La scuola in piazza

scuola

I Tg di martedì 5 maggio – La scuola conquista tutte le aperture per i cortei di protesta in 7 città e lo sciopero che dopo 7 anni ha visto sfilare insieme tutti i sindacati. Il governo risponde, direttamente con Renzi, che nessuno prima aveva aggiunto 3 miliardi al budget dell’istruzione. I Tg Mediaset parlano esplicitamente del premier come del destinatario di una protesta che parte da settori e cittadini storicamente vicini alla sinistra. Paradossalmente Tg 4 invita Del Debbio a commentare, e il commento è che a lui la “buona scuola” sostanzialmente piace e che i sindacati temono di perdere potere. Se ne parla ampiamente anche nelle testate Rai, ma il servizio migliore lo fa La7. Mentana premette che dell’argomento si parlerà a iosa nelle prossime settimane, ma l’inizio non è male: per il governo intervista al sottosegretario Faraone e in studio Susanna Camusso, sottoposta a domande “vere” e tutt’altro che compiacenti. Renzi intanto fa sapere che ascolterà le critiche, e anche questa è una notizia.
L’emergenza immigrazione è presente nei titoli di tutti, anche se emergenza non è più ma drammatica quotidianità che anche oggi ha mietuto una quarantina di vittime. Mediaset sottolinea l’inazione del’Europa, e ci può stare. Quello che va sopra le righe e titolare (Studio Aperto, Tg4) sul rischio epidemie per alcuni casi di scabbia e varicella riscontrati a bordo di un barcone salvato nel Canale di Sicilia. Il terremoto in Nepal esce dai titoli di testa e, inevitabilmente, uscirà presto anche dai servizi. Molto alta la tensione in Parlamento intorno alle dichiarazioni di Alfano sulla guerriglia a Milano, con Cinque Stelle, lega e Fratelli d’Italia scatenati e La Russa espulso dalla Presidente Boldrini ( titolo per TgLa7).
L’Europa che riparte, con l’Italia come fanalino di coda, è riportata da tutti, anche per le preoccupazioni di Bruxelles sul “buco” nei conti pubblici causato dalla sentenza della Corte sul mancato adeguamento delle pensioni a partire dal 2012. Solo Tg2 e TgLa7 segnalano che la paura vera e la confusione si generano intorno alla crisi greca, per la quale litigano tra loro anche Ue e Fondo Monetario.
Tg La7 segnala il poco opportuno appoggio dato in Campania al candidato Pd De Luca da un noto e storico esponente della Destra di Storace (titolo). Tg4 anche oggi mostra un’attenzione “pelosa” verso crimini commessi da Rom o “gente dell’est” presentando 4 servizi, alcuni riciclati da programmi contenitori.
Su Rai e La7 ampio spazio alle indagini della procura di Milano per aggiotaggio nei confronti del Cda di Ei Tower, per la vicenda dell’opa “improponibile”di febbraio su RaiWay. Un po’ tutti allora si erano chiesti come mai l’azienda del gruppo Mediaset avesse proposto un’operazione vietata dalla legge, che vuole la Rai in controllo della sua rete di torri. Visti gli andamenti dei titoli in borsa, ora se lo sta chiedendo anche la Magistratura. Ovviamente Mediaset non ne parla, ma dedica spazio alle sorti progressive della fiction prodotta e acquistata, come recita l’immancabile Pier Silvio Berlusconi.
Concludiamo segnalando l’interessante approfondimento del Tg2 su “chi, come e perché” sempre di più si dota in Italia di un’arma: tendenza che fa venire i brividi e che va in ogni modo invertita.

Dati auditel dei TG di lunedì 4 maggio 2015

Tg1 – ore 13:30 3.719.000, 22.67% ore 20:00 5.203.000, 23.77%.
Tg2 – ore 13:00 2.585.000, 17.36% ore 20:30 2.293.000, 9.13%.
Tg3 – ore 14:30 1.591.000, 10.59% ore 19:00 1.510.000, 10.34%.
Tg5 – ore 13:00 3.238.000, 21.47% ore 20:00 4.432.000, 19.83%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.718.000, 14.43% ore 18:30 744.000, 6.54%.
Tg4 – ore 11:30 503.000, 8.38% ore 18:55 721.000, 5.16%.
Tg La7 – ore 13:30 602.000, 3.67% ore 20:00 1.250.000, 5.65%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione