L'opinione

Regeni: la meglio gioventù

95

I Tg di venerdì 5 febbraio – L’assassinio di Giulio Regeni continua ad assorbire buona parte dell’informazione di serata: aperture per tutte le testate, 3 titoli per Tg La7 e almeno un terzo di edizione su Tg4 e Studio Aperto. Da ieri ad oggi poco è cambiato, se si escludono i due arresti di cui tuttora non si conoscono i contorni (Tg La7), ma su alcune testate si profila una lettura comune: il giovane Regeni, dottorando di Cambridge e collaboratore de Il Manifesto, impegnato in Egitto nelle analisi delle lotte sindacali sotto il regime del generale Al-sisi, temeva che i suoi pezzi potessero costargli caro. La tesi di un atroce delitto frutto marcio della repressione, si fa sempre più strada. Molte ancora sono le domande, che Tg4 ci recita enfaticamente in un servizio che quasi “celebra” il dolore, tanto dei familiari che della comunità per un “oscuro e maledetto assassinio”. Egualmente esplicito stasera Mentana, che nel presentare la figura di Regeni parla sin dai titoli di un “italiano ed europeo”, probabilmente vittima del regime egiziano.

Dopo gli appelli odierni dell’Onu, l’emergenza per il virus Zika incombe anche nei titoli (seconda notizia su Tg1 e Tg5, più in basso ma presente per Tg3, Tg4 e Studio Aperto). I 5 nuovi casi in Italia e gli inviti delle Nazioni Unite a diverse nazioni perché consentano misure contraccettive, vengono ripresi ampiamente.

La borsa italiana chiude nuovamente in negativo, ma solamente Tg La7 (titolo) e Tg3 (servizio) riportano la notizia, mentre le parole di Draghi di ieri e le sue denunce di cospirazione globale, rimangono anche stasera senza commenti o spiegazioni. Maggiore attenzione al colloquio di Renzi con il presidente francese Hollande, colto da Mentana come un “tentativo d’avvicinamento” per uscire dall’isolamento in cui si trova il nostro Paese sulla linea della flessibilità, e dopo gli scambi verbali al calor bianco con Bruxelles.

La notizia dello storico faccia a faccia tra Papa Francesco ed il patriarca della chiesa ortodossa di Mosca, che avverrà fra una settimana nientemeno che all’areoporto di Cuba, compare nei titoli di Tg1 e Tg3, mentre spazio maggiore ricevono sulle testate Mediaset le processioni che hanno accompagnato le spoglie di San Pio a San Pietro.

Il dramma delle migliaia di profughi di Aleppo, città bombardata dalle forze di Assad e bloccati nel disperato tentativo di fuga al confine con la Turchia, è presente sulle testate Rai (titoli) mentre non gode d’attenzione su quelle Mediaset. Ottimi i servizi di Tg3 e Tg2.

L’affittopoli capitolina continua a furoreggiare. Tg5 intervista Sergio Nizzo (Corriere della Sera) che così commenta: “affittopoli non è stata esposta negli anni passati per il groviglio di interessi che vigevano. Tronca ha fatto bene, ma vanno trovate responsabilità.” Anche Tg la7 si tuffa nel “pozzo senza fondo” di affittopoli segnalandoci di una società, la “Roma Capitale Investment Foundation”, che ha ricevuto gratuitamente nel 2012 dalla giunta Alemanno un ex convento accanto a Piazza del Popolo, ma che non ha prodotto un euro di investimenti. 

Ottimo l’approfondimento del Tg2 sul mutamento della condizione dei “poveri” del nostro Paese in seguito alla crisi, con una lunga intervista al ministro Poletti che illustra il recente decreto in favore delle fasce più bisognose. Interessante anche su Tg4 e Studio Aperto il servizio su di un laboratorio nel carcere di Opera a Milano dove i detenuti fabbricano con le loro mani ostie per le messe.

Il segretario Udc Cesa minaccia Renzi per le unioni civili, ma non sembra che il Pd tremi. Maggiori problemi per il partito di maggioranza relativa vengono dall’abbraccio di Cuffaro, probabilmente non richiesto da nessuno ma certamente rifiutato da Speranza e Bersani (intervistato da Tg5). Titolo per TgLa7.

De Luca ha animato per mesi le prime pagine bi quotidiani e le scalette dei Tg. Nel giorno della sua assoluzione in Appello la notizia è nei titoli solo su La7.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata