L'opinione

Mal d’Africa

95

I Tg di mercoledì 25 novembre – La tensione crescente tra Mosca ed Ankara a seguito dell’abbattimento del jet russo continua come ieri ad occupare l’apertura di quasi tutte le testate. Scelta diversa è quella di Tg1 e Tg4 che dedicando il primo titolo al viaggio di Papa Francesco in Africa. L’arrivo del Pontefice a Nairobi viene seguito da tutte le testate, che sottolineano in primo luogo la battuta secondo cui Francesco sarebbe “più preoccupato delle zanzare che non dell’Isis”: il tutto a detrimento di una più approfondita attenzione alle sue riflessioni sulla povertà come concausa del terrorismo, presente nei servizi di Tg3 e Tg1. Tg2 parla del viaggio più “spericolato” del Papa. Il nome di Francesco risuona su Tg La7 più per l’esordio del viaggio in Africa per la responsabilità diretta del Papa nella decisione degli arresti e nel recente avvio del processo Vatileaks 2.

Sul fronte Russia-Turchia buone, nel complesso, le coperture sulla difficile e, in qualche misura, imprevedibile crisi nella diplomazia internazionale. Tg5 chiama a commentare il Generale Leonardo Tricarico che parla di una Nato “succube degli eventi e dell’influenza degli USA”. Tra i molti servizi spicca quello del Tg3 che ci ricorda gli opposti interessi turchi e russi sul territorio siriano. In evidenza l’interruzione della fornitura di gas all’Ucraina, con il rischio – secondo il nostro governo lontano – di una chiusura dei rubinetti anche per l’Europa.

La ricerca di terroristi e spalleggiatori degli attentati francesi rimane alta su tutte le testate. Molti i collegamenti da una Bruxelles che cerca, faticosamente, di ritornare alla normalità. Il discorso del Presidente Mattarella nella sua prima visita al Parlamento Europeo di Strasburgo è per le testate Rai e nei servizi di Tg5 e Tg La7.

La politica stasera “latita” – e non ne dogliamo -, se si esclude l’attenzione (titoli per Tg3 3 Tg La7) alla 27esima “fumata nera” per l’elezione dei tre membri di nomina parlamentare della Consulta.

Nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne l’ennesimo caso di femminicidio a Perugia produce titoli su tutte le testate. I Tg Rai riprendono l’appello della Presidente Boldrini che segnala come, oltre alle violenze fisiche, ancora oggi in Italia la compressione del ruolo della donna risulti evidente non solo nella famiglia ma anche nell’ambito del lavoro. In un servizio Tg4 mostra come la violenza sulle donne sia un fenomeno “senza età”, presentando la storia di una settantenne liberata dalle botte e dalle vessazioni infertele per 50 anni dal marito solo “grazie” all’aiuto dei centri antiviolenza.

Segnaliamo l’approfondimento del Tg2 sulla lotta alla corruzione in Italia che ci ricorda come il fenomeno sia all’ordine del giorno almeno da mezzo secolo, con risultati purtroppo evidenti agli occhi di tutti. Per Mentana si tratta di un’ulteriore “vergogna” in un Parlamento che si dimostra inadeguato e inadempiente anche rispetto a compiti istituzionali di primaria rilevanza.

Tg3, Tg1, Tg5 e TgLa7 “salutano” Ezio Mauro, in procinto di lasciare dopo 20 anni (14 gennaio) la direzione de La Repubblica a 40 anni dalla sua fondazione.

Dopo l’epopea dello “sparatore” di Brescia che qualche settimana fa da Mediaset è stato elevato al ruolo di “eroe”, l’odierno caso di un cittadino milanese che reagisce alle percosse ed alle intimidazione di banditi uccidendole uno e facendo fuggire gli altri, ottiene copertura da tutti i tg (6 titoli) e, visto l’inequivocabile svolgimento dei fatti, solidarietà e comprensione dallo stesso Enrico Mentana.

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli