Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

803

“Eliminare il traffico di esseri umani entro il 2030” è uno degli obiettivi fissati nel Rapporto Onu 2017 sulle Migrazioni Internazionali. Quando diminuisce il numero di migranti illegali, certi politici e giornalisti si rallegrano. Dicono: «La situazione tende a tornare alla normalità; i trafficanti sono forzati a commettere meno reati».

Questa conclusione è inumana e insensata. Meno illegalità non è sempre un buon segno. La gente che traversa frontiere illegalmente rischia la vita. Circa il 2% muore nelle traversate del Mediterraneo. Nessuno può contare i morti nei deserti e nelle traversate tra continenti. Essi hanno già pagato anche forti somme ai trafficanti. Per accettare queste imposizioni estreme, sono stati motivati dalla tragica decisione di evitare un fato peggiore della morte. Fuggono le ingiustizie, le torture, la schiavitù, il razzismo, la povertà, la fame, Questi ultimi vengono chiamati erroneamente “migranti economici”. Hanno investito le loro povere risorse per pagare i trafficanti.

Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità (trasgressione di regole burocratiche) e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità». Sono varie decine di milioni i rifugiati nel mondo. Rischiano una Shoah graduale, non organizzata da un neonazismo criminale, ma risultato di avidità, fedi o ideologie brutali. Nella seconda guerra mondiale gli alleati seppero dei genocidi nazisti tre anni prima della fine del conflitto. Erano già in guerra contro la Germania. Avrebbero potuto fare di più per fermare l’Olocausto, ma non lo fecero.

Oggi, conosciamo le minacce dalle quali fuggono i rifugiati. Le nazioni più sviluppate dovrebbero intervenire per eliminare le cause di queste tragiche migrazioni. Fermare i trafficanti significa rischiare di infierire sulle vittime che hanno già affrontato la prima parte di un percorso verso la libertà per il quale hanno già pagato. Creare degli hotspot nel Sud della Libia per fermare tutti i migranti e lasciar passare solo coloro ritenuti degni, creerebbe ulteriori ostacoli ‒ non soluzioni.

Le nazioni più avanzate dovrebbero intervenire ed eliminare movimenti e regimi violenti. Questi, spesso, ostacolano le attività di ricerca e sviluppo sulle quali basare imprese utili a sfruttare risorse naturali e creare localmente notevole ricchezza. Un paio di esempi fra i tanti. Una enorme centrale idroelettrica a Inga sul fiume Congo produrrebbe energia pari a quella di 40 grandi centrali nucleari (un valore aggiunto di 150 GW l’anno). Il canale navigabile Transaqua, 2.400 km dallo Zaire al Tanganika, tornerebbe a riempire il lago Chad, che sta sparendo, e aprirebbe 600 milioni di ettari all’agricoltura. La risposta non è chiudere i porti, ma ricorrere a vasti interventi di ingegneria tecno-sociale.

Nota: I migranti arrivati in Europa sono stati 1.015.078 nel 2015; 362.753 nel 2016; 172.301 nel 2017; 45.923 nella prima metà del 2018. Fonte: UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees).

Roberto Vacca è ingegnere, futurologo, matematico, saggista e scrittore

Ultime notizie
Economia

Protesta del latte, Governo “equilibrista” alla vigilia delle Regionali in Sardegna

A meno di una settimana dalle Regionali in Sardegna, continua la protesta dei pastori sardi che negli ultimi mesi hanno visto il prezzo del latte crollare a meno di 60 centesimi a litro, a fronte di un costo medio variabile di produzione, stimato da ISMEA, di 74 centesimi.
di Mario Serpillo
Economia

Spazio mediterraneo “bene comune”: entro il 2050, 300mln di giovani nel mercato del lavoro

Lo spazio mediterraneo è un bene comune che appartiene a tutti gli stati della UE ed a tutti gli stati della sponda sud ed est. La sfida è tutelarlo, valorizzarlo e gestirlo.
di Marco Ricceri
Economia

Flat tax su reddito “incrementale”: la proposta della Lega per l’emersione del sommerso

Una flat tax “corretta” per superare il problema dello “scalino” e agevolare l'emersione del sommerso. La Lega, negli scorsi giorni, ha presentato un progetto di legge.
di Giovambattista Palumbo
Informazione

Menu “a la carta”: la realtà è “un’opzione”, a seconda della convenienza

Realtà e apparenza, reale e virtuale: nel saggio di apertura della sezione Realtà-Rappresentazione del RI 2019, Alberto Baldazzi ricostruisce le differenti definizioni di "realtà" che hanno caratterizzato la modernità. La versione integrale.
di redazione
Europa

L’Europa verso l’Unione Bancaria. “Manca una politica di bilancio pubblica unica”. Parte seconda

Dopo aver spiegato cosa sono il sistema bancario italiano e i suoi meccanismi, cos'è una crisi bancaria e come si affronta, il professor Giampaolo Gabbi parla dei prossimi passi in direzione dell'Unione Bancaria europea. Intervista parte seconda
di Alberto Mattiacci
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini