PNRR francese, gli obiettivi sono ecologia, competitività e coesione

L’implementazione dei Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza europei, giunta nella sua fase di piena attuazione, rappresenta una tappa fondamentale del nuovo approccio europeo alla crescita e allo sviluppo.  È utile dunque chiedersi come i diversi Stati membri stiano traducendo in realtà questi piani di investimento e riforme e quali siano le sfide e le opportunità che emergono da tali strategie. Ciò consente non solo l’individuazione delle eventuali criticità, ma anche l’opportunità di imparare dalle migliori pratichee di massimizzare l’efficacia di ciascun Piano nazionale. La Francia è stata tra i principali paesi a sostenere la necessità di un fondo unico per la ripresa europea post-pandemica. Tale fondo si sarebbe poi concretizzato nel lancio di NextGenerationEU e dei conseguenti Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza. Vale, dunque, la pena approfondirne le scelte di investimento e le modalità di attuazione.

La Francia è stata tra i principali paesi a sostenere la necessità di un fondo unico per la ripresa

Il PNRR francese si inserisce in “France Relance”, la strategia di ripresa nazionale al 2030, che mira da un lato al pieno recupero dell’attività economica pre-Covid e, dall’altro, a preparare il terreno per una vera e propria trasformazione sistemica per il rilancio del Paese. Il programma si sviluppa sulle stesse priorità declinate nel PNRR: ecologia, competitività e coesione, per centrare l’obiettivo dell’aumento di 4 punti percentuali del Pil nazionale entro il 2025. «La France de 2030 devra être plus verte, plus respectueuse du climat (…), plus indépendante, plus compétitive, plus attractive (…), La France de 2030 enfin devra pouvoir compter sur des femmes et des hommes bien formés». Queste le parole del presidente Macron in apertura del dossier di presentazione di “France Relance” e che ancora oggi si rivelano attuali, specialmente considerati i recenti sviluppi.

Ad oggi il PNRR francese è uno dei più avanzati in termini di milestones raggiunte

Ad oggi il PNRR francese è uno dei più avanzati in termini di milestones raggiunte, e anche in ottica di risorse destinate alla transizione verde. Inoltre, la Commissione ha recentemente approvato la modifica del piano con cui il paese si impegna maggiormente nel raggiungimento di obiettivi climatici. Parigi dedicherà, infatti, quasi metà del proprio PNRR (il 49,5%) agli obiettivi climatici, costituendo un notevole contributo e un prezioso alleato in ottica di cooperazione europea. Dal punto di vista economico, la Francia può contare su un sostegno finanziario pari a € 39,4 miliardi, che verranno erogati sotto forma di sovvenzioni, evitando quindi l’accumulo di ulteriori debiti. Attualmente ha già ricevuto 12,5 miliardi con l’approvazione del piano nel luglio 2021 e un primo esborso a marzo 2022. Quanto ai futuri pagamenti, verranno dilazionati in quattro rate annuali, e non semestrali come nel caso italiano, sulla base dei progressi nell’attuazione.

La Francia affronta una crescita economica contenuta e alti livelli di inflazione

Da sottolineare anche come il paese sia tra i pochi Stati membri, il secondo dopo l’Estonia, ad aver richiesto e ottenuto l’inserimento di un capitolo REPowerEU dedicato alle misure energetiche che contribuirà ad accelerare la transizione verso un’energia pulita e fonti di approvvigionamento diversificate, favorendo una maggiore efficienza energetica. Tra gli obiettivi, vi sono la riduzione del 10% dei consumi energetici in tutti i settori entro il 2024, rispetto al periodo invernale 2018-2019 e l’istituzione di una Segreteria generale per la pianificazione ecologica, col compito di coordinare gli interventi tra le diverse regioni. Tuttavia, come delineato anche dal recente rapporto della Commissione Europea sullo stato dell’economia francese, il paese si trova ad affrontare – come anche gli altri dell’Eurozona – una crescita economica contenuta e alti livelli di inflazione. Inoltre, il debito pubblico elevato e gli indicatori di competitività rimangono questioni da non sottovalutare.

Metà del PNRR francese sarà dedicato agli obiettivi climatici

Alla luce del quadro delineato, il costante monitoraggio dello stato di attuazione dei Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza risulta cruciale in ottica di crescita e sviluppo, offrendo la possibilità di affrontare le questioni economiche e sociali e agevolando trasformazioni di ampia portata. A tale scopo sarà essenziale il ruolo di una progettazione ben strutturata che sia in grado di guidare i paesi verso il raggiungimento di obiettivi in linea con quelli di Bruxelles. L’esempio francese suggerisce benchmark e opportunità di miglioramento a cui gli altri paesi europei possono guardare nell’ottica della costruzione di sinergie e buone pratiche. Solo attraverso una pianificazione accurata e una cooperazione efficace sarà possibile affrontare le sfide comuni e costruire un futuro più resiliente e sostenibile per l’Europa.

[custom-related-posts title=”Leggi anche” none_text=order_by=”title” order=”ASC

*Founder e Managing Director di Futuritaly, strategic advisor con lunga esperienza nel mondo pubblico e industriale.  

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento