Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

La scuola in piazza

scuola

I Tg di martedì 5 maggio – La scuola conquista tutte le aperture per i cortei di protesta in 7 città e lo sciopero che dopo 7 anni ha visto sfilare insieme tutti i sindacati. Il governo risponde, direttamente con Renzi, che nessuno prima aveva aggiunto 3 miliardi al budget dell’istruzione. I Tg Mediaset parlano esplicitamente del premier come del destinatario di una protesta che parte da settori e cittadini storicamente vicini alla sinistra. Paradossalmente Tg 4 invita Del Debbio a commentare, e il commento è che a lui la “buona scuola” sostanzialmente piace e che i sindacati temono di perdere potere. Se ne parla ampiamente anche nelle testate Rai, ma il servizio migliore lo fa La7. Mentana premette che dell’argomento si parlerà a iosa nelle prossime settimane, ma l’inizio non è male: per il governo intervista al sottosegretario Faraone e in studio Susanna Camusso, sottoposta a domande “vere” e tutt’altro che compiacenti. Renzi intanto fa sapere che ascolterà le critiche, e anche questa è una notizia.
L’emergenza immigrazione è presente nei titoli di tutti, anche se emergenza non è più ma drammatica quotidianità che anche oggi ha mietuto una quarantina di vittime. Mediaset sottolinea l’inazione del’Europa, e ci può stare. Quello che va sopra le righe e titolare (Studio Aperto, Tg4) sul rischio epidemie per alcuni casi di scabbia e varicella riscontrati a bordo di un barcone salvato nel Canale di Sicilia. Il terremoto in Nepal esce dai titoli di testa e, inevitabilmente, uscirà presto anche dai servizi. Molto alta la tensione in Parlamento intorno alle dichiarazioni di Alfano sulla guerriglia a Milano, con Cinque Stelle, lega e Fratelli d’Italia scatenati e La Russa espulso dalla Presidente Boldrini ( titolo per TgLa7).
L’Europa che riparte, con l’Italia come fanalino di coda, è riportata da tutti, anche per le preoccupazioni di Bruxelles sul “buco” nei conti pubblici causato dalla sentenza della Corte sul mancato adeguamento delle pensioni a partire dal 2012. Solo Tg2 e TgLa7 segnalano che la paura vera e la confusione si generano intorno alla crisi greca, per la quale litigano tra loro anche Ue e Fondo Monetario.
Tg La7 segnala il poco opportuno appoggio dato in Campania al candidato Pd De Luca da un noto e storico esponente della Destra di Storace (titolo). Tg4 anche oggi mostra un’attenzione “pelosa” verso crimini commessi da Rom o “gente dell’est” presentando 4 servizi, alcuni riciclati da programmi contenitori.
Su Rai e La7 ampio spazio alle indagini della procura di Milano per aggiotaggio nei confronti del Cda di Ei Tower, per la vicenda dell’opa “improponibile”di febbraio su RaiWay. Un po’ tutti allora si erano chiesti come mai l’azienda del gruppo Mediaset avesse proposto un’operazione vietata dalla legge, che vuole la Rai in controllo della sua rete di torri. Visti gli andamenti dei titoli in borsa, ora se lo sta chiedendo anche la Magistratura. Ovviamente Mediaset non ne parla, ma dedica spazio alle sorti progressive della fiction prodotta e acquistata, come recita l’immancabile Pier Silvio Berlusconi.
Concludiamo segnalando l’interessante approfondimento del Tg2 su “chi, come e perché” sempre di più si dota in Italia di un’arma: tendenza che fa venire i brividi e che va in ogni modo invertita.

Dati auditel dei TG di lunedì 4 maggio 2015

Tg1 – ore 13:30 3.719.000, 22.67% ore 20:00 5.203.000, 23.77%.
Tg2 – ore 13:00 2.585.000, 17.36% ore 20:30 2.293.000, 9.13%.
Tg3 – ore 14:30 1.591.000, 10.59% ore 19:00 1.510.000, 10.34%.
Tg5 – ore 13:00 3.238.000, 21.47% ore 20:00 4.432.000, 19.83%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.718.000, 14.43% ore 18:30 744.000, 6.54%.
Tg4 – ore 11:30 503.000, 8.38% ore 18:55 721.000, 5.16%.
Tg La7 – ore 13:30 602.000, 3.67% ore 20:00 1.250.000, 5.65%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu