Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Renzi – Frenetico immobilismo

I Tg di mercoledì 12 ottobre 2016 – L’interesse per i temi referendari è diffuso, ma produce stasera aperture variegate. All’appello del Presidente della Repubblica Mattarella, che invita gli schieramenti ad abbassare i noti, va il primo titolo dell’Ammiraglia Rai (titoli anche per Tg2 e Tg3); Tg5 apre invece sulle forti tensioni alla Camera durante l’audizione del presidente Renzi in vista del prossimo incontro all’Eurogruppo (presenti su tutti tra 2° e 3° titolo). Tg La7 esordisce con il “fronte del no” promosso da D’Alema che parla di un “clima di paura ed intimidazioni”, dedicando poi il titolo successivo alle risposte dalla maggioranza renziana che lo critica per “non guardare ai contenuti” (titolo per Tg4, nei servizi per tutti). La dura presa di posizione dal premier verso gli organismi europei, accusati di patire un “frenetico immobilismo”, viene riportata da tutte le testate, ma è solo su Tg3 e Tg La7 che queste affermazioni si impongono sulle trite polemiche di giornata, impaludate sulla tematica referendaria.

L’acuirsi delle tensioni tra Russia e Usa con la mancata visita di Putin in Francia dove avrebbe dovuto confrontarsi con Hollande sulla guerra in Siria, è ripresa in apertura da Tg3 e Tg4, e Tg La7 parla di un nuovo “clima da guerra fredda”. Le immagini dei nuovi bombardamenti ritornano sul Studio Aperto e Tg5 che dedica la sua copertina proprio ai “bambini immagine”, simboli inconsapevoli degli orrori che sconvolgono i loro paesi.

Le scuse da Londra a seguito delle proteste dovute ad un modulo d’iscrizione scolastica che ascriveva a studenti italiani 3 tipologie diverse di “cittadinanza” (italiana, italiana-napoletana, italiana-sicialiana) figurato su tutte le testate (apertura per Tg2). I Tg Mediaset propongono una vena ironica, mentre Tg1 e Tg2 colgono l’occasione, intervistando la scrittrice Simonetta Hornby, per una riflessione a più ampio spettro su come, a seguito del referendum per la Brexit, le varie comunità straniere in Gran Bretagna siano divenute più sensibili a questo tipo di “schedature”, qualunque ne siano gli intenti.

Nel complesso sottotono stasera gli scambi tra Padoan e Ufficio Parlamentare di Bilancio (titolo per tg1), col ministro dell’economia che assicura la crescita dell’1% per il 2017. Tg4 che, analizzando le anticipazioni sulla legge di stabilità, indica cifre che non lo convincono, viene seguito sulla stessa linea da Tg3 e Tg1 nel chiedersi da dove arriveranno gli 8 miliardi di nuovo gettito fiscale previsti.

Titoli per i Tg Mediaset e Tg1 sulle violenze ad un bambino disabile di 10 anni da parte dei suoi compagni di classe denunciate dalla madre, che afferma che i soprusi sul figlio hanno una storia di due anni, nella totale negligenza del corpo insegnante.

Tg2 e Tg3 ritornano sui “fantasmi” dell’Almaviva, 2500 impiegati di call center considerati in esubero dalla società, e per i quali il futuro non è tuttora chiaro.

Segnaliamo in conclusione il titolo del Tg2 sulla battaglia di genere condotta nella regione Sardegna contro il linguaggio “sessista”: da oggi in tutti i documenti ufficiali figureranno espressioni di genere quali “assessora”, “prefetta”, “sindaca”. Un passo avanti in un ambito, quello linguistico, che rappresenta esso stesso una frontiera possibile di discriminazione.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica