mercoledì un servizio che analizza gli effetti positivi dell’intervento russo e dell’esercito di Assad per la stabilizzazione del Medio-Oriente.

Migranti, la minaccia di Erdogan “ruba” la scena alla cronaca degli sbarchi
Le minacce del Premier turco di inondare l’Europa di profughi, tengono alto il tema dei migranti, anche se le notizie degli sbarchi sulle coste italiane limitano spazio nei titoli: solo 4 presenze. Buone coperture dei Tg Mediaset di lunedì, che affrontano la rotta balcanica e la difficile situazione dell’Isola di Lesbo. Tg1 propone un approfondimento sulla situazione della tendopoli dei braccianti di Rosarno, che risulta strapiena mentre alcune delle palazzine costruite per i braccianti e finanziate con i fondi europei, restano vuote perché non completate. Il recupero delle salme delle vittime annegate nel naufragio del 7 ottobre davanti alle coste di Lampedusa, è oggetto tra martedì e mercoledì di numerosi servizi.

La “Rete dei diritti” sul Tg3. I Tg Mediaset affrontano il tema dell’ambiente
Per l’intera settimana il Tg3 di Paterniti si è distinto per un’attenzione particolare ai temi della società civile, con l’offerta di più servizi per ciascuna edizione che hanno spaziato su diversi temi sociali e sull’attività di associazioni private: assistenza famigliare, gestione delle aree verdi, cura degli anziani. Queste coperture hanno documentato alcune buone pratiche diffuse nella Penisola, segnalando esempi positivi di collaborazione tra lo Stato e la società civile.

I temi dell’ambiente e l’attenzione ad alcune aree contaminate risultano molto presenti sui Tg Mediaset, con Studio Aperto che lunedì titola sul record dell’inquinamento del fiume Sarno (servizi per Tg4, Tg5 ma anche Tg1), mentre mercoledì sottolinea il triste primato del nostro Paese per le morti dovute all’inquinamento da polveri sottili. Prosegue, inoltre, la denuncia delle testate Mediaset sui disservizi della Capitale, con Tg5 che giovedì titola sul “pericolo” di camminare a Roma, tra buche ed immondizia, a seguito dell’incidente patito da un’anziana.

Ultime notizie
infiltrazioni criminali
Criminalità e contrasto

Le infiltrazioni criminali nell’economia: il ruolo della Pubblica amministrazione e la funzione del gestore

Ue e la lotta alle infiltrazioni criminali nell’economia Le istituzioni dell’Unione europea sono state impegnate per l’armonizzazione dei metodi di prevenzione e contrasto...
di Giuseppe Miceli* e Leonardo Vavallo**
infiltrazioni criminali
metaverso
Futuro

L’universo nel Metaverso. Intervista a Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino

Una conversazione sul Rapporto Italia 2022 con la Professoressa Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino e autrice del saggio del Rapporto costruito attorno alla dicotomia Metaverso/Universo.
di Alberto Mattiacci
metaverso
grano
Agricoltura

Grano: una guerra globale

La “battaglia globale del grano” ha ormai reso evidenti i suoi effetti, anche in Occidente: aumento dei prezzi di beni essenziali come il pane, la pasta o la farina, a cui si aggiungono quelli dei carburanti, oli vari, energia elettrica e legno.
di Marco Omizzolo
grano
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*