Regeni: la meglio gioventù

I Tg di venerdì 5 febbraio – L’assassinio di Giulio Regeni continua ad assorbire buona parte dell’informazione di serata: aperture per tutte le testate, 3 titoli per Tg La7 e almeno un terzo di edizione su Tg4 e Studio Aperto. Da ieri ad oggi poco è cambiato, se si escludono i due arresti di cui tuttora non si conoscono i contorni (Tg La7), ma su alcune testate si profila una lettura comune: il giovane Regeni, dottorando di Cambridge e collaboratore de Il Manifesto, impegnato in Egitto nelle analisi delle lotte sindacali sotto il regime del generale Al-sisi, temeva che i suoi pezzi potessero costargli caro. La tesi di un atroce delitto frutto marcio della repressione, si fa sempre più strada. Molte ancora sono le domande, che Tg4 ci recita enfaticamente in un servizio che quasi “celebra” il dolore, tanto dei familiari che della comunità per un “oscuro e maledetto assassinio”. Egualmente esplicito stasera Mentana, che nel presentare la figura di Regeni parla sin dai titoli di un “italiano ed europeo”, probabilmente vittima del regime egiziano.

Dopo gli appelli odierni dell’Onu, l’emergenza per il virus Zika incombe anche nei titoli (seconda notizia su Tg1 e Tg5, più in basso ma presente per Tg3, Tg4 e Studio Aperto). I 5 nuovi casi in Italia e gli inviti delle Nazioni Unite a diverse nazioni perché consentano misure contraccettive, vengono ripresi ampiamente.

La borsa italiana chiude nuovamente in negativo, ma solamente Tg La7 (titolo) e Tg3 (servizio) riportano la notizia, mentre le parole di Draghi di ieri e le sue denunce di cospirazione globale, rimangono anche stasera senza commenti o spiegazioni. Maggiore attenzione al colloquio di Renzi con il presidente francese Hollande, colto da Mentana come un “tentativo d’avvicinamento” per uscire dall’isolamento in cui si trova il nostro Paese sulla linea della flessibilità, e dopo gli scambi verbali al calor bianco con Bruxelles.

La notizia dello storico faccia a faccia tra Papa Francesco ed il patriarca della chiesa ortodossa di Mosca, che avverrà fra una settimana nientemeno che all’areoporto di Cuba, compare nei titoli di Tg1 e Tg3, mentre spazio maggiore ricevono sulle testate Mediaset le processioni che hanno accompagnato le spoglie di San Pio a San Pietro.

Il dramma delle migliaia di profughi di Aleppo, città bombardata dalle forze di Assad e bloccati nel disperato tentativo di fuga al confine con la Turchia, è presente sulle testate Rai (titoli) mentre non gode d’attenzione su quelle Mediaset. Ottimi i servizi di Tg3 e Tg2.

L’affittopoli capitolina continua a furoreggiare. Tg5 intervista Sergio Nizzo (Corriere della Sera) che così commenta: “affittopoli non è stata esposta negli anni passati per il groviglio di interessi che vigevano. Tronca ha fatto bene, ma vanno trovate responsabilità.” Anche Tg la7 si tuffa nel “pozzo senza fondo” di affittopoli segnalandoci di una società, la “Roma Capitale Investment Foundation”, che ha ricevuto gratuitamente nel 2012 dalla giunta Alemanno un ex convento accanto a Piazza del Popolo, ma che non ha prodotto un euro di investimenti. 

Ottimo l’approfondimento del Tg2 sul mutamento della condizione dei “poveri” del nostro Paese in seguito alla crisi, con una lunga intervista al ministro Poletti che illustra il recente decreto in favore delle fasce più bisognose. Interessante anche su Tg4 e Studio Aperto il servizio su di un laboratorio nel carcere di Opera a Milano dove i detenuti fabbricano con le loro mani ostie per le messe.

Il segretario Udc Cesa minaccia Renzi per le unioni civili, ma non sembra che il Pd tremi. Maggiori problemi per il partito di maggioranza relativa vengono dall’abbraccio di Cuffaro, probabilmente non richiesto da nessuno ma certamente rifiutato da Speranza e Bersani (intervistato da Tg5). Titolo per TgLa7.

De Luca ha animato per mesi le prime pagine bi quotidiani e le scalette dei Tg. Nel giorno della sua assoluzione in Appello la notizia è nei titoli solo su La7.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali