Omizzolo minacciato
dagli schiavisti
dell’Agro Pontino

Minacce e intimidazioni, ancora una volta. Ai “caporali” che sfruttano operai e stranieri sui campi dell’agro pontino non piacciono affatto le attività e gli articoli del giornalista e studioso Marco Omizzolo, per l’ennesima volta vittima di veri e propri messaggi mafiosi. L’ultimo episodio è accaduto nella notte tra il 3 e il 4 marzo: la sua automobile Golf, parcheggiata sotto la sua casa a Sabaudia, è stata vandalizzata. Gomme squarciate, vetri rotti, fiancata destra sfregiata, cofano danneggiato.

marco-omizzolo

Autore di diversi saggi per il Rapporto Italia e per il Rapporto Agromafie di Eurispes, Marco è da tempo impegnato per smascherare i fenomeni delle agromafie e denunciare tutte le attività illecite che ruotano intorno allo sfruttamento nei campi, nelle aziende agricole e zootecniche.
Responsabile scientifico della Cooperativa sociale In Migrazione, docente di Sociologia delle Migrazioni all’Università di Pisa e di Venezia Ca’ Foscari, negli anni Omizzolo ha presentato oltre cento denunce nei confronti di imprenditori e caporali senza scrupoli. L’ultima risale a circa sei mesi fa, quando, in occasione di un servizio della Bbc, il sociologo e la troupe furono minacciati e intimiditi davanti al mercato ortofrutticolo di Fondi.
Omizzolo racconta che è la quarta volta che avvengono fatti del genere. “La prima volta fui minacciato dalla curva littoria della stadio di Latina legata ad ambienti criminali locali durante lo spareggio per decretare la salita della Latina Calcio in serie A; in quell’occasione avevo denunciato la presenza organica all’interno della società di esponenti legati al clan Ciarelli-Di Silvio. Poi, un altro fatto avvenne il giorno successivo allo sciopero che organizzai il 18 aprile 2017, in cui portai in piazza a Latina circa 4mila braccianti indiani sotto la Prefettura: in quell’occasione un’anonima macchina del fango distribuì diverse migliaia di volantini anonimi accusandomi di essere al centro del traffico internazionale di esseri umani e di percepire una percentuale dalle retribuzioni dei braccianti dell’agro pontino. Dopo qualche mese, furono squarciate le due gomme della mia auto sotto la mia abitazione”.

Ultime notizie
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali
scuola e università
Sondaggi & Ricerche

Scuola e Università, presentato il Secondo Rapporto dell’Eurispes

Il Secondo Rapporto Eurispes dedicato a Scuola e Università è stato presentato questa mattina. L’indagine evidenzia l’attualità di vecchie questioni irrisolte del nostro sistema scolastico, e individua sfide e obiettivi per il futuro secondo i docenti di scuola primaria, secondaria e delle università.
di redazione
scuola e università
web
Tecnologia

Una Costituzione per Internet per un web sicuro e inclusivo

Bisogna creare le condizioni per redigere una Costituzione per Internet, definendo un contratto sociale a difesa dei diritti dell’uomo nella società digitale. A tal proposito, la tecnologia non può farsi regolamentazione plasmando le nostre vite, sopravanzando la sfera del diritto.
di Massimiliano Cannata
web