Porto di Trieste: la crescita interrotta dal Coronavoris. Ma la ferrovia si conferma un asset vincente

Con 62 milioni di tonnellate movimentate – cui se ne aggiungono altri 4 dello scalo di Monfalcone – il Porto di Trieste è il primo porto d’Italia. Nel 2019 sono stati raggiunti due importanti traguardi: da un lato il traffico container ha registrato uno sviluppo più dinamico, toccando i 790.000 TEU con un incremento del +9% sul 2018 – si tratta di un record storico per il porto, oltre che dell’aumento più alto fra tutti i settori merceologici –; dall’altro, il traffico ferroviario, già fortemente irrobustito negli ultimi anni, ha portato al consolidamento dei dati raggiunti nel 2018, arrivando al traguardo di 10.000 treni e 210.000 camion tolti dalla strada. I numeri, che erano stati snocciolati nel mese di febbraio e che si riferivano al 2019, facevano sperare in un 2020 di grande sviluppo.

Nel settore dei container, il 56% del traffico sbarcato o imbarcato a Trieste aveva usato la ferrovia. Si tratta di una quota in continua crescita, la quale aveva già superato quella stabilita dall’Ue come obiettivo del traffico ferroviario europeo di merci per il 2050 (che è del 50%).

Anche nel settore delle autostrade del mare, la ferrovia aveva acquisito un valore rilevante: il 29% di tutti i camion imbarcati o sbarcati a Trieste (principalmente dal o verso la Turchia) nel 2019, erano stati trasferiti su treno. Per quanto riguarda i singoli settori merceologici, stabili le rinfuse liquide che si erano attestate sopra a 43.000.000 di tonnellate movimentate (+0,30%). In crescita il settore delle rinfuse solide, che aveva registrato un incremento del +3% con 1.700.000 tonnellate movimentate. Avevano rallentato, invece, le merci varie (-5%), in discesa a causa del risultato negativo del comparto Ro-Ro (-24%) che passava da 299.000 unità transitate nel 2018 a 228.000 nel 2019. Tale risultato aveva portato alla lieve flessione (-1%) dei volumi totali del porto da 62.600.000 a 62.000.000.

Il porto di Trieste era stato, inoltre, inserito nella top ten della classifica dei porti d’Europa stilata dall’Eurostat (l’ufficio statistico dell’Ue). Trieste si colloca al 9° posto nella classifica 2018 per tonnellaggio totale. Dei primi 10 porti, cinque si trovano nel Northern Range e cinque nel Mediterraneo: sul podio Rotterdam, Anversa e Amburgo, seguiti da Amsterdam, Algeciras, Marsiglia, Le Havre, Valencia, Trieste e Barcellona. Al porto di Trieste, il Rapporto Italia 2020 dell’Eurispes aveva dedicato una scheda, evidenziando i risultati conseguiti e l’interesse della Cina rispetto alla possibilità di realizzare un hub logistico europeo nel Nord Italia.

La crescita del porto di Trieste, invece, è stata bruscamente interrotta dall’emergenza Coronavirus. Gli effetti della pandemia sulla logistica mondiale – che non ha risparmiato nessun porto nella contrazione dei volumi – si sono fatti sentire anche sul porto di Trieste. I volumi complessivi, nel primo trimestre 2020, hanno registrato un calo del 5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con 14.300.000 tonnellate di merce movimentata. Ciò nonostante, il settore Ro-Ro, ha presentato una ripresa importante, tenendo conto del periodo storico e della chiusura con segno meno che aveva interessato la categoria a fine 2019: nel primo trimestre le unità transitate sono state 60.150 (+4 %). Dati tendenzialmente stabili per il settore delle rinfuse liquide con 10.180.000 tonnellate movimentate (-1%). Variazione negativa per il settore delle merci varie (-4%) con 4.009.000 tonnellate movimentate e per il settore container (-5%), con 180.000 TEU movimentati.
Guardando nell’insieme, la contrazione complessiva del primo trimestre 2020 – in valore assoluto pari a -811.300 tonnellate movimentate rispetto allo stesso periodo del 2019 – è riconducibile per più del 60% al decremento registrato dalla categoria delle rinfuse solide (-82%), dovuta al calo generalizzato del settore dei prodotti metallurgici, minerali e carbone, determinati dalla chiusura della Ferriera. Per quanto riguarda la movimentazione ferroviaria, nei primi 3 mesi dell’anno in corso, il traffico nello scalo giuliano ha raggiunto i 2.200 treni (-17%). Se il risultato negativo è da attribuire principalmente al calo della movimentazione dei treni alla Siderurgica Triestina, va segnalata una buona performance e vitalità del settore in molti terminal: Molo V (+1%), Molo VI (+6%), Depositi Costieri (+66%). Inoltre, la crescita dell’intermodalità con un nuovo servizio attivato nei primi mesi del 2020 verso l’Austria e la riapertura della Transalpina per i treni cargo, rimarcano il ruolo chiave che la ferrovia riveste per il porto di Trieste.

In una fase incerta da punto di vista degli scenari economici e di calo dei consumi a causa del lockdown, la presenza, all’interno del Porto, della ferrovia che rafforza il collegamento con i principali hub austriaci, è stata la carta vincente per rispondere alle esigenze dei player della logistica del sistema produttivo europeo.

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento