Osservatori

L’Osservatorio Eurispes dei telegiornali diventa super-tecnologico

118

Inserisci alcune parole chiave e riesci a interpellare l’informazione di primetime delle sette reti generaliste. L’Osservatorio permanente dei Tg diventa parte integrante dell’attività dell’Eurispes: un archivio video facilmente consultabile per completare il panel delle analisi che l’Istituto conduce sul sistema della comunicazione. L’iniziativa è stata presentata ieri a Roma, nella sede della Federazione della Stampa. Quanto sia utile un Osservatorio di questa portata lo ha spiegato il presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara: “Si pensi solo al contrasto fra l’insicurezza che la Tv spesso cavalca, e i dati reali che dicono che i delitti sono in calo”.
Fara ha ricordato che il “nuovo avvio” tecnologico dell’Osservatorio, partito già nel 2010, avviene in una fase “molto delicata” della vita politica italiana, in cui è cruciale analizzare “contenuti e qualità delle notizie che vanno in onda”. Va anche detto che già oggi, con cadenza settimanale, il nostro magazine pubblica una rassegna delle notizie dei telegiornali, affidate al responsabile dell’Osservatorio, Luca Baldazzi, e che però l’Eurispes da trent’anni archivia e analizza anche gli articoli dei principali giornali italiani.
La parola è andata poi a Luca Baldazzi, per il quale le ultime elezioni politiche hanno evidenziato “una perdita di ruolo da parte dell’informazione televisiva” e questo per l’incapacità di incidere sui veri temi della campagna elettorale. Prova ne sia che nei titoli dei tg di gennaio e di febbraio, i più presenti sono stati Renzi e Berlusconi, che poi hanno perso le elezioni, mentre Salvini, che si rivelerà uno dei vincitori, “è rimasto saldamente in coda”.
Un suggerimento per la riforma della legge sulla “par condicio” è stato fornito da Piero De Chiara, consigliere appena uscito da Agcom, l’Autorità per le garanzie sulle comunicazioni: “Dovremmo concentrare il monitoraggio solo su Tg1 e Tg5, che insieme arrivano a 10 milioni di spettatori, in genere di età anziana e che prevalentemente hanno la tv come unica fonte, e lasciare gli altri telegiornali che hanno ascolti molto più bassi e che sono visti da persone che si informano anche sui giornali e in rete”. Renato Parascandolo, illustre giornalista televisivo e docente universitario, nonché rappresentante di “Articolo 21”, ha posto l’accento sul degrado della professione giornalistica, con la scomparsa del giornalismo d’inchiesta e della “realtà sociale” dai media e dalla tv in particolare, dove viene sostituita “dai talk show e dalle opinioni”.

Ultime notizie
Rapporto Italia

RItalia 2020. Inizia il viaggio verso il 32° Rapporto Italia

Rapporto Italia è, da oltre trent’anni, una delle più efficaci narrative del Paese.È un ragionamento complesso, che ogni anno assume la forma...
di Alberto Mattiacci
Economia

Minibot, l’Italia gioca a poker. Ecco la verità nascosta

Dei minibot smetteremo presto di sentir parlare, accantonati in quel simpatico ripostiglio di “perle” assolute della politica contemporanea. Ma perché mai gli estensori di questa proposta si sono lanciati in una mossa (apparentemente) suicida e autolesionista? La riflessione di Alberto Mattiacci.
di Alberto Mattiacci
Cultura

La cultura dell’innovazione, unico antidoto contro la crisi del sistema

L’innovazione è un termine complesso, che presenta mille sfaccettature. Roberto Panzarani, docente di Innovation Management, nel suo ultimo saggio sottolinea che l'innovazione non è mai stata così al centro dell’attenzione: «Dalla tecnologia al marketing, alla definizione dei piani di business, nulla si potrebbe ottenere in assenza di questo motore».
di Massimiliano Cannata
Economia

Lotta al contante, 60 mld di cash nelle cassette di sicurezza in Italia. La proposta per far emergere il sommerso

Se in Italia aumentassero i pagamenti digitali e diminuissero le transazioni regolate in contanti si ridurrebbe l’incidenza dell’economia sommersa e dell’Iva evasa rispetto al Pil, fino a toccare valori, rispettivamente, compresi tra l’11,8% e l’8,8% e l’1,6% e lo 0,4%. Le proposte dell'Osservatorio sulle Politiche Fiscali dell'Eurispes per far emergere il sommerso.
di Giovambattista Palumbo
Immigrazione

La fabbrica della paura. Amnesty International: “Paese in preda a paure e rancori”

La politica italiana sull'immigrazione, la “salute” dei diritti umani nel nostro Paese, il fenomeno del caporalato e il “nuovo razzismo”; ma anche la questione della legittima difesa e lo stato dell'arte sul “caso Regeni”. Intervista con Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.
di Marco Omizzolo
Gioco

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette