L’ambiente al centro della giornata politica

Al Senato andrà avanti il dibattito sulla conversione del decreto-legge che introduce nuove norme sul finanziamento dell’edilizia scolastica, sui comuni alluvionati dell’Emilia-Romagna e sulla gestione della grandi imprese in stato di crisi. La commissione Finanze si confronterà con lo schema di decreto legislativo recante recepimento delle direttive Ue che istituiscono un meccanismo di azione rapida contro le frodi in materia di IVA e prevedono l’applicazione facoltativa e temporanea del meccanismo dell’inversione contabile a determinate operazioni a rischio di frodi. Nel pomeriggio, la commissione Lavori pubblici porterà avanti l’esame del disegno di legge sulla riforma della Rai: provvedimento giunto alla terza lettura. Lo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva Ue relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori proseguirà il suo iter in seno alla commissione Industria; sarà inoltre analizzato lo schema di decreto legislativo sull’efficienza energetica. Il governo si presenterà in commissione Sanità per rispondere ad alcune interrogazioni; una di queste è relativa alle autorizzazioni per l’immissione in commercio dei farmaci. I rappresentanti del Consorzio Obbligatorio per le Batterie al Piombo Esauste e i Rifiuti Piombosi-Cobat saranno auditi dalla commissione Ambiente in merito allo schema di decreto legislativo su pile e accumulatori. Alla Camera proseguirà il confronto sul disegno di legge di revisione costituzionale sull’abolizione del bicameralismo paritario e la ridefinizione dei rapporti tra lo Stato e le Regioni. Non si prevedono sorprese rispetto ad un percorso che ormai è sostanzialmente segnato.

I tempi non sono contingentati, per cui su ciascun emendamento, in base al regolamento della Camera, può intervenire per cinque minuti un deputato per gruppo e, per un minuto ciascuno, altri deputati in base alla consistenza numerica delle formazioni politiche. Tuttavia, la conferenza dei capigruppo ha già fissato all’11 gennaio, alla ripresa dei lavori d’Aula dopo la pausa natalizia, il voto finale sul ddl Boschi. In questa, e soprattutto nella prossima settimana, dunque, l’Assemblea di Montecitorio sarà impegnata nelle votazioni sugli emendamenti e sugli ordini del giorno al testo. La Commissione Bilancio proseguirà l’esame preliminare del ddl di Stabilità; ieri il Presidente Francesco Boccia ha illustrato la road map dell’esame in Commissione che dovrebbe concludersi – il condizionale in questi casi è d’obbligo – l’11 dicembre. Il termine per la presentazione degli emendamenti è stato fissato alle 18:30 di venerdì 27 novembre. In commissione Finanze si svolgerà l’audizione dei rappresentanti del Fondo interbancario di tutela dei depositanti, sulle tematiche relative all’operatività del Fondo nell’attuale contesto.

Il collegato alla Finanziaria in materia di green economy continuerà ad essere al centro dell’ordine del giorno della commissione Ambiente. La commissione Attività produttive porterà avanti l’analisi delle parti di competenza della legge di Stabilità. Nel corso della seduta saranno affrontate anche le comunicazioni della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni un “New Deal” per i consumatori di energia e “Avvio del processo di consultazione pubblica sul nuovo assetto del mercato dell’energia”. La commissione Affari sociali porterà avanti l’esame delle parti di competenza della legge di Stabilità.

Alle 13 il Parlamento si riunirà in seduta comune per l’elezione di tre giudici della Corte costituzionale. L’intesa a tre tra maggioranza, M5s e Forza Italia è in bilico. La trattativa è andata avanti per tutta la notte. Di certo c’è il mandato del premier Matteo Renzi ai suoi capigruppo: “Non può finire in una nuova buca”. Lunedì si era respirato un cauto ottimismo su una intesa su tre nomi proposti da Pd, M5s e FI, vale a dire Augusto Barbera, Franco Modugno e Francesco Paolo Sisto. I primi due sono docenti di diritto costituzionale e il terzo un giurista e deputato “azzurro”. Ma ieri è arrivato il niet dei pentastellati ai nomi di Barbera e Sisto.

L’abbattimento di un caccia russo da parte delle forze turche rischia di complicare irrimediabilmente la partita sullo scacchiere mediorientale. Il presidente russo Putin ha confermato che la scelta di Ankara “avrà conseguenze tragiche”. Francia e Stati Uniti hanno spiegato che continueranno a combattere lo Stato islamico insieme, coinvolgendo anche Mosca. La Casa Bianca ha mobilitato anche il vicepresidente Biden che ha chiamato al dipartimento di Stato gli ambasciatori in Usa di 59 degli oltre 60 paesi membri della coalizione anti Isis e che venerdì vedrà a Roma il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili