Osservatori

L’Osservatorio Eurispes dei telegiornali diventa super-tecnologico

116

Inserisci alcune parole chiave e riesci a interpellare l’informazione di primetime delle sette reti generaliste. L’Osservatorio permanente dei Tg diventa parte integrante dell’attività dell’Eurispes: un archivio video facilmente consultabile per completare il panel delle analisi che l’Istituto conduce sul sistema della comunicazione. L’iniziativa è stata presentata ieri a Roma, nella sede della Federazione della Stampa. Quanto sia utile un Osservatorio di questa portata lo ha spiegato il presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara: “Si pensi solo al contrasto fra l’insicurezza che la Tv spesso cavalca, e i dati reali che dicono che i delitti sono in calo”.
Fara ha ricordato che il “nuovo avvio” tecnologico dell’Osservatorio, partito già nel 2010, avviene in una fase “molto delicata” della vita politica italiana, in cui è cruciale analizzare “contenuti e qualità delle notizie che vanno in onda”. Va anche detto che già oggi, con cadenza settimanale, il nostro magazine pubblica una rassegna delle notizie dei telegiornali, affidate al responsabile dell’Osservatorio, Luca Baldazzi, e che però l’Eurispes da trent’anni archivia e analizza anche gli articoli dei principali giornali italiani.
La parola è andata poi a Luca Baldazzi, per il quale le ultime elezioni politiche hanno evidenziato “una perdita di ruolo da parte dell’informazione televisiva” e questo per l’incapacità di incidere sui veri temi della campagna elettorale. Prova ne sia che nei titoli dei tg di gennaio e di febbraio, i più presenti sono stati Renzi e Berlusconi, che poi hanno perso le elezioni, mentre Salvini, che si rivelerà uno dei vincitori, “è rimasto saldamente in coda”.
Un suggerimento per la riforma della legge sulla “par condicio” è stato fornito da Piero De Chiara, consigliere appena uscito da Agcom, l’Autorità per le garanzie sulle comunicazioni: “Dovremmo concentrare il monitoraggio solo su Tg1 e Tg5, che insieme arrivano a 10 milioni di spettatori, in genere di età anziana e che prevalentemente hanno la tv come unica fonte, e lasciare gli altri telegiornali che hanno ascolti molto più bassi e che sono visti da persone che si informano anche sui giornali e in rete”. Renato Parascandolo, illustre giornalista televisivo e docente universitario, nonché rappresentante di “Articolo 21”, ha posto l’accento sul degrado della professione giornalistica, con la scomparsa del giornalismo d’inchiesta e della “realtà sociale” dai media e dalla tv in particolare, dove viene sostituita “dai talk show e dalle opinioni”.

Ultime notizie
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione
Cultura & Turismo

Italia addio. La fuga all’estero dei pensionati italiani. La storia

Pensionati italiani che “fuggono” all'estero: si stima che siano circa 400mila, distribuiti in 160 diversi paesi del mondo. Rossana e Franco sono due delle tante coppie che hanno compiuto questa scelta.
di Raffaella Saso