La scuola in piazza

scuola

I Tg di martedì 5 maggio – La scuola conquista tutte le aperture per i cortei di protesta in 7 città e lo sciopero che dopo 7 anni ha visto sfilare insieme tutti i sindacati. Il governo risponde, direttamente con Renzi, che nessuno prima aveva aggiunto 3 miliardi al budget dell’istruzione. I Tg Mediaset parlano esplicitamente del premier come del destinatario di una protesta che parte da settori e cittadini storicamente vicini alla sinistra. Paradossalmente Tg 4 invita Del Debbio a commentare, e il commento è che a lui la “buona scuola” sostanzialmente piace e che i sindacati temono di perdere potere. Se ne parla ampiamente anche nelle testate Rai, ma il servizio migliore lo fa La7. Mentana premette che dell’argomento si parlerà a iosa nelle prossime settimane, ma l’inizio non è male: per il governo intervista al sottosegretario Faraone e in studio Susanna Camusso, sottoposta a domande “vere” e tutt’altro che compiacenti. Renzi intanto fa sapere che ascolterà le critiche, e anche questa è una notizia.
L’emergenza immigrazione è presente nei titoli di tutti, anche se emergenza non è più ma drammatica quotidianità che anche oggi ha mietuto una quarantina di vittime. Mediaset sottolinea l’inazione del’Europa, e ci può stare. Quello che va sopra le righe e titolare (Studio Aperto, Tg4) sul rischio epidemie per alcuni casi di scabbia e varicella riscontrati a bordo di un barcone salvato nel Canale di Sicilia. Il terremoto in Nepal esce dai titoli di testa e, inevitabilmente, uscirà presto anche dai servizi. Molto alta la tensione in Parlamento intorno alle dichiarazioni di Alfano sulla guerriglia a Milano, con Cinque Stelle, lega e Fratelli d’Italia scatenati e La Russa espulso dalla Presidente Boldrini ( titolo per TgLa7).
L’Europa che riparte, con l’Italia come fanalino di coda, è riportata da tutti, anche per le preoccupazioni di Bruxelles sul “buco” nei conti pubblici causato dalla sentenza della Corte sul mancato adeguamento delle pensioni a partire dal 2012. Solo Tg2 e TgLa7 segnalano che la paura vera e la confusione si generano intorno alla crisi greca, per la quale litigano tra loro anche Ue e Fondo Monetario.
Tg La7 segnala il poco opportuno appoggio dato in Campania al candidato Pd De Luca da un noto e storico esponente della Destra di Storace (titolo). Tg4 anche oggi mostra un’attenzione “pelosa” verso crimini commessi da Rom o “gente dell’est” presentando 4 servizi, alcuni riciclati da programmi contenitori.
Su Rai e La7 ampio spazio alle indagini della procura di Milano per aggiotaggio nei confronti del Cda di Ei Tower, per la vicenda dell’opa “improponibile”di febbraio su RaiWay. Un po’ tutti allora si erano chiesti come mai l’azienda del gruppo Mediaset avesse proposto un’operazione vietata dalla legge, che vuole la Rai in controllo della sua rete di torri. Visti gli andamenti dei titoli in borsa, ora se lo sta chiedendo anche la Magistratura. Ovviamente Mediaset non ne parla, ma dedica spazio alle sorti progressive della fiction prodotta e acquistata, come recita l’immancabile Pier Silvio Berlusconi.
Concludiamo segnalando l’interessante approfondimento del Tg2 su “chi, come e perché” sempre di più si dota in Italia di un’arma: tendenza che fa venire i brividi e che va in ogni modo invertita.

Dati auditel dei TG di lunedì 4 maggio 2015

Tg1 – ore 13:30 3.719.000, 22.67% ore 20:00 5.203.000, 23.77%.
Tg2 – ore 13:00 2.585.000, 17.36% ore 20:30 2.293.000, 9.13%.
Tg3 – ore 14:30 1.591.000, 10.59% ore 19:00 1.510.000, 10.34%.
Tg5 – ore 13:00 3.238.000, 21.47% ore 20:00 4.432.000, 19.83%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.718.000, 14.43% ore 18:30 744.000, 6.54%.
Tg4 – ore 11:30 503.000, 8.38% ore 18:55 721.000, 5.16%.
Tg La7 – ore 13:30 602.000, 3.67% ore 20:00 1.250.000, 5.65%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento