Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Scalette (quasi) obbligate

I Tg di giovedì 17 novembre – Davanti ad un Renzi che nega di voler fare il morto a galla, all’astensione italiana sul voto del bilancio Ue 2017, a De Luca che, travestito da Crozza, dice che Rosi Bindi andrebbe uccisa, alla condanna a 9 anni per Cosentino, ai primi incontri internazionali di Trump e all’ultimo viaggio europea di Obama, gli estensori delle scalette dei Tg di serata non hanno dovuto spremere le meningi. Ovviamente le linee editoriali reclamano i lori diritti, e così mentre su Rai e La7 la condanna dell’ex plenipotenziario di Berlusconi in Campania è nei titoli, lo stesso non avviene per i Tg Mediaset (pochi secondi da studio su Tg5). Sull’altro fronte Tg1 “si fregia” dell’intervista a Renzi (ripresa nei contenuti da tutti gli altri) Tg5 mette in primo piano le critiche di Forza Italia ai primi 1.000 giorni del suo governo. Su tutti Berlusconi che assicura che in caso di vittoria del no, l’Italia andrà avanti come prima: una promessa o una minaccia (ndr)?

Attenti alla par condicio (così come ad “aggirarla”) i Tg svolgono i loro compitini, limitandosi alla cronaca politica e alle diverse dichiarazioni. Da apprezzare, dunque, TgLa7 che si porta avanti con il lavoro, e in una servizio analizza gli scenari in caso di vittoria del no: se Renzi perde “per poco” può rilanciare al congresso immediato del suo partito, per poi andare alle lezioni dopo un “governicchio” da cui si terrebbe lontano che durerebbe giusto il tempo per cambiare la legge elettorale. In caso di sconfitta netta, addio alle armi.

Sempre per la politica, non fa una grinza il buon servizio del Tg2 che illustra le disparità del servizio sanitario nelle diverse regioni. I dati sono agghiaccianti, e il proporli giornalisticamente ci sta, anche se il servizio può apparire un assist alla riforma del Titolo Quinto.

“Una cosa infame. Da ucciderla” La polemica sulla frase shock del presidente di regione De Luca contro la Presidente Antimafia Rosy Bindi. Presente nei titoli su tutti, molto alta su Tg4. Solidarietà generale, con Mentana che da studio che De Luca è imperdonabile, visto che non ha neanche chiesto scusa.

Presenti nei titoli dei Tg Rai e di Tg5 i nuovi dati sulle vittime dei Mediterraneo e i flussi di profughi; 26.000 nel solo mese di ottobre.

Passando agli esteri, Tg5 si dilunga sulla prima apparizione pubblica di Hillary Clinton, che mostra mesta umanità, quella stessa che forse doveva manifestare in campagna elettorale. Tg2 riflette sulla stagione nuova che caratterizza i rapporti tra Trump e la stampa.

Buono l’approfondimento del Tg5 sull’aiuto dell’esercito nelle nostre città e quello sui giovani imprenditori, più presenti che nel resto d’Europa.

Tg la7 propone un lungo ed interessante approfondimento sull’esito del giubileo della misericordia, che è andato bene da un punto di vista spirituale, ma non ha prodotto i vantaggi sperati per la Capitale.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica