Osservatorio TG

La scuola in piazza

scuola

I Tg di martedì 5 maggio – La scuola conquista tutte le aperture per i cortei di protesta in 7 città e lo sciopero che dopo 7 anni ha visto sfilare insieme tutti i sindacati. Il governo risponde, direttamente con Renzi, che nessuno prima aveva aggiunto 3 miliardi al budget dell’istruzione. I Tg Mediaset parlano esplicitamente del premier come del destinatario di una protesta che parte da settori e cittadini storicamente vicini alla sinistra. Paradossalmente Tg 4 invita Del Debbio a commentare, e il commento è che a lui la “buona scuola” sostanzialmente piace e che i sindacati temono di perdere potere. Se ne parla ampiamente anche nelle testate Rai, ma il servizio migliore lo fa La7. Mentana premette che dell’argomento si parlerà a iosa nelle prossime settimane, ma l’inizio non è male: per il governo intervista al sottosegretario Faraone e in studio Susanna Camusso, sottoposta a domande “vere” e tutt’altro che compiacenti. Renzi intanto fa sapere che ascolterà le critiche, e anche questa è una notizia.
L’emergenza immigrazione è presente nei titoli di tutti, anche se emergenza non è più ma drammatica quotidianità che anche oggi ha mietuto una quarantina di vittime. Mediaset sottolinea l’inazione del’Europa, e ci può stare. Quello che va sopra le righe e titolare (Studio Aperto, Tg4) sul rischio epidemie per alcuni casi di scabbia e varicella riscontrati a bordo di un barcone salvato nel Canale di Sicilia. Il terremoto in Nepal esce dai titoli di testa e, inevitabilmente, uscirà presto anche dai servizi. Molto alta la tensione in Parlamento intorno alle dichiarazioni di Alfano sulla guerriglia a Milano, con Cinque Stelle, lega e Fratelli d’Italia scatenati e La Russa espulso dalla Presidente Boldrini ( titolo per TgLa7).
L’Europa che riparte, con l’Italia come fanalino di coda, è riportata da tutti, anche per le preoccupazioni di Bruxelles sul “buco” nei conti pubblici causato dalla sentenza della Corte sul mancato adeguamento delle pensioni a partire dal 2012. Solo Tg2 e TgLa7 segnalano che la paura vera e la confusione si generano intorno alla crisi greca, per la quale litigano tra loro anche Ue e Fondo Monetario.
Tg La7 segnala il poco opportuno appoggio dato in Campania al candidato Pd De Luca da un noto e storico esponente della Destra di Storace (titolo). Tg4 anche oggi mostra un’attenzione “pelosa” verso crimini commessi da Rom o “gente dell’est” presentando 4 servizi, alcuni riciclati da programmi contenitori.
Su Rai e La7 ampio spazio alle indagini della procura di Milano per aggiotaggio nei confronti del Cda di Ei Tower, per la vicenda dell’opa “improponibile”di febbraio su RaiWay. Un po’ tutti allora si erano chiesti come mai l’azienda del gruppo Mediaset avesse proposto un’operazione vietata dalla legge, che vuole la Rai in controllo della sua rete di torri. Visti gli andamenti dei titoli in borsa, ora se lo sta chiedendo anche la Magistratura. Ovviamente Mediaset non ne parla, ma dedica spazio alle sorti progressive della fiction prodotta e acquistata, come recita l’immancabile Pier Silvio Berlusconi.
Concludiamo segnalando l’interessante approfondimento del Tg2 su “chi, come e perché” sempre di più si dota in Italia di un’arma: tendenza che fa venire i brividi e che va in ogni modo invertita.

Dati auditel dei TG di lunedì 4 maggio 2015

Tg1 – ore 13:30 3.719.000, 22.67% ore 20:00 5.203.000, 23.77%.
Tg2 – ore 13:00 2.585.000, 17.36% ore 20:30 2.293.000, 9.13%.
Tg3 – ore 14:30 1.591.000, 10.59% ore 19:00 1.510.000, 10.34%.
Tg5 – ore 13:00 3.238.000, 21.47% ore 20:00 4.432.000, 19.83%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.718.000, 14.43% ore 18:30 744.000, 6.54%.
Tg4 – ore 11:30 503.000, 8.38% ore 18:55 721.000, 5.16%.
Tg La7 – ore 13:30 602.000, 3.67% ore 20:00 1.250.000, 5.65%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia