L'opinione

Profughi e terroristi?

82

I Tg di mercoledì 13 gennaio – Le testate Rai e La7 tornano ad aprire sull’attentato di Istanbul – il cui bilancio ha raggiunto le 12 vittime, di cui 10 tedesche – mentre quelle Mediaset prediligono la cronaca. La notizia che il 28enne attentatore fosse entrato in Turchia pochi giorni prima come richiedente asilo, rinfocola le polemiche sui profughi, dando il là a Tg4 per fare di ogni erba un fascio: “Profughi che si scoprono terroristi, profughi che commettono reati”. Non mancano i collegamenti arditissimi con la situazione italiana, con il profugo che, molestando una diciassettenne, ha “cambiato la vita” di un paese del padovano. Sempre Tg4 in un altro servizio evidenzia come la presenza di profughi in un hotel a Roma nord “stia creando non pochi problemi, anche economici”. Tg1 presenta un reportage sul traffico di armi dall’Albania che spiega in che modo i terroristi possano ottenere, in Europa, armi di grosso calibro.
Cambiando scenario, TgLa7 propone un titolo ed un servizio sugli effetti che il taglio dei tassi sui bot ha sulle attitudini del risparmio degli italiani, che continuano a comprare debito pubblico anche senza guadagnarci nulla: che sia per amor patrio? Sempre Mentana, che non perde il vizio di fare il giornalista, riprende alcuni media arabi che parlano di azioni militari condotte da aerei francesi e americani sul territorio libico e che sarebbero propedeutiche ad un intervento italiano con militari di terra. La Farnesina smentisce, ma il Direttore di TgLa7 ammonisce che se le indiscrezioni venissero confermate, il rischio di impantanarsi nuovamente in Libia risulterebbe troppo alto.
L’ottavo e ultimo discorso di Obama sullo stato dell’Unione è nei titoli di Tg1 e Tg3, e ripreso a metà edizione da Tg5 . Forte su tutti l’enfasi sulla citazione di Papa Francesco contro l’islamofobia.
L’attenzione alla vicenda Quarto è mantenuta alta, e si nutre degli scambi sempre più duri da M5S e Pd, oltre che delle odierne battute liquidazioniste di Beppe Grillo, ampiamente inseguito e ripreso da tutte le testate. Sempre per la politica interna da segnalare le polemiche sull’agenda dei lavori parlamentari che secondo le opposizioni “incastrerebbero” le vicende della riforma, del rinnovo delle presidenze delle commissioni e delle unioni civili a tutti vantaggio del governo.
Gli stentati sviluppi della vicenda marò, con la notizia del mancato rientro in India di La Torre, sono nei titoli dei Tg Rai e di Tg5.
Dicevamo all’inizio della gran mole di cronaca, criminale e no, soprattutto sulle testate Mediaset (apertura per Tg5). La sentenza per la vicenda della coppia dell’acido però presente nei titoli anche nei Tg Rai, insieme alla valanga che ha travolto una scolaresca francese che è ripresa da tutti.

Chiudiamo segnalando l’attenzione do Tg1 e Tg2 al quarto anniversario della tragedia della Concordia, ma anche ai record delle presenze museali nel 2015: un dato che fa sperare. Sempre Tg1 festeggia il 40esimo anniversario della testata Repubblica, ospitando in diretta il direttore che ha firmato il giornale negli ultimi vent’anni e fino ad oggi, ovvero Ezio Mauro.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani