L’invecchiamento, i nuovi problemi delle società avanzate

Le conquiste in ambito medico-scientifico hanno permesso negli ultimi decenni di migliorare enormemente l’aspettativa di vita degli esseri umani. Soprattutto nei cosiddetti paesi avanzati, infatti, vi è un aumento costante di tale parametro di circa 3-4 mesi l’anno. Se nel 1970 la speranza di vita alla nascita era di circa 70 anni, nel 2013 si arriva ad una media di 80,5 anni, laddove per otto nazioni, tra cui l’Italia in quarta posizione, si supera quota 82 anni.

La positività del dato non è comunque sufficiente a sostenere una promozione a pieni voti dei servizi sanitari dei Paesi dell’OCSE: secondo il report Health at Glance 2015, volto a monitorate lo stato di salute dei sistemi sanitari dei paesi aderenti, sono ancora troppe le vite che si perdono.

Questo perché i sistemi sanitari migliorano in modo eccessivamente lento per affrontare le sfide indotte dal generalizzato invecchiamento demografico e dal conseguente incremento delle malattie croniche.

In primis, il quadro dipinto dal report non vede nessun paese eccellere in base ai vari parametri presi in considerazione, anche in quelle nazioni che investono molto sulla sanità; piuttosto suggerisce l’esistenza di un ampio margine di miglioramento per ogni singola nazione in termini di prevenzione, di diagnosi precoce e trattamento dei diversi problemi di salute.

Secondariamente, la situazione nei diversi paesi considerati è molto disomogenea.

Se si considerano, infatti, malattie potenzialmente mortali come ictus e infarti, tra il 2003 e il 2013 i tassi di mortalità dopo un ricovero sono calati in media di circa il 30% per gli infarti e del 20% per gli ictus; la situazione mostra ampi margini di manovra per paesi che arrancano come il Messico, l’Estonia, il Latvia, l’Ungheria e il Cile.

Situazione analoga per quel che concerne numerose patologie tumorali che registrano, grazie a nuove terapie e alla diagnosi precoce, un sensibile aumento del tasso di sopravvivenza. Rispetto al cancro al seno e a quello colon rettale, il tasso di sopravvivenza relativa a 5 anni è aumentato dal 55% circa per le persone monitorate e seguite nel periodo 1998-2003 a oltre il 60% per quelle controllate e seguite a dieci anni di distanza nel periodo 2008-2013. Più vulnerabili risultano paesi come il Cile, la Polonia e il Regno Unito.

Anche per quel che riguarda le cure primarie, pur entro uno scenario di generale miglioramento, vi sono gli spazi per un’ottimizzazione, al fine di ridurre ulteriormente i ricoveri ospedalieri che l’invecchiamento demografico e l’acuirsi di patologie croniche tendono a intensificare.

Il grado di disomogeneità che si riscontra a livello dell’area OCSE si riflette anche nel panorama sanitario nazionale dell’Italia, laddove la Penisola mostra performance di ottimo livello in alcuni settori e, contemporaneamente, lacune e ritardi in altri.

Se da una parte l’Italia, paese ai primi posti per speranza di vita, si mantiene al di sotto della media OCSE per il tasso di mortalità per cancro, per la mortalità infantile sotto un anno di vita, registra al contempo una delle maglie nere per quel che concerne i problemi di sovrappeso, inclusa l’obesità tra i bambini, nonché per la spesa sanitaria. Quest’ultima, che nei i Paesi dell’OCSE cresce seppur lentamente in linea con l’aumento del PIL, nel 2013 diminuisce in l’Italia e in Portogallo per il terzo anno consecutivo e in Grecia per il quarto anno consecutivo.

Per quanto riguarda invece il settore farmaceutico, la spesa dell’intero comparto per i Paesi dell’OCSE nel 2013 ha raggiunto gli 800 milioni di dollari statunitensi, ovvero il 20% della spesa sanitaria media, considerati sia gli acquisti di farmaci al dettaglio sia l’utilizzo in ambito ospedaliero. In buona parte dei paesi considerati è rallentata la spesa farmaceutica al dettaglio negli ultimi anni, mentre per alcuni è aumentata parallelamente la spesa farmaceutica ospedaliera.

L’altra faccia della medaglia è il fenomeno di progressivo invecchiamento della popolazione e l’aumento delle patologie ad esso correlate.

Si stima che entro 5 anni il consumo di farmaci specifici potrà rappresentare la metà dell’aumento della spesa farmaceutica; inoltre l’elevato costo di tali farmaci, destinati a un target numericamente ristretto, apre a nuovi dilemmi circa la sostenibilità e l’efficienza a lungo termine della spesa farmaceutica. Una nuova sfida per il settore potrebbe essere trovata nel mercato dei farmaci generici, che tuttavia stenta a decollare in paesi come la Svizzera, l’Italia, la Grecia e il Giappone, nonché in una campagna di sensibilizzazione nei confronti del corretto uso dei dispositivi medici, come nel caso degli antibiotici, il cui abuso amplifica il rischio di resistenza microbica.

Health at Glance 2015 offre quindi un ampio spettro di riflessioni per permettere ai singoli Stati e agli organismi internazionali di introdurre misure specifiche volte a migliorare la qualità e l’efficienza dei servizi sanitari e, non in ultimo, il raggiungimento di un regime di coperture sanitarie universali per le cure essenziali, laddove in Paesi come la Grecia, gli Stati Uniti e la Polonia tale traguardo non è stato ancora guadagnato.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica