Innovazione

PSD2: i clienti e la sicurezza al centro della rivoluzione dei pagamenti

171

Il mercato finanziario è al centro di una vera e propria “rivoluzione copernicana”: è l’effetto della PSD2 (acronimo di Payments Service Directive 2), l’ultima Direttiva europea sui pagamenti, che lo scorso 14 settembre ha dato il via libera ufficiale al cosiddetto “Open Banking”, un’innovazione che mira a trasformare la banca in una piattaforma aperta.
Che cosa vuol dire? Da tale data il consumatore ha maggiori opportunità di scelta sulle modalità di pagamento di prodotti e servizi, su finanziamenti anche di piccoli importi, sulla gestione dei propri risparmi e molto altro ancora. Anche le imprese potranno usufruire di inediti servizi offerti da nuovi, ed anche tradizionali, operatori finanziari sempre più in linea con le proprie esigenze.
L’Open Banking consente infatti a nuovi operatori del cosiddetto mondo fintech, ma anche banche completamente digitali (challenger banks), di entrare nel mercato dei pagamenti e stimolare la concorrenza e la creazione di nuovi servizi o l’ottimizzazione di quelli già disponibili.
Sia per gli operatori tradizionali che per i nuovi competitor non bancari si apriranno importanti opportunità di business derivanti dalla possibilità di offrire alla clientela servizi innovativi e di elevata qualità, semplificando la vita delle famiglie e delle imprese per rendere la finanza sempre più semplice, accessibile e veloce, in massima sicurezza.
In tale scenario le banche non saranno più come le conosciamo oggi, perché sta cambiando il concetto di “fare banca”. Con la PSD2 si sancisce, di fatto, il principio secondo il quale le informazioni interne alla banca appartengano al cliente, per creare vere condizioni di parità per tutti i prestatori di servizi di pagamento.
Che cosa cambia? Sia le persone fisiche sia le imprese che hanno un conto corrente online, potranno scegliere tra i servizi offerti dalla propria banca ma anche da altre banche e da altri soggetti “non tradizionalmente” bancari, definite ”Terze Parti” –quelle realtà che sono state autorizzate ad operare sul mercato perché rispondono a determinati requisiti di sicurezza – acconsentendo loro di accedere ai dati finanziari tramite le cosiddette API (Application Program Interfaces). Servizi che possono andare dalla semplice informativa – per ottenere finanziamenti, leasing, garanzie – al pagamento di beni e servizi, alla stipula di assicurazioni, fino ad arrivare all’offerta di prodotti fatti su misura del cliente. La competizione tra le banche del futuro si giocherà proprio sulla loro capacità di offrire nuovi servizi a valore aggiunto, tramite l’uso di “semplici” app.
Ciò, se da una parte migliora la vita per il consumatore, dall’altra obbliga l’industria finanziaria tradizionale ad investire importanti risorse in innovazione tecnologica e disegno di nuovi processi tecnici e di compliance, al fine di non limitarsi a “subire” l’open banking ma, anzi, sfruttando a pieno le potenzialità di business abilitate dal nuovo scenario competitivo.
Alla luce di queste significative evoluzioni del mercato finanziario, che hanno un impatto a livello internazionale, in Italia l’industria bancaria ha scelto la strada collaborativa per ottimizzare gli investimenti e razionalizzare le attività tecnico-operative richieste per le attività necessarie a garantire la compliance con la PSD2 e consentire a ciascun intermediario di realizzare, in modalità condivisa o singolarmente, lo sviluppo di nuovi servizi a valore aggiunto per la propria clientela.
In base alla sua ventennale esperienza nella creazione di infrastrutture collaborative sicure ed interoperabili nel mercato dei pagamenti, CBI S.c.p.a. ha realizzato CBI Globe, la piattaforma di open banking multioperatore (cioè composta da più intermediari) che ha sostenuto tutti i Prestatori di Servizi di Pagamento nell’adeguamento alla PSD2 e li sta supportando nello sviluppo di nuovi servizi per il consumatore e le imprese.
La piattaforma è stata rilasciata in produzione a partire dal 1° giugno 2019. Da tale data, sulla piattaforma sono già attive circa 300 banche, rappresentanti oltre l’80% del mercato bancario italiano: esse già scambiano chiamate sulle API esposte con circa 50 Terze Parti – in test e in produzione – per servizi informativi, definiti Account Information Service (AIS), e di pagamento, definiti Payment Initiation Service (PIS). Tra queste sono presenti anche vari operatori esteri e le banche medesime.
In questo àmbito, l’Italia con CBI Globe è una best practice a livello europeo, perché ha garantito il massimo numero di intermediari in linea con la normativa e pronti a competere a vantaggio dei propri clienti, concentrandosi ora a sviluppare anche micro-servizi evoluti nella data sharing economy.

