L'opinione

Le “due Libie” e la quarta sponda

183

Le residue velleità imperiali della Francia di Sarkozy e del Regno Unito di Cameron ci hanno consegnato, a noi europei ed al resto del mondo, un gran bel pasticcio.
L’Italia stessa fa ormai fatica a stabilire una linea che sia, insieme, efficace e non insidiosa. È veramente difficile capire dove sia il bandolo della matassa in Libia.
Ormai tanti, troppi, cercano di avere voce in capitolo in Libia: russi, turchi, israeliani, egiziani, il Qatar, il Saudi Arabia, per non parlare degli Usa e dei paesi europei come la Francia, la Gran Bretagna. Il ruolo della Italia è importante e viene dalla storia.
Tutta la storia recente della Libia governata da Gheddafi va letta tenendo presente il drammatico fallimento della politica di Nasser. Gheddafi sembrò sposare in pieno, almeno all’inizio, il panarabismo nasseriano. Poi divenne altalenante sui rapporti con l’Italia, tra ricatti più o meno pesanti ed improvvise e sostanziali normalizzazioni nel nome della realpolitik. Petrolio e laicità.
Nessuno considerava Gheddafi particolarmente affidabile, ma fu fatta di necessità virtù. Tutto scorreva sostanzialmente in modo tranquillo e prevedibile fino alla svolta del caos.
La guerra contro Gheddafi ha riportato indietro l’orologio della storia: centralità dell’elemento tribale. Oggi abbiamo “due Libie” che si fanno la guerra odiandosi. Quando finirà? Molto probabilmente quando salterà fuori dal cilindro un nuovo Gheddafi.

Altre opinioni dell'Autore
Eccellenza

Le nanotecnologie che permettono di ascoltare il dialogo tra le cellule a stella del cervello

Una ricerca coordinata dal Cnr-Isof in collaborazione con il Cnr-Imm dimostra che gli astrociti hanno una propria attività bioelettrica di eccitazione e comunicazione. Lo studio presenta possibili applicazioni nanotecnologiche per la cura di patologie come epilessia e ictus.
di redazione
Luciano Maria Teodori

Coronavirus, da soli non si va da nessuna parte

Il Presidente cinese Xi Jinping è un signore dalle mille risorse. Sembrava schiacciato dal disastro della epidemia ed invece è riuscito a...
di Luciano Maria Teodori
Sicurezza

La guerra al Coronavirus. Impegnati 10mila uomini e donne della Difesa

Per gestire l'emergenza Coronavirus che sta martoriando l'Italia, le Forze Armate stanno impiegando circa 10mila militari gestiti e coordinati dal Comando Operativo di vertice Interforze della Difesa (COI - Difesa). Come accade in occasione di ogni crisi, gli italiani individuano nell'Esercito Italiano la loro àncora di salvezza.
di Valentina Renzopaoli
Innovazione

La “scuola digitale” è debole. Solo 1 su 10 è connessa a banda ultra larga

Scuola digitale: di moderne tecnologie, dai Tablet ai Pc, dagli E-book alla Lim, le scuole italiane sono oramai state dotate. Quello che invece, ancora oggi manca sono figure in grado di utilizzare a pieno tali tecnologie, nonché la diffusione della connessione a banda ultra larga.
di Ilaria Tirelli
Opinioni

Coronavirus all’italiana

Metto, innanzitutto, in evidenza alcuni temi sottolineati da Gian Maria Fara, a proposito del Covid-19: «Certe decisioni politiche e amministrative, stanno edificando...
di Francesco Sidoti
Innovazione

Il cyber spazio bene comune e “frontiera” da presidiare

"Il fattore umano nella cyber security" è un interessante manuale che offre un punto di vista originale sulle metodologie e sugli strumenti più efficaci che le aziende sono chiamate ad adottare per diffondere una maggiore consapevolezza nell’uso del web e dei nuovi sofisticati strumenti di comunicazione.
di Massimiliano Cannata
Economia

Coronavirus, “Inaccettabile l’impiego di fondi Por delle Regioni del Sud per coprire l’emergenza”

Il tentativo del governo nazionale di utilizzare anche i fondi comunitari delle regioni del Sud, ossia le risorse destinate dall’Unione europea per...
di Saverio Romano
Attualità

Crisi Coronavirus, come farà l’Italia senza sommerso?

La crisi riconducibile al Covid-19 ha, di fatto, bloccato in gran parte l’economia ufficiale, quasi del tutto l’economia sommersa e inflitto pesanti perdite a quella criminale. Il vero problema sarà, nelle prossime settimane, quello di gestire la scomparsa del sommerso che è stato (piaccia o non piaccia) nel corso degli ultimi decenni un vero e proprio ammortizzatore sociale.
di Gian Maria Fara
Ambiente

Coronavirus, le pandemie sono colpa dell’uomo. WWF: “Abbiamo distrutto la natura”

Pandemie e distruzione degli ecosistemi naturali: il Report del WWF conferma l’allarme. Il 28 marzo l’evento globale del WWF, Earth Hour, dedicato all'Italia che si svolgerà via social.
di Valentina Arrighi
Economia

Coronavirus, Lockdown vs Knockdown

Il così detto “lockdown” delle Nazioni, se non gestito con attenzione, potrebbe tramutarsi in “knockdown”. La gestione dell’emergenza deve far capo alle procedure di risk management per la mitigazione dei livelli di rischio associati alla protezione della salute e dei flussi produttivi. L'intervento di Pasquale Preziosa e Roberto De Vita.
di Pasquale Preziosa e Roberto De Vita