La manovra finanziaria “salvo intese” sotto esame dei Tg

La manovra economica, con l’approvazione, mercoledì, del provvedimento “salvo intese”, è l’argomento predominante per i Tg di primetime: oltre 40 riferimenti nei titoli, e 11 aperture tra martedì e venerdì.

Nei servizi che illustrano le misure contenute in questa Finanziaria da 30 miliardi, ampio spazio alle critiche dell’opposizione, con il giudizio negativo di Berlusconi che spicca nei titoli di Tg4 e Tg5. Tra giovedì e venerdì le contestazioni e i distinguo occupano anche il perimetro della maggioranza sui temi del cuneo fiscale, con Tg La7 che parla di “aria pesante” tra Pd ed M5S. Più sfumate le critiche nei Tg del Servizio Pubblico, che sempre venerdì rilanciano l’intervento del Premier Conte da Bruxelles. Molto presente anche il Ministro dell’Economia, Gualtieri, intervistato mercoledì dal Tg1 e venerdì dal Tg2, che sui dissensi emersi nella maggioranza si dice “tranquillo”, parlando di “differenze fisiologiche” e di una manovra che “non si cambia”. Sempre venerdì Tg2 intervista anche il segretario Pd, Zingaretti, che inquadra i fronti aperti da 5 Stelle e renziani come “parte di un dibattito”.

Tg4 ha dedicato per 4 giornate ‒ da martedì a venerdì ‒ l’apertura a notizie economiche, a dati e previsioni negative di vario genere, dalla crescita zero alla povertà galoppante, dall’economia sommersa all’allarme per la contraffazione del Made in Italy: denunce tutte legittime che, ovviamente, fanno da controcanto ai contenuti della manovra. Vola “più in alto” l’analisi del Tg3, che mercoledì presenta un sondaggio Demopolis sulla percezione delle disuguaglianze nella nostra società, ritenute “in aumento” rispetto a 10 anni fa dal 60% degli interpellati.

Le proteste in Catalogna e la Brexit che avanza sovrastano il dramma siriano. La denuncia del Tg2: da parte dell’Europa e di Trump “impotenza ed ipocrisia”
Le proteste in Catalogna, iniziate lunedì dopo la condanna dei 9 leader indipendentisti fautori della secessione del 2017, si impongono nelle scalette del primetime con l’accendersi degli scontri, raccogliendo 10 titoli. Dopo lunghi mesi di silenzio, l’informazione torna ad occuparsi di una complessa vicenda, gravida di sviluppi ulteriormente preoccupanti. Tra mercoledì e giovedì molti i servizi che documentano gli scontri e le rappresaglie delle manifestazioni di Barcellona. Tg La7 è la testata che presenta il quadro più chiaro, e annuncia la sfida delle attuali autorità catalane che intenderebbero proporre un nuovo referendum.
L’accordo raggiunto giovedì tra Londra e Bruxelles sulla Brexit s’impone nelle pagine degli Esteri: titoli per tutti, ed apertura per Tg3, Studio Aperto e Tg La7, con quest’ultimo che parla di “accordo a sorpresa”; tutti i servizi registrano la soddisfazione del Premier Johnson, rimarcando però il rischio del voto di sabato che si è poi concretizzato con l’approvazione dell’emendamento che impedisce a Johnson di “chiudere” entro il 31 ottobre. Per Antonio Polito, intervistato giovedì dal Tg2, siamo di fronte ad un “gioco dell’oca” che ha danneggiato la più vecchia democrazia del mondo.

Le tragiche vicende siriane, con la “tregua” annunciata a sorpresa giovedì, escono venerdì dai titoli dei Tg Mediaset, mentre quelli Rai propongono nei servizi le testimonianze dirette di ufficiali curdi, che accusano la Turchia di non rispettare il cessate il fuoco. Tutte le testate registrano comunque gli interventi della nostra politica, con Di Maio che firma l’atto per bloccare la vendita d’armi alla Turchia, il Premier Conte che telefona ad Erdogan, ed il Presidente Mattarella che, in visita da Trump per parlare dei dazi, si esprime comunque sulla situazione siriana (aperture mercoledì per i Tg Rai e Tg5). Amaro il commento del Tg La7 sulla debole risposta europea. Tg2, martedì, propone un editoriale in cui si attaccano la diplomazia europea e le posizioni di Trump, autore di una “fiera di parole in libertà”, atta a celare “ipocrisia ed impotenza”. Per la testata di Sangiuliano, dunque, da registrare questo “raro” giudizio negativo sul Presidente Usa, cui segue mercoledì un servizio che analizza gli effetti positivi dell’intervento russo e dell’esercito di Assad per la stabilizzazione del Medio-Oriente.

Migranti, la minaccia di Erdogan “ruba” la scena alla cronaca degli sbarchi
Le minacce del Premier turco di inondare l’Europa di profughi, tengono alto il tema dei migranti, anche se le notizie degli sbarchi sulle coste italiane limitano spazio nei titoli: solo 4 presenze. Buone coperture dei Tg Mediaset di lunedì, che affrontano la rotta balcanica e la difficile situazione dell’Isola di Lesbo. Tg1 propone un approfondimento sulla situazione della tendopoli dei braccianti di Rosarno, che risulta strapiena mentre alcune delle palazzine costruite per i braccianti e finanziate con i fondi europei, restano vuote perché non completate. Il recupero delle salme delle vittime annegate nel naufragio del 7 ottobre davanti alle coste di Lampedusa, è oggetto tra martedì e mercoledì di numerosi servizi.

La “Rete dei diritti” sul Tg3. I Tg Mediaset affrontano il tema dell’ambiente
Per l’intera settimana il Tg3 di Paterniti si è distinto per un’attenzione particolare ai temi della società civile, con l’offerta di più servizi per ciascuna edizione che hanno spaziato su diversi temi sociali e sull’attività di associazioni private: assistenza famigliare, gestione delle aree verdi, cura degli anziani. Queste coperture hanno documentato alcune buone pratiche diffuse nella Penisola, segnalando esempi positivi di collaborazione tra lo Stato e la società civile.

I temi dell’ambiente e l’attenzione ad alcune aree contaminate risultano molto presenti sui Tg Mediaset, con Studio Aperto che lunedì titola sul record dell’inquinamento del fiume Sarno (servizi per Tg4, Tg5 ma anche Tg1), mentre mercoledì sottolinea il triste primato del nostro Paese per le morti dovute all’inquinamento da polveri sottili. Prosegue, inoltre, la denuncia delle testate Mediaset sui disservizi della Capitale, con Tg5 che giovedì titola sul “pericolo” di camminare a Roma, tra buche ed immondizia, a seguito dell’incidente patito da un’anziana.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze