Quanto guadagnano i cyber criminali grazie agli attacchi DDoS?

DDoS

Il modo in cui opera il servizio, nell’eseguire un attacco DDoS sul mercato nero, non è così diverso da come accade nel business legale. L’unica differenza è l’assenza di contatto diretto tra provider e cliente. Il ‘service provider’ mette a disposizione un sito in cui i clienti, dopo essersi registrati, possono selezionare il servizio di cui hanno bisogno, pagarlo e ricevere un report sugli attacchi. In alcuni casi si ha persino un programma fedeltà clienti: si ricevono premi o bonus per ogni attacco.

Il costo cambia in base ad alcuni fattori. Come tipo di attacco e la sua fonte: per esempio, una botnet creata da device IoT noti costa meno rispetto una botnet di server. Tuttavia, non tutti i provider che forniscono gli attacchi specificano queste informazioni. Un altro fattore è la durata dell’attacco (misurata in secondi, ore e giorni) e il luogo in cui si trova il cliente. Gli attacchi DDoS su siti in inglese, per esempio, sono di solito più costosi rispetto ad attacchi simili su siti in russo.

Un altro grande fattore che influisce sul costo è il tipo di vittima. Gli attacchi a siti del governo e a risorse protette da soluzioni specifiche anti-DDoS sono molto più costosi; i primi, infatti, sono ad alto rischio, i secondi sono più difficili da attaccare. Per esempio, su un sito DDoS-as-a-service, il costo di un attacco a un sito non protetto varia dai 50$ ai 100$, mentre un attacco a un sito protetto costa 400$ o più.

Questo significa che il costo di un attacco DDoS può variare da 5$ per un attacco di 300 secondi, a 400$ per 24 ore. Il costo medio di un attacco è sui 25$ all’ora. Gli esperti di Kaspersky Lab hanno anche riscontrato che un attacco, usando una botnet basata su cloud di 1000 desktop, costa ai provider circa 7$ l’ora. Pertanto i cyber criminali che eseguono attacchi DDoS guadagnano circa 18$ all’ora.

I cyber criminali possono guadagnare anche in un altro modo: possono richiedere un riscatto all’azienda presa di mira, per non eseguire un attacco DDoS o annullare un attacco in esecuzione. La somma richiesta può essere l’equivalente in bitcoin di migliaia di dollari, per questo motivo un attacco può avere una redditività del 95%. Di fatto, chi programma l’estorsione non ha nemmeno bisogno dei mezzi per eseguire l’attacco: alcune volte è sufficiente la semplice minaccia.

“I cyber criminali sono costantemente alla ricerca di nuovi e più economici metodi per organizzare le botnet, così come di strategie di attacco sempre più ingegnose in modo che le soluzioni di sicurezza abbiano difficoltà ad affrontarle”, ha affermato Denis Makrushin, Security Researcher di Kaspersky Lab. “Ecco perché, finché ci saranno server, computer e dispositivi IoT connessi ad internet e vulnerabili e molte aziende non riterranno necessario investire in sicurezza contro gli attacchi DDos, crescerà sempre la profittabilità degli attacchi DDoS, di pari passo con la loro complessità e frequenza”.

Curiosamente, alcuni cyber criminali oltre a vendere attacchi DDoS offrono anche soluzioni di protezione contro tali attacchi. Tuttavia, gli esperti di Kaspersky Lab sconsigliano l’uso di servizi criminali.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili