Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Lo stato delle unioni (civili)

I Tg di lunedì 25 gennaio – A 3 giorni dall’arrivo del provvedimento al Senato le unioni civili sono titolo per tutte le testate. Mentre la politica annaspa ed è attraversata dalla logica delle divisioni tra “guelfi ghibellini” – come efficacemente sintetizza Mentana -, si può affermare che l’informazione tv, specchio molo spesso deformato delle sensibilità diffuse nella società, almeno in questo caso è leggermente più avanti degli eletti dal popolo. Lasciando stare Studio Aperto e Tg4 che non fanno altro che tirare la giacchetta ai vescovi che non hanno bisogno di inviti in tal senso, gli altri Tg riprendono le odierne dichiarazioni di Bagnasco senza forzare. Che la Cei sia per la “famiglia naturale” ci sembra infatti un fatto scontato, ma come afferma TgLa7, le leggi le fa il Parlamento italiano. Anche a Cologno Monzese si respira qualche refolo di laicità, con l’intervista alla fondatrice dell’associazione gay Diversity Francesca Vecchioni che con semplicità parla di affetti omosessuali e di senso della famiglia anche non tradizionale. Tg2, poi, nel suo approfondimento ci ricorda che di unioni civili si para infruttuosamente dalla metà degli anni ’80: un implicito invito a far sì che questa volta non “salti” l’ennesimo appuntamento con l’ampliamento dei diritti individuali e sociali.

La riunione informale dei ministri a Bruxelles sul tema dei controlli e delle frontiere è stata per Mentana “inutile”, mentre Alfano – ripreso ampiamente soprattutto dai Tg Rai – afferma che per il momento “Schengen l’ha scampata”. Mentre l’Europa discute e la Germania sembra spingere la Grecia fuori dai suoi confini per “risolvere” il problema dei 400 mila profughi che lì albergano contro la loro volontà, Tg3 ci fa vedere il freddo che attanaglia le famiglie dei disperati accampati e le proteste della street art per lo sgombro forzato dei bivacchi di Calais. Tg4 tenta la classifica del “migrante più odiato” per chiedersi chi sia disposto a prendersi gli indesiderati. Dal tema profughi al terrorismo il passo, purtroppo, è breve. Attenzione per tutti alle minacce rilanciate da Europol all’arresto in Italia del marocchino presunto adepto dell’Isis. Tg5 offre un ampio reportage sulla guerra in Siria dalla parte del fronte russo. La difficile avanzata della pacificazione in Libia sotto un unico governo è ben rappresentata da Tg3.
I Tg delle 20 forzano sui 17 miliardi di “torta ricchissima” (Tg5) portati in dote da Rouhani nel primo viaggio europeo del leader iraniano, mentre TgLa7 segnali più volte che gli affari sono concreti mentre il tema dei diritti umani on è stato neanche sfiorato negli incontri ufficiali di giornata. 

Visto l’odierno andamento della borsa, ancora attenzione alle questioni bancarie soprattutto su TgLa7, mentre Tg3 ipotizza che l’inabissamento di Mps sia frutto di manovre sugli istituti bancari italiani da parte di compratori stranieri. Le apprensioni Ue sul debito italiano sono assai alte su Mediaset e su La7, mentre la Rai ( soprattutto Tg3) sottolinea che sono ben 11 su 28 i paesi cui la Commissione ha tirato le orecchie.
L’odierna polemica di Grillo e dei Cinque Stelle contro il binomio Pd-Rai è ripresa fin dai titolo da TgLa7, ma anche Tg2 se ne occupa, seppur velocemente.
Sembra impossibile, ma i bisturi nelle nostre sale operatorio sarebbero di scarsa qualità secondo i chirurghi nostrani, perché chi li acquista tenderebbe al risparmio. Sembra vero, anche perché a occuparsene sono le 3 testate Mediaset, ma anche Tg1 e Tg3.

 

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare