L'opinione

Mafia: Il mondo di sopra

94
mafia

I Tg di giovedì 4 giugno – L’apologo contenuto in una delle intercettazioni di Carminati collocava lui stesso e i suoi sodali (Buzzi & C) nel mondo di mezzo, quello che mette in comunicazione la base della piramide popolata dai “morti”, ovvero la gente comune, con i “vivi” che stanno “di sopra” e comandano su tutto e tutti. Mafia Capitale.2 (come la chiama stasera Enrico Mentana), con la retata del personale politico di Roma e della Regione Lazio dimostra però che l’ex Banda della Magliana e il boss delle coop truffaldine si sottovalutavano. Dalle nuove intercettazioni del Pm romano Pignatone è infatti dimostrato che la politica è pienamente “soggetta”, e che i ruoli teoricamente di rappresentanza, così come le funzioni nella pubblica amministrazione, da molti “politici” vengono intesi come una derivata degli interessi criminali e del malaffare. Le intercettazioni che accompagnano la seconda ondata di arresti campeggiano nelle aperture di tutti i Tg, con l’eccezione di Tg1 che presenta un’intervista esclusiva a Frau Merkel, per tuffarsi subito dopo nella cloaca massima della Capitale.

Inutile attendersi un atteggiamento morigerato dai diversi settori politici. Cinque Stelle, Fratelli d’Italia e Forza Italia hanno la soluzione in tasca: via Marino dal Campidoglio. La “buttano” in quella stessa politica che ha prodotto Mafia Capitale. Il conteggio dei “miei” e dei “tuoi”, dell’era Alemanno e del dopo, dei limiti nel commissariamento del Pd (che, comunque, è l’unico che si è auto-commissariato) riportano il tutto ad un livello di banalizzazione assai consueto.

Dicevamo dell’apertura del Tg1 che contiene un’intervista alla Merkel durante la quale compare la “rarissima” seconda domanda: “non è che Bruxelles è stata negli ultimi 5 anni un po’ troppo dura con Atene?” La risposta è scontata, ma almeno ci si è provato. Comunque per tutte le testate il barometro sembra volgere al bello.

Enrico Mentana (non è colpa nostra se dobbiamo citarlo una seconda volta) analizzando i dati economici delle ultime ore e le previsioni “rosee” della Confindustria si permette un commento niente male: dovremmo essere tutti contenti, ma il settarismo della politica impedisce alle opposizioni un plauso che rischierebbe di contenere un apprezzamento per il governo.

Ovviamente le indagini sulla macchina assassina guidata dal minorenne rom sono presenti su tutti, mentre l’uscita dal carcere del cittadino rom non alla guida crea scontato sconcerto su Tg4 e Studio Aperto. Gli sviluppi del caso del ragazzo padovano precipitato da un finestra dell’albergo milanese conquistano tutti, anche il riluttante TgLa7. Ciò dimostra che la vasta platea di teleutenti dopati da dosi massicce di cronaca nera fa gola a tutti.

Chiudiamo con un doppio plauso a Tg2. Il primo è legato al lungo e documentato servizio sulla libertà di stampa in Turchia, dove il direttore di un giornale d’opposizione rischia l’ergastolo per aver svelato un traffico d’armi del governo Erdogan con i Jihadisti siriani. Il secondo è per l’approfondimento sui 180 milioni di minori che nel mondo sono costretti a lavori, spesso i inumani anche per gli adulti. Una piaga che tocca 200.000 bambini e adolescenti anche in Italia.

Dati auditel dei Tg di mercoledì 3 giugno 2015

Schermata 2015-06-04 alle 23.36.46

Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli