Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Informazione

L’epopea di Nellie Bly giornalista investigativa negli Usa di fine ‘800

Se “The Post”, il film di Steven Spielberg, è stato definito “una lettera d’amore al mestiere del giornalista”, un libro uscito da poco muta questo amore in  passione. Al centro c’è ancora una donna, non più Katherine Graham, la proprietaria del Washington Post, che nel 1971 ebbe il coraggio di pubblicare i “Pentagon Papers” che smascheravano le bugie del governo sulla guerra in Vietnam. No, dobbiamo andare indietro di circa un secolo, quando entra in scena Elizabeth Cochran, in arte e per tutti Nellie Bly, la prima giornalista investigativa americana. E’ imperdibile “Dove nasce il vento”, scritto per Bompiani da Nicola Attadio (204 pagine, 16 euro), una biografia che sembra un romanzo, eroico e commovente.

Figlia di un giudice onorario, che la madre aveva sposato in seconde nozze, rimasta orfana a sei anni di quel papà che adorava, e che purtroppo non aveva lasciato un testamento, Elizabeth affronta un’infanzia e un’adolescenza durissime: povertà, impossibilità di chiudere il ciclo scolastico, un patrigno violento. La sua vocazione per il giornalismo si rivela a Pittsburg, la città mineraria in cui ora vive assieme alla madre. Il giornale locale, Il “Dispatch” pubblica dei corsivi che relegano la donna in un ruolo subalterno. Lei reagisce e scrive da “free american girl”, come si sente, una lettera di protesta, firmandosi “ragazza orfana e sola”, Lonely Orphan Girl. Non pubblicano la lettera, ma un annuncio che le chiede di presentarsi in redazione. Ed  è così che comincia la carriera di Elizabeth.

ATTADIO_COVER

Perché il suo nome le viene cambiato d’imperio? Perché le donne, all’epoca, se giornaliste, potevano scrivere solo attraverso un nickname. E perché Nellie Bly? Per riprendere una vecchia canzone americana scritta dal padre della musica folk, Stephen Foster, che diceva “Nelly Bly ha un cuore caldo come una tazza di tè e più grande delle dolci patate del Tennessee”. Soltanto che il redattore che lo propose storpiò Nelly in Nellie, che le rimase attaccato per sempre. Ma c’è un secondo travestimento di cui Nellie Bly fu invece la creatrice assoluta: l’inchiesta sotto copertura. Fingersi cioè “non giornalista” assumendo l’identità giusta per poter avere accesso a verità, racconti, documenti, che altrimenti non avrebbe mai potuto rivelare al lettore. Si finge operaia per accedere a quegli ostelli, gestiti da organizzazioni cristiane, in cui le ragazze che lavorano vengono accolte, senza attenzione, senza affetto, senza amore, lasciando che si ubriachino o che finiscano a letto col primo che capita. Il suo articolo esce sul domenicale del “Dispatch” una domeinca del 1885 e conquista valanghe di lettori.

L’anno dopo, a  22 anni ancora da compiere, riesce a farsi inviare in Messico per una grande inchiesta su quel paese. Dopo cinque mesi di straordinarie corrispondenze, deve uscirne di corsa, inseguita dalla polizia del presidente Diaz, per aver scritto, fra l’altro, che la stampa locale è a lui asservita. Per “Il Dispatch” Nellie è una presenza importante, che aumenta di molto le vendite, ma anche ingombrante, e il direttore la relega così alle pagine di costume. Lei non accetta questo ghetto e decide di fare il grande balzo.
Andrà a Manhattan, e si presenterà al direttore del grande giornale “The New York World” con una proposta sconvolgente: fingersi pazza e riuscire a farsi internare al manicomio femminile “Blackwell’s Island”, che sarà il capolavoro del suo giornalismo undercover. Molti medici la analizzano, ma lei riesce a superare il loro esame, per poter descrivere, compagna per dieci giorni di altre sventurate, i maltrattamenti che quelle donne debbono subire. Un’inchiesta che farà clamore e costringerà le autorità a correre ai ripari migliorando radicalmente le condizioni interne. E lei, a 23 anni, è la giornalista più conosciuta d’America.

Poi un’altra sfida clamorosa, compiere il giro del mondo in meno degli 80 giorni descritti nel romanzo di Jules Verne, scrittore che conoscerà a Parigi. Nellie ci riesce, realizzando l’impresa in 73 giorni. Tanti altri stunt, come venivano chiamati quei colpi giornalistici, il matrimonio con un anziano uomo d’affari, l’abbandono momentaneo della professione, il tentativo di costruire una fabbrica modello e il ritorno al giornalismo, come corrispondente sul fronte della prima guerra mondiale. Morirà a New York quattro anni dopo la fine del conflitto, di nuovo povera e sola, come all’inizio della sua carriera. Attadio alterna al racconto della sua vita, frammenti di storia degli Stati Uniti, come ad esempio la nascita, nel 1893, del Movimento populista. La storia si ripete, e speriamo che anche il giornalismo ne sia all’altezza.
L’immagine di copertina si riferisce al manicomio femminile Blackwells Island
La foto di Nicola Attadio è di Tania Cristofari

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra