Recensioni

La Questione Meridionale? Nata con l’Unità d’Italia che “divise” il Paese

2118

La “Questione Meridionale” è un “caso eclatante di procreazione in laboratorio”, nata con l’Unità d’Italia che divise definitivamente il Paese. E la stessa mafia è stato “un regalo avvelenato del modo in cui è stata organizzata l’Italia unita”.
Sono alcune delle tesi illuminanti contenute nel libro di Marco Ascione, Italós. Perché siamo arrivati a tanto?, un testo che rovescia i tradizionali paradigmi della storia recente e fa sobbalzare sulla sedia.
Marco Ascione, dottore di ricerca, esperto in dinamica delle popolazioni, ecosistemi e mutamenti tecnolologici e sociali nei sistemi antropici complessi, compie un viaggio storico a ritroso, documenti e numeri alla mano, per tentare risposte ad una delle domande più frequenti, che gli stessi italiani si pongono spesso: come mai ci siamo ridotti cosi?
Nel 2016 l’Italia si è classificata alla 77esima posizione al mondo per libertà di stampa. La sua classe politica costa cifre da capogiro, l’imprenditoria è in ginocchio, l’indigenza e le difficoltà degli italiani crescono progressivamente. Che cosa è che è andato storto? È tutta colpa della crisi o c’è dell’altro? È questione di mentalità? E da dove proviene la mentalità? Perché nella sua storia l’Italia è più volte passata, rispetto alle aree dell’Europa nord-occidentale, dai più alti gradi di progresso ai peggiori di regresso? E di ciò le sue antiche divisioni sono causa o effetto?

La prefazione è di Lino Patruno, giornalista e scrittore, l’introduzione è di Marcello Musso, pubblico ministero, il magistrato che ha condannato Riina e Bagarella.
Scrive il magistrato Marcello Musso: «Il libro offre al lettore un’analisi originale, multiforme, ricca di illuminazioni, capace di avvincere nella sua narrazione che, facendo uso di un linguaggio scorrevole, arricchito di cartine geografiche, appunti inseriti nel testo (indicati come post-it), rappresentazioni simboliche di dati, anche di efficaci vignette, offre al lettore le ragioni profonde, e anche inaspettate per la storiografia ufficiale, del tema cruciale cui è dedicato: le dinamiche storiche che nel tempo hanno generato divisioni, unificazioni e situazioni peculiari per la nostra Penisola, fino a sfociare nel presente, nelle condizioni e con i tratti propri dei suoi abitanti».
Definito da Lino Patruno, una “Wunderkammer”, una camera delle meraviglie o “gabinetto delle curiosità”, il testo si snoda tra la storia, la cronaca, l’inchiesta e il racconto. Raccoglie e mette in fila informazioni, smaschera luoghi comuni, sviscera una delle questioni storiche che hanno segnato, e continuano a segnare, l’Italia: il ruolo del divario tra Nord e Sud, la questione del Mezzogiorno, ovvero, il «caso più eclatante di procreazione in laboratorio».
Scrive ancora Musso: «Questo complesso di studi dimostra che se dall’Unità in poi i fenomeni di criminalità organizzata del Nord Italia si sono estinti, mentre quelli del Sud si sono ingigantiti – al punto da attecchire e poi imporsi anche al Nord – è stato dovuto al progressivo drenaggio di risorse che, convogliate dal Sud al Nord, hanno reso quest’ultimo, col tempo, sempre più ricco e civile, a danno di un Sud che diveniva, per contro, progressivamente più indigente, degradato e aggressivo».
Un modello di sviluppo che prosegue anche oggi, con incentivi alla produzione e finanziamenti che registrano un inspiegabile squilibrio a favore del Nord e a scapito del Sud.
Italós. Perché siamo arrivati a tanto? è un coraggioso atto di accusa nei confronti di chi ha voluto, e di chi vuole ancora oggi, che la “Questione Meridionale” nascesse, si consolidasse e diventasse “emergenza” del Paese.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani