Sicurezza

Quanto guadagnano i cyber criminali grazie agli attacchi DDoS?

88
DDoS

Il modo in cui opera il servizio, nell’eseguire un attacco DDoS sul mercato nero, non è così diverso da come accade nel business legale. L’unica differenza è l’assenza di contatto diretto tra provider e cliente. Il ‘service provider’ mette a disposizione un sito in cui i clienti, dopo essersi registrati, possono selezionare il servizio di cui hanno bisogno, pagarlo e ricevere un report sugli attacchi. In alcuni casi si ha persino un programma fedeltà clienti: si ricevono premi o bonus per ogni attacco.

Il costo cambia in base ad alcuni fattori. Come tipo di attacco e la sua fonte: per esempio, una botnet creata da device IoT noti costa meno rispetto una botnet di server. Tuttavia, non tutti i provider che forniscono gli attacchi specificano queste informazioni. Un altro fattore è la durata dell’attacco (misurata in secondi, ore e giorni) e il luogo in cui si trova il cliente. Gli attacchi DDoS su siti in inglese, per esempio, sono di solito più costosi rispetto ad attacchi simili su siti in russo.

Un altro grande fattore che influisce sul costo è il tipo di vittima. Gli attacchi a siti del governo e a risorse protette da soluzioni specifiche anti-DDoS sono molto più costosi; i primi, infatti, sono ad alto rischio, i secondi sono più difficili da attaccare. Per esempio, su un sito DDoS-as-a-service, il costo di un attacco a un sito non protetto varia dai 50$ ai 100$, mentre un attacco a un sito protetto costa 400$ o più.

Questo significa che il costo di un attacco DDoS può variare da 5$ per un attacco di 300 secondi, a 400$ per 24 ore. Il costo medio di un attacco è sui 25$ all’ora. Gli esperti di Kaspersky Lab hanno anche riscontrato che un attacco, usando una botnet basata su cloud di 1000 desktop, costa ai provider circa 7$ l’ora. Pertanto i cyber criminali che eseguono attacchi DDoS guadagnano circa 18$ all’ora.

I cyber criminali possono guadagnare anche in un altro modo: possono richiedere un riscatto all’azienda presa di mira, per non eseguire un attacco DDoS o annullare un attacco in esecuzione. La somma richiesta può essere l’equivalente in bitcoin di migliaia di dollari, per questo motivo un attacco può avere una redditività del 95%. Di fatto, chi programma l’estorsione non ha nemmeno bisogno dei mezzi per eseguire l’attacco: alcune volte è sufficiente la semplice minaccia.

“I cyber criminali sono costantemente alla ricerca di nuovi e più economici metodi per organizzare le botnet, così come di strategie di attacco sempre più ingegnose in modo che le soluzioni di sicurezza abbiano difficoltà ad affrontarle”, ha affermato Denis Makrushin, Security Researcher di Kaspersky Lab. “Ecco perché, finché ci saranno server, computer e dispositivi IoT connessi ad internet e vulnerabili e molte aziende non riterranno necessario investire in sicurezza contro gli attacchi DDos, crescerà sempre la profittabilità degli attacchi DDoS, di pari passo con la loro complessità e frequenza”.

Curiosamente, alcuni cyber criminali oltre a vendere attacchi DDoS offrono anche soluzioni di protezione contro tali attacchi. Tuttavia, gli esperti di Kaspersky Lab sconsigliano l’uso di servizi criminali.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani