Sicurezza

Mobile: a rischio le informazioni conservate di 9 utenti su 10

74
mobile

Quando si tratta di affidare informazioni ai dispositivi digitali, circa la metà degli utenti (48%) archivia le password e i dettagli di login di email e account online, più di un quarto (28%) li utilizza per archiviare dati finanziari come dettagli bancari, credenziali di pagamento e codici PIN. Avere queste informazioni a portata di mano, quando si accede al proprio conto o si effettua un pagamento online, può essere molto comodo ma allo stesso tempo rende questi dispositivi molto interessanti e potenzialmente redditizi per i criminali informatici.

Secondo 9 intervistati su 10 (87%), gli smartphone sono i dispositivi più utilizzati per l’archiviazione dei dati personali –email, contatti ed informazioni sensibili -, seguiti da computer (84%) e tablet (76%). Tuttavia, nonostante la crescente abitudine di archiviare le proprie informazioni personali sui dispositivi digitali, 2 utenti di tablet su 5 (17%) ammettono di non avere ancora adottato una password o una soluzione di sicurezza, questo vale anche per il 13% degli utenti di smartphone e per il 3% degli utenti di computer. Per questi utenti, i loro fidati dispositivi digitali possono facilmente trasformarsi in ‘digital frenemy’, rivelando segreti e informazioni confidenziali.

Un recente questionario di Kaspersky Lab ha messo in luce come la mancanza di consapevolezza e la tendenza a non proteggere i dispositivi rendano la situazione ancora più grave: infatti solo l’8% degli utenti cancella immediatamente le informazioni private dai propri dispositivi e solo 2 utenti su 5 (17%) creano cartelle protette da password per le informazioni personali e sensibili. Solo il 7% cripta i dati da occhi indiscreti e, ancora peggio, oltre a un quarto degli utenti (27%) ritiene di non avere informazioni confidenziali, nonostante il fatto che quasi tutti gli utenti archivino sui propri device password, cronologia della navigazione, contatti, messaggi e molto altro – tutti elementi che dovrebbero rimanere confidenziali.

“L’utilizzo dei dispositivi digitali è intrinsecamente connesso al nostro mondo offline, i consumatori affidano un sempre maggior numero di informazioni a smartphone, tablet e computer senza pensarci due volte. Tuttavia, questo cambiamento nello stile di vita non ha necessariamente determinato un cambiamento di mentalità nell’adottare maggior cautela con queste informazioni, privilegiando un accesso facile e comodo. La protezione dei nostri dati personali e dei nostri dispositivi mobile con adeguate soluzioni di sicurezza e password è fondamentale per tenere i criminali informatici lontani e fare in modo che i nostri dati personali restino privati”, afferma Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia.

Kaspersky Lab suggerisce l’utilizzo di password forti per dispositivi e account online e l’installazione di una soluzione di sicurezza affidabile: in questo modo si può essere sicuri che un amico digitale non si trasformerà in un ‘digital frenemy’. Inoltre è necessario prestare attenzione quando si accede a siti web e si scaricano app, soprattutto se si è collegati a reti Wi-fi non sicure.

 

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani