Malati patologici, anziani, poveri in quarantena. Quali sono i rischi e come aiutarli

Prof.ssa Pensavalli, molte famiglie, già prima del Coronavirus, vivevano tensioni e disagi che questa pandemia rischia di peggiorare. A queste famiglie, ad ogni loro membro, come professionista, che cosa si sente di comunicare?
Mi sento di poter dire che questa reclusione è anche un’opportunità per tornare all’essenziale, per darsi ed offrire tempo, per potersi scrutare dentro. È importante mantenere vigile l’attenzione alle sane abitudini, non sapremo quanto tempo durerà questa reclusione, quindi anziché vivere alla giornata è molto importante fare dei progetti minimali che consentano di poter guardare al futuro con progettualità attiva, viva. Fondamentale è ricentrarsi sulla narrazione di sé, dare ascolto alle persone care ed anche agli amici trascurati e lontani: il nostro dialogo interpersonale si è notevolmente impoverito sia alla luce della comunicazione tecnomediata, sia a causa della velocizzazione dello stile di vita di ciascuno di noi; prendiamo dunque per buona questa opportunità per poter parlare di più tra di noi.

Secondo gli ultimi dati ufficiali, sono oltre 1,3 milioni gli italiani malati patologici da gioco d’azzardo. L’astinenza forzata di queste persone può aumentare tensioni, frustrazioni e litigi in famiglia? Che cosa può fare la famiglia e quali strategie può mettere in campo, ad esempio, un ludopatico per riuscire a gestire questa dipendenza tossica, in questa fase?
L’isolamento forzato può determinare un’acutizzazione di problematiche comportamentali che riguardano lo spettro dell’impulsività, già presente, ad esempio, nei soggetti ludopatici. Nella nostra comunità terapeutica Sisifo, in Tuscania, e che cura le dipendenze comportamentali, si è notato come questi stessi soggetti siano in generale persone in cui sono presenti tratti di irritabilità ed irrequietezza, spesso rivolti verso se stessi o verso gli altri, quando sussista il tentativo di ridurre o impedire la messa in atto di comportamenti compulsivi, che potrebbero generare difficoltà, disagi interpersonali economici, familiari e sociali. La connessione virtuale, effettuata con maggiore frequenza in questo periodo, e la ludopatia leniscono uno stato di inquietudine, di noia e di vuoto: la necessità principale è rappresentata dal raggiungimento dell’eccitazione, della soddisfazione e del piacere che si genera attraverso il gioco o la connessione stessa. Viceversa, la richiesta di estinzione del comportamento genera una sensazione di insoddisfazione ed episodi di rabbia, di nervosismo, di frustrazione. La famiglia, tuttavia, in questo particolare momento, non può far altro che cercare di comprendere il disagio sottostante il comportamento dipendente della persona e, insieme, orientarsi verso una modalità di ragionamento che guardi alle soluzioni, alle possibilità future. Vietate e controproducenti sono le critiche, come anche i giudizi, i sermoni educativi e la celebrazione di soluzioni personali vincenti. Utili sono, invece, i consigli delle soluzioni trovate di fronte alle difficoltà anche di diverso genere ed entità. Parola d’ordine è, dunque, rinunciare alle aspettative perfezionistiche di comportamenti sconvenienti ed accettare che questi possano essere compresi in un autentico spirito di collaborazione.

Molti ragazzi, restando obbligatoriamente in casa, tendono a fuggire dalla quotidianità familiare precipitando in quella virtuale, con un’accresciuta dipendenza dai social, dai videogame, dai giochi on line, dalle chat. Anche in questo caso, quali raccomandazioni si sente di dare a questi ragazzi e ai loro genitori?
In questi giorni lunghi da trascorrere completamente in casa, viene difficile negare ai figli esonerati dalla vita scolastica, il piacere di distrarsi con l’utilizzo dei devices tecnologici e dei videogiochi. Tuttavia, il libero accesso e l’elevato tempo a disposizione fanno sì che si appiattiscano le loro funzionalità esplorative, socio-educative e socializzanti e al tempo stesso, nei casi più seri, si modifichino gli stati di auto-coscienza e progettualità. Molti ragazzi, non sapendo se e quando si rientrerà a scuola, trascurano completamente il dovere di aderire ai programmi scolastici, cadendo in una sorta di trance ipnotica, che sovente li induce a controvertire il ritmo circadiano (videogiocano la notte e dormono di giorno). La cattività, inoltre, non li esonera da quello che viene definito, nella pratica clinica, il fenomeno del “mental clock” ovvero la sottovalutazione del tempo trascorso sui social ed una errata percezione del tempo di connessione che sembra scorrere più rapidamente quando si è connessi. La famiglia, in questo scenario, dovrà senz’altro cercare di essere occhio vigile ed attento nei confronti dei ragazzi, supervisionandoli durante le loro attività in Rete e on line cercando, però, altresì, di offrire loro una valida ed altrettanto stimolante alternativa, ed in certi casi addirittura una condivisione concreta dei tecnopercorsi abituali, per gestire dal “di dentro” l’organizzazione di tempi e modalità di connessione. Quindi, la buona regola è dare per primi testimonianza di buon uso dei mezzi tecnologici. Per la verità, sta accadendo anche che si stia tornando in questi giorni ad utilizzare i giochi da tavola e di carte per stare insieme facendo passare il tempo piacevolmente.

