Innovazione

PSD2: i clienti e la sicurezza al centro della rivoluzione dei pagamenti

124

Il mercato finanziario è al centro di una vera e propria “rivoluzione copernicana”: è l’effetto della PSD2 (acronimo di Payments Service Directive 2), l’ultima Direttiva europea sui pagamenti, che lo scorso 14 settembre ha dato il via libera ufficiale al cosiddetto “Open Banking”, un’innovazione che mira a trasformare la banca in una piattaforma aperta.
Che cosa vuol dire? Da tale data il consumatore ha maggiori opportunità di scelta sulle modalità di pagamento di prodotti e servizi, su finanziamenti anche di piccoli importi, sulla gestione dei propri risparmi e molto altro ancora. Anche le imprese potranno usufruire di inediti servizi offerti da nuovi, ed anche tradizionali, operatori finanziari sempre più in linea con le proprie esigenze.
L’Open Banking consente infatti a nuovi operatori del cosiddetto mondo fintech, ma anche banche completamente digitali (challenger banks), di entrare nel mercato dei pagamenti e stimolare la concorrenza e la creazione di nuovi servizi o l’ottimizzazione di quelli già disponibili.
Sia per gli operatori tradizionali che per i nuovi competitor non bancari si apriranno importanti opportunità di business derivanti dalla possibilità di offrire alla clientela servizi innovativi e di elevata qualità, semplificando la vita delle famiglie e delle imprese per rendere la finanza sempre più semplice, accessibile e veloce, in massima sicurezza.
In tale scenario le banche non saranno più come le conosciamo oggi, perché sta cambiando il concetto di “fare banca”. Con la PSD2 si sancisce, di fatto, il principio secondo il quale le informazioni interne alla banca appartengano al cliente, per creare vere condizioni di parità per tutti i prestatori di servizi di pagamento.
Che cosa cambia? Sia le persone fisiche sia le imprese che hanno un conto corrente online, potranno scegliere tra i servizi offerti dalla propria banca ma anche da altre banche e da altri soggetti “non tradizionalmente” bancari, definite ”Terze Parti” –quelle realtà che sono state autorizzate ad operare sul mercato perché rispondono a determinati requisiti di sicurezza – acconsentendo loro di accedere ai dati finanziari tramite le cosiddette API (Application Program Interfaces). Servizi che possono andare dalla semplice informativa – per ottenere finanziamenti, leasing, garanzie – al pagamento di beni e servizi, alla stipula di assicurazioni, fino ad arrivare all’offerta di prodotti fatti su misura del cliente. La competizione tra le banche del futuro si giocherà proprio sulla loro capacità di offrire nuovi servizi a valore aggiunto, tramite l’uso di “semplici” app.
Ciò, se da una parte migliora la vita per il consumatore, dall’altra obbliga l’industria finanziaria tradizionale ad investire importanti risorse in innovazione tecnologica e disegno di nuovi processi tecnici e di compliance, al fine di non limitarsi a “subire” l’open banking ma, anzi, sfruttando a pieno le potenzialità di business abilitate dal nuovo scenario competitivo.
Alla luce di queste significative evoluzioni del mercato finanziario, che hanno un impatto a livello internazionale, in Italia l’industria bancaria ha scelto la strada collaborativa per ottimizzare gli investimenti e razionalizzare le attività tecnico-operative richieste per le attività necessarie a garantire la compliance con la PSD2 e consentire a ciascun intermediario di realizzare, in modalità condivisa o singolarmente, lo sviluppo di nuovi servizi a valore aggiunto per la propria clientela.
In base alla sua ventennale esperienza nella creazione di infrastrutture collaborative sicure ed interoperabili nel mercato dei pagamenti, CBI S.c.p.a. ha realizzato CBI Globe, la piattaforma di open banking multioperatore (cioè composta da più intermediari) che ha sostenuto tutti i Prestatori di Servizi di Pagamento nell’adeguamento alla PSD2 e li sta supportando nello sviluppo di nuovi servizi per il consumatore e le imprese.
La piattaforma è stata rilasciata in produzione a partire dal 1° giugno 2019. Da tale data, sulla piattaforma sono già attive circa 300 banche, rappresentanti oltre l’80% del mercato bancario italiano: esse già scambiano chiamate sulle API esposte con circa 50 Terze Parti – in test e in produzione – per servizi informativi, definiti Account Information Service (AIS), e di pagamento, definiti Payment Initiation Service (PIS). Tra queste sono presenti anche vari operatori esteri e le banche medesime.
In questo àmbito, l’Italia con CBI Globe è una best practice a livello europeo, perché ha garantito il massimo numero di intermediari in linea con la normativa e pronti a competere a vantaggio dei propri clienti, concentrandosi ora a sviluppare anche micro-servizi evoluti nella data sharing economy.

Liliana Fratini Passi, Direttore Generale, CBI S.c.p.a.

Ultime notizie
Innovazione

Trojan e Spyware: ecco come funzionano e quali sono i rischi

Che cos’è un captatore informatico? Che cosa prevede la legge italiana e quali sono i rischi per i cittadini? Ne parliamo con Roberto De Vita, Presidente dell'Osservatorio Cybersecurity dell'Eurispes.
di redazione
Attualità

L’immigrazione in Italia: tra dati reali, (dis)informazione e percezione

L'Immigrazione in Italia: tra dati reali, disinformazione e la tendenza a sovrastimare il fenomeno. Quali sono i numeri e che cosa e pensano i cittadini?
di Raffaella Saso
Il punto

Immigrazione in Italia e in Europa, è ora di voltare pagina

Non è questo il luogo per rifare la storia dell’immigrazione nel nostro Paese sulla quale, peraltro, sono stati scritti migliaia di volumi...
di Gian Maria Fara
Politica

La Democrazia Cristiana non si può rifare. Follini: «Serve recuperarne la misura”

Che cosa è stata e che cosa ha rappresentato la Democrazia Cristiana? La Dc non si può rifare, eppure esistono ancora i democristiani. Intervista a Marco Follini, uomo politico e dirigente culturale, autore del libro Democrazia Cristiana. Il racconto di un partito
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La P.A. nella quarta rivoluzione industriale. Governare senza rete

La Pubblica amministrazione nell’epoca della Rete e, paradossalmente, delle incertezze; il ruolo di chi governa e i suoi strumenti: sono le parole chiave del nuovo libro del Presidente del Consiglio nazionale di Legautonomie, Bruno Manzi.
di Ilaria Tirelli
Attualità

Caduta del Muro, “Quando toccai la ferita dentro l’Europa”. Il ricordo

La caduta del Muro di Berlino raccontata ai giovani da chi ne è stato testimone: i ricordi, le sensazioni, la paura, l'euforia, le aspettative e le delusioni. Carmelo Cedrone, responsabile del Laboratorio Europa dell'Eurispes, risponde alle domande degli studenti del Liceo L. A. Seneca di Roma
di Redazione
Attualità

Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

La caduta del Muro che divise l'Europa del Dopoguerra aveva, all'epoca, fatto sperare in un'era di distensione e unità. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti. L'analisi
di Antonio De Chiara
Informazione

Cinquant’anni di Internet, ecco cosa è cambiato. La Rete si è “guastata”. Quali sono i rimedi?

Il 29 ottobre del 1969 avveniva il primo collegamento tra due computer. Cosa è cambiato da allora? Ne parliamo con Arturo di Corinto, psicologo cognitivo, esperto di innovazione tecnologica.
di Massimiliano Cannata
Attualità

La caduta del Muro 30 anni dopo, il mondo ha bisogno di nuove “spallate”

Caduta del Muro di Berlino 30 anni dopo, nell'epoca dei nuovi Muri. Baldazzi: "C’è da chiedersi se, come nella Berlino Ovest, la libertà sia appannaggio di chi erige muri, o di chi ne rimane fuori".
di Alberto Baldazzi
Animali

Svolta animalista della Regina Elisabetta II: 9 italiani su 10 contrari alle pellicce

La Regina Elisabetta II dice basta alle pellicce: d'ora in poi utilizzerà solo capi ecologici e sintetici. La notizia, rivelata da Angela Kelly, già assistente di Sua Maestà per l'abbigliamento, sta suscitando l'approvazione dei movimenti ambientalisti e non solo. Ma che cosa ne pensano gli italiani?
di redazione