Liliana Fratini Passi, Direttore Generale, CBI S.c.p.a.

Ultime notizie
Salute

Coronavirus, SMI: “Noi medici non abbiamo mascherine nè guanti. Le Regioni non sono in grado di adeguarsi”

"Noi medici non abbiamo mascherine, non abbiamo tute, non abbiamo guanti, non abbiamo niente. Anche quando cerchiamo di reperirli a nostre spese, c’è grande penuria e i prezzi sono esorbitanti". Intervista a Pina Onotri, Segretario nazionale del Sindacato Medici Italiani.
di Alberto Baldazzi
International

Ecco la faccia nascosta della Luna. Svelato il suo “lato oscuro”

Uno studio del Cnr-Irea e dell’Università Roma Tre, pubblicato oggi su Science Advances, ha rivelato per la prima volta la stratigrafia del sottosuolo del Polo Sud-Aitken, situato sulla faccia nascosta della Luna
di redazione
Giustizia

Riforma giustizia tributaria: lo stato del contenzioso tributario

In un recente articolo Giovambattista Palumbo fa prognosi di «un giusto, equo, veloce ed efficiente processo tributario affidato a Giudici professionisti e...
di Saverio Belviso
Editoriale

Il coronavirus come la corruzione: più li controlli, più li rendi percepibili

Nutriamo un profondo rispetto nei confronti di chi sta vivendo questa difficile (e un po’ surreale) esperienza del Coronavirus, sia questi un...
di Gian Maria Fara
Attualità

Coronavirus, Italia sotto attacco. La nuova apocalisse il destino dell’uomo

Il mondo sottosopra, l’assalto di un microrganismo ha gettato nel panico il Nord Italia, che “chiude per virus” come molti giornali hanno titolato. Anche il calcio si è fermato.
di Massimiliano Cannata
International

I valori dei giovani europei, politica e religione sempre più lontane

Salute e lavoro sono in cima ai valori dei ragazzi tra i 18 e i 30 di Italia, Germania, Polonia e Russia; la politica è in forte declino, così come il desiderio dei figli. È quanto emerge da un’indagine realizzata nei quattro paesi europei sui giovani e la loro idea di futuro.
di redazione
Cultura & Turismo

Boom degli affitti brevi e del sommerso. Roma secondo mercato europeo

L’Ente Bilaterale Turismo del Lazio presenta la prima indagine sul mercato degli affitti brevi a Roma: i valori relativi al non ufficiale superano ormai quelli relativi all’extra alberghiero. Ciò si traduce in circa 50 milioni di tassazione evasa.
di Raffaella Saso
Criminalità e contrasto

Nicola Graziano vince il Premio Falcone e Borsellino per il “manuale contro la mafia”

Con il loro "manuale per sconfiggere le mafie" Nicola Graziano e Livia De Gennaro hanno vinto il Premio “G.Falcone e P.Borsellino 2019” per la Sezione Dottrina dedicata alle opere in materia di diritto penale, processuale penale e criminologia.
di Susanna Fara
Intervista

Sicurezza sul lavoro e caporalato, Maurizio Martina: “La legge contro lo sfruttamento sta funzionando”

Dal lavoro nero alla sicurezza sui luoghi di lavoro, dal fenomeno del caporalato agli effetti della legge 199/2016, fino alle conseguenze dei Decreti Sicurezza di Salvini. L'ex Ministro Martina risponde alle domande di Marco Omizzolo.
di Marco Omizzolo
Informazione

La dittatura del terzo like. Il dibattito politico è sostituito dai post

Siamo dominati dalla dittatura del like, nella quale l’importante è il consenso della massa informe che agisce sui social; nella quale la politica dimentica il senso stesso del suo essere, rimanendo comodamente immobile innanzi ai post, ai like, all’ignoranza.
di Ilaria Tirelli