Molti anziani vivono una drammatica solitudine. Sono persone spesso sole che hanno difficoltà ad accedere, ad esempio, a Internet per coltivare relazioni sociali essenziali per la loro sopravvivenza. Che cosa suggerirebbe ai nostri anziani soli per reggere al meglio questa fase di solitudine e sindrome da abbandono totale? E che cosa, come Paese, dovremmo mettere in campo per affrontare seriamente questo problema?
Per gli anziani la tecnologia non è proprio intuitiva, anche se per la verità in questo periodo molti nonni si sono dati da fare per entrare in contatto con i nipoti e i figli: le videochiamate a distanza tramite le più comuni applicazioni (Skype o Whatsapp) possono permettere di sentirsi più stretti, di continuare a frequentare gli amici di tutti i giorni. Stiamo assistendo anche ad iniziative di solidarietà e sostegno da parte di professionisti (fisioterapisti, medici, insegnanti di ginnastica, psicologi) che mettono al servizio della collettività le loro conoscenze, attraverso piattaforme di condivisione di contenuti audio e video. Sono questi, sicuramente, esempi virtuosi di utilizzo della tecnologia. Il nostro Paese speriamo potrà dare maggiore importanza a questi aspetti, potrà credere che sia corretto investire sull’educazione al sano utilizzo dei mezzi tecnologici e comprendere che ormai tutti viviamo immersi in una comunità tecnovirtuale, dove necessariamente tutti debbono avere le medesime opportunità di ricevere strumenti di formazione ed essere in grado di condividere parti della propria esperienza anche attraverso gli schermi dei devices.

In Italia ci sono circa 5 milioni di persone in stato di povertà assoluta, che il Coronavirus rischia di rendere ancora più povere e isolate. Molte di queste, peraltro, sono immigrati che vivono da sempre condizioni di marginalità e isolamento. Pochi giorni fa sono state denunciate cinque persone senza fissa dimora alla stazione Termini perché avevano disatteso le ordinanze governative sul Coronavirus. Non stiamo tutelando sempre più i già tutelati e abbandonando, invece, i non tutelati contravvenendo ai nostri doveri umani e costituzionali? Che fare?
È importante in questo momento essere accanto a tutte le persone, soprattutto le più deboli e svantaggiate, e a tutti coloro che sono maggiormente in difficoltà. È necessario fornire accoglienza a tutte quelle persone, italiane e non, senza fissa dimora, senza un lavoro, che vivono in condizioni di marginalità. Solo in questo modo, quando usciremo da questo dramma, potremo recuperare quella dimensione di socialità, di solidarietà, di unità e di umanità che da tempo abbiamo smarrito e trovare un nuovo modo di fare comunità che non lasci nessuno indietro e da solo. A nulla saranno serviti i flashmob se poi nella realtà non siamo in grado di tendere una mano a chi ne ha bisogno. Anche in questo caso segnalo, però, il proliferare di tante iniziative, ad esempio la messa a disposizione delle case vacanze inutilizzate per gli extra comunitari, per i medici, per gli infermieri, in Sardegna e in Sicilia.

Potrebbe essere utile, secondo lei, prevedere in questa fase assistenza psicologica gratuita per i cittadini, in modo da aiutarli a sviluppare le risorse migliori per gestire nel lungo periodo una tensione crescente ed evitare lo sviluppo di fobie pericolose? Come Istituto di terapia e con i suoi colleghi che cosa sta organizzando in questa fase così difficile?
Fornire un supporto psicologico alle persone significa dare un aiuto concreto nell’affrontare questa situazione di forte ansia e paura verso tutto quello che stiamo vivendo e che dovremo affrontare. Per questo motivo, anche il nostro istituto, l’ITCI, diretto dal Prof. Cantelmi, offre un sostegno ai propri pazienti, attraverso sedute psicoterapeutiche virtuali. È importantissimo, infatti, far in modo che le persone non si sentano abbandonate, sole, isolate, ma si percepiscano parte di un sistema, totalitario, che sia solidale e collaborativo e che abbia a cuore la salute fisica e mentale di tutti. Inoltre, fondamentale è offrire un’accessibilità ai servizi di sostegno, per le persone più disagiate economicamente, per questo il nostro Istituto è in grado di offrire psicoterapie gratuite e a costo popolare.

Michela Pensavalli è psicologa e terapeuta, docente presso la SCInt, Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Interpersonale e presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum in “Psicologia dei gruppi”, “Psicologia dei conflitti interpersonali”, “Psicologia della motivazione” e “Psicologia dello sviluppo morale”. È anche ricercatrice presso l’ITCI (Istituto di Terapia Cognitivo-Interpersonale)

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento