PNRR francese, gli obiettivi sono ecologia, competitività e coesione

L’implementazione dei Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza europei, giunta nella sua fase di piena attuazione, rappresenta una tappa fondamentale del nuovo approccio europeo alla crescita e allo sviluppo.  È utile dunque chiedersi come i diversi Stati membri stiano traducendo in realtà questi piani di investimento e riforme e quali siano le sfide e le opportunità che emergono da tali strategie. Ciò consente non solo l’individuazione delle eventuali criticità, ma anche l’opportunità di imparare dalle migliori pratichee di massimizzare l’efficacia di ciascun Piano nazionale. La Francia è stata tra i principali paesi a sostenere la necessità di un fondo unico per la ripresa europea post-pandemica. Tale fondo si sarebbe poi concretizzato nel lancio di NextGenerationEU e dei conseguenti Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza. Vale, dunque, la pena approfondirne le scelte di investimento e le modalità di attuazione.

La Francia è stata tra i principali paesi a sostenere la necessità di un fondo unico per la ripresa

Il PNRR francese si inserisce in “France Relance”, la strategia di ripresa nazionale al 2030, che mira da un lato al pieno recupero dell’attività economica pre-Covid e, dall’altro, a preparare il terreno per una vera e propria trasformazione sistemica per il rilancio del Paese. Il programma si sviluppa sulle stesse priorità declinate nel PNRR: ecologia, competitività e coesione, per centrare l’obiettivo dell’aumento di 4 punti percentuali del Pil nazionale entro il 2025. «La France de 2030 devra être plus verte, plus respectueuse du climat (…), plus indépendante, plus compétitive, plus attractive (…), La France de 2030 enfin devra pouvoir compter sur des femmes et des hommes bien formés». Queste le parole del presidente Macron in apertura del dossier di presentazione di “France Relance” e che ancora oggi si rivelano attuali, specialmente considerati i recenti sviluppi.

Ad oggi il PNRR francese è uno dei più avanzati in termini di milestones raggiunte

Ad oggi il PNRR francese è uno dei più avanzati in termini di milestones raggiunte, e anche in ottica di risorse destinate alla transizione verde. Inoltre, la Commissione ha recentemente approvato la modifica del piano con cui il paese si impegna maggiormente nel raggiungimento di obiettivi climatici. Parigi dedicherà, infatti, quasi metà del proprio PNRR (il 49,5%) agli obiettivi climatici, costituendo un notevole contributo e un prezioso alleato in ottica di cooperazione europea. Dal punto di vista economico, la Francia può contare su un sostegno finanziario pari a € 39,4 miliardi, che verranno erogati sotto forma di sovvenzioni, evitando quindi l’accumulo di ulteriori debiti. Attualmente ha già ricevuto 12,5 miliardi con l’approvazione del piano nel luglio 2021 e un primo esborso a marzo 2022. Quanto ai futuri pagamenti, verranno dilazionati in quattro rate annuali, e non semestrali come nel caso italiano, sulla base dei progressi nell’attuazione.

La Francia affronta una crescita economica contenuta e alti livelli di inflazione

Da sottolineare anche come il paese sia tra i pochi Stati membri, il secondo dopo l’Estonia, ad aver richiesto e ottenuto l’inserimento di un capitolo REPowerEU dedicato alle misure energetiche che contribuirà ad accelerare la transizione verso un’energia pulita e fonti di approvvigionamento diversificate, favorendo una maggiore efficienza energetica. Tra gli obiettivi, vi sono la riduzione del 10% dei consumi energetici in tutti i settori entro il 2024, rispetto al periodo invernale 2018-2019 e l’istituzione di una Segreteria generale per la pianificazione ecologica, col compito di coordinare gli interventi tra le diverse regioni. Tuttavia, come delineato anche dal recente rapporto della Commissione Europea sullo stato dell’economia francese, il paese si trova ad affrontare – come anche gli altri dell’Eurozona – una crescita economica contenuta e alti livelli di inflazione. Inoltre, il debito pubblico elevato e gli indicatori di competitività rimangono questioni da non sottovalutare.

Metà del PNRR francese sarà dedicato agli obiettivi climatici

Alla luce del quadro delineato, il costante monitoraggio dello stato di attuazione dei Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza risulta cruciale in ottica di crescita e sviluppo, offrendo la possibilità di affrontare le questioni economiche e sociali e agevolando trasformazioni di ampia portata. A tale scopo sarà essenziale il ruolo di una progettazione ben strutturata che sia in grado di guidare i paesi verso il raggiungimento di obiettivi in linea con quelli di Bruxelles. L’esempio francese suggerisce benchmark e opportunità di miglioramento a cui gli altri paesi europei possono guardare nell’ottica della costruzione di sinergie e buone pratiche. Solo attraverso una pianificazione accurata e una cooperazione efficace sarà possibile affrontare le sfide comuni e costruire un futuro più resiliente e sostenibile per l’Europa.

[custom-related-posts title=”Leggi anche” none_text=order_by=”title” order=”ASC

*Founder e Managing Director di Futuritaly, strategic advisor con lunga esperienza nel mondo pubblico e industriale.  

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang