Informazione

L’epopea di Nellie Bly giornalista investigativa negli Usa di fine ‘800

Se “The Post”, il film di Steven Spielberg, è stato definito “una lettera d’amore al mestiere del giornalista”, un libro uscito da poco muta questo amore in  passione. Al centro c’è ancora una donna, non più Katherine Graham, la proprietaria del Washington Post, che nel 1971 ebbe il coraggio di pubblicare i “Pentagon Papers” che smascheravano le bugie del governo sulla guerra in Vietnam. No, dobbiamo andare indietro di circa un secolo, quando entra in scena Elizabeth Cochran, in arte e per tutti Nellie Bly, la prima giornalista investigativa americana. E’ imperdibile “Dove nasce il vento”, scritto per Bompiani da Nicola Attadio (204 pagine, 16 euro), una biografia che sembra un romanzo, eroico e commovente.

Figlia di un giudice onorario, che la madre aveva sposato in seconde nozze, rimasta orfana a sei anni di quel papà che adorava, e che purtroppo non aveva lasciato un testamento, Elizabeth affronta un’infanzia e un’adolescenza durissime: povertà, impossibilità di chiudere il ciclo scolastico, un patrigno violento. La sua vocazione per il giornalismo si rivela a Pittsburg, la città mineraria in cui ora vive assieme alla madre. Il giornale locale, Il “Dispatch” pubblica dei corsivi che relegano la donna in un ruolo subalterno. Lei reagisce e scrive da “free american girl”, come si sente, una lettera di protesta, firmandosi “ragazza orfana e sola”, Lonely Orphan Girl. Non pubblicano la lettera, ma un annuncio che le chiede di presentarsi in redazione. Ed  è così che comincia la carriera di Elizabeth.

ATTADIO_COVER

Perché il suo nome le viene cambiato d’imperio? Perché le donne, all’epoca, se giornaliste, potevano scrivere solo attraverso un nickname. E perché Nellie Bly? Per riprendere una vecchia canzone americana scritta dal padre della musica folk, Stephen Foster, che diceva “Nelly Bly ha un cuore caldo come una tazza di tè e più grande delle dolci patate del Tennessee”. Soltanto che il redattore che lo propose storpiò Nelly in Nellie, che le rimase attaccato per sempre. Ma c’è un secondo travestimento di cui Nellie Bly fu invece la creatrice assoluta: l’inchiesta sotto copertura. Fingersi cioè “non giornalista” assumendo l’identità giusta per poter avere accesso a verità, racconti, documenti, che altrimenti non avrebbe mai potuto rivelare al lettore. Si finge operaia per accedere a quegli ostelli, gestiti da organizzazioni cristiane, in cui le ragazze che lavorano vengono accolte, senza attenzione, senza affetto, senza amore, lasciando che si ubriachino o che finiscano a letto col primo che capita. Il suo articolo esce sul domenicale del “Dispatch” una domeinca del 1885 e conquista valanghe di lettori.

L’anno dopo, a  22 anni ancora da compiere, riesce a farsi inviare in Messico per una grande inchiesta su quel paese. Dopo cinque mesi di straordinarie corrispondenze, deve uscirne di corsa, inseguita dalla polizia del presidente Diaz, per aver scritto, fra l’altro, che la stampa locale è a lui asservita. Per “Il Dispatch” Nellie è una presenza importante, che aumenta di molto le vendite, ma anche ingombrante, e il direttore la relega così alle pagine di costume. Lei non accetta questo ghetto e decide di fare il grande balzo.
Andrà a Manhattan, e si presenterà al direttore del grande giornale “The New York World” con una proposta sconvolgente: fingersi pazza e riuscire a farsi internare al manicomio femminile “Blackwell’s Island”, che sarà il capolavoro del suo giornalismo undercover. Molti medici la analizzano, ma lei riesce a superare il loro esame, per poter descrivere, compagna per dieci giorni di altre sventurate, i maltrattamenti che quelle donne debbono subire. Un’inchiesta che farà clamore e costringerà le autorità a correre ai ripari migliorando radicalmente le condizioni interne. E lei, a 23 anni, è la giornalista più conosciuta d’America.

Poi un’altra sfida clamorosa, compiere il giro del mondo in meno degli 80 giorni descritti nel romanzo di Jules Verne, scrittore che conoscerà a Parigi. Nellie ci riesce, realizzando l’impresa in 73 giorni. Tanti altri stunt, come venivano chiamati quei colpi giornalistici, il matrimonio con un anziano uomo d’affari, l’abbandono momentaneo della professione, il tentativo di costruire una fabbrica modello e il ritorno al giornalismo, come corrispondente sul fronte della prima guerra mondiale. Morirà a New York quattro anni dopo la fine del conflitto, di nuovo povera e sola, come all’inizio della sua carriera. Attadio alterna al racconto della sua vita, frammenti di storia degli Stati Uniti, come ad esempio la nascita, nel 1893, del Movimento populista. La storia si ripete, e speriamo che anche il giornalismo ne sia all’altezza.
L’immagine di copertina si riferisce al manicomio femminile Blackwells Island
La foto di Nicola Attadio è di Tania Cristofari

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia