L'opinione

Lo spread colpisce ancora

40

I Tg di lunedì 8 febbraio – Il crollo generale dei mercati europei, con la borsa di Milano che oggi perde il 4,7% azzerando i guadagni da agosto 2013, si impone sui titoli ottenendo le aperture di cinque testate. Se negli ultimi due mesi si hanno avute diverse giornate “nere”, a catturare i primi titoli di gran parte dell’informazione di prime time è il ritorno dello spread, salito nelle ultime ore a quoto 146. Mentre alcuni servizi lanciano l’allarme Tg5 e Tg La7 leggono l’acuirsi del margine tra i tassi dei titoli di stato italiani e quelli tedeschi come una “reazione fisiologica”, non direttamente dovuta al timore verso la stabilità dei nostri conti pubblici. Se ad affossare la piazza di Milano sono, nuovamente, gli indici bancari, sempre Tg5 e Tg La7 ci avvisano che anche la Deutsche Bank non si trova in acque tranquille. Tanti indici sciorinati dai servizi ci inducono ad una considerazione: ormai i Tg danno per scontato che il pubblico non solo recepisca le notizie d’economia, ma che anche le digerisca. Da questo punto di vista solo La7 raggiunge la sufficienza.
La visita in Turchia della cancelliera Merkel, che si dice inorridita dagli effetti sulla popolazione civile dei bombardamenti attuati dalle forze russe sulla regione di Aleppo, figura sui titoli di Tg1, Tg3 e Tg La7. In molti servizi alle accuse della cancelliera si accompagnano le immagini dei nuovi naufragi sulla rotta dell’Egeo, mentre sin dai titoli Mentana mette in guardia verso una nuova, vasta ondata di arrivi (stimati fino a 600.000). Tg La7 è la testata che meglio approfondisce le difficoltà tedesche e l’obbiettivo di usare la Turchia per bloccare i flussi. Ottima la copertura del Tg3 da un ospedale sul confine turco che offre soccorsi tanto ai profughi che ai combattenti tra i ribelli siriani. Di Siria, Isis e medio oriente si è tanto parlato anche a Washington nell’incontro tra il Presidente Mattarella ed Obama – apertura per Tg1, titoli per i Rai, Tg5 e Tg La7; sia Tg5 che Tg4 riportano gli elogi del presidente americano agli sforzi dei militari italiani attivi su molti fronti.
Tutte le testate registrano con scetticismo la reazione del ministro degli interni egiziano che nega qualunque coinvolgimento delle forze dell’ordine e dei servizi in relazione alla brutale aggressione in cui ha perso la vita Giulio Regeni (apertura per Studio Aperto). Interessante il servizio di Tg5 che ipotizza i rischi cui andrebbe incontro l’economia de Il Cairo se venisse provato il coinvolgimento diretto del governo egiziano nella morte del nostro connazionale.
Con l’approssimarsi del voto al Ddl Cirinnà le divisioni tra le testate si fanno più marcate, con i Tg Mediaset che propongono uno scenario “tutti contro tutti” (Tg4), mentre quelle Rai inquadrano un Pd che va avanti dritto per la sua strada. Tg1, Tg3 e Tg La7 si interrogano sulla situazione interna al M5S dopo che, senza consultazione online, i “garanti” Grillo e Casaleggio hanno garantito libertà di coscienza ai parlamentari pentastellati. Le primarie del centrosinistra a Milano che hanno incoronato Sala candidato alla poltrona di sindaco ottengono servizi su tutte le testate, ma sono i Tg Rai e La7 a riflettere sulle divisioni interne alla sinistra che hanno impedito ai candidati non renziani di trionfare sull‘ex direttore generale di Expo. Interessante Tg5 che affianca a Sala il “probabile candidato” milanese del centrodestra, Parisi, mentre per Roma la situazione è in alto mare e Marchini è tramontato per l’opposizione delle feste estreme.
Grande attenzione su tutte le testate al nuovo caso di violenze su disabili mentali da parte di operatori di un istituto convenzionato di Grottaferrata. Tra i molti servizi (buone coperture di Tg4 e Tg1) segnaliamo la copertina di Tg5, che, ricollegandosi ai più recenti casi di maltrattamenti su anziani, disabili e minori, rivendica la necessità di maggiori tutele e sorveglianza.
In chiusura, segnaliamo il buon servizio del Tg3, che nell’anniversario della morte di un giovane lavoratore perito nel crollo di un palcoscenico, riporta l’appello della madre perché sia riesca in via giudiziaria a determinare la responsabilità dell’incidente in cui è morto suo figlio. Uno spaccato di molte altre storie di morti bianche, un’espressione di cui, tra crisi, terrorismo e sbarchi, non sentivamo più da molto tempo parlare.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione