L'opinione

Scalette (quasi) obbligate

22

I Tg di giovedì 17 novembre – Davanti ad un Renzi che nega di voler fare il morto a galla, all’astensione italiana sul voto del bilancio Ue 2017, a De Luca che, travestito da Crozza, dice che Rosi Bindi andrebbe uccisa, alla condanna a 9 anni per Cosentino, ai primi incontri internazionali di Trump e all’ultimo viaggio europea di Obama, gli estensori delle scalette dei Tg di serata non hanno dovuto spremere le meningi. Ovviamente le linee editoriali reclamano i lori diritti, e così mentre su Rai e La7 la condanna dell’ex plenipotenziario di Berlusconi in Campania è nei titoli, lo stesso non avviene per i Tg Mediaset (pochi secondi da studio su Tg5). Sull’altro fronte Tg1 “si fregia” dell’intervista a Renzi (ripresa nei contenuti da tutti gli altri) Tg5 mette in primo piano le critiche di Forza Italia ai primi 1.000 giorni del suo governo. Su tutti Berlusconi che assicura che in caso di vittoria del no, l’Italia andrà avanti come prima: una promessa o una minaccia (ndr)?

Attenti alla par condicio (così come ad “aggirarla”) i Tg svolgono i loro compitini, limitandosi alla cronaca politica e alle diverse dichiarazioni. Da apprezzare, dunque, TgLa7 che si porta avanti con il lavoro, e in una servizio analizza gli scenari in caso di vittoria del no: se Renzi perde “per poco” può rilanciare al congresso immediato del suo partito, per poi andare alle lezioni dopo un “governicchio” da cui si terrebbe lontano che durerebbe giusto il tempo per cambiare la legge elettorale. In caso di sconfitta netta, addio alle armi.

Sempre per la politica, non fa una grinza il buon servizio del Tg2 che illustra le disparità del servizio sanitario nelle diverse regioni. I dati sono agghiaccianti, e il proporli giornalisticamente ci sta, anche se il servizio può apparire un assist alla riforma del Titolo Quinto.

“Una cosa infame. Da ucciderla” La polemica sulla frase shock del presidente di regione De Luca contro la Presidente Antimafia Rosy Bindi. Presente nei titoli su tutti, molto alta su Tg4. Solidarietà generale, con Mentana che da studio che De Luca è imperdonabile, visto che non ha neanche chiesto scusa.

Presenti nei titoli dei Tg Rai e di Tg5 i nuovi dati sulle vittime dei Mediterraneo e i flussi di profughi; 26.000 nel solo mese di ottobre.

Passando agli esteri, Tg5 si dilunga sulla prima apparizione pubblica di Hillary Clinton, che mostra mesta umanità, quella stessa che forse doveva manifestare in campagna elettorale. Tg2 riflette sulla stagione nuova che caratterizza i rapporti tra Trump e la stampa.

Buono l’approfondimento del Tg5 sull’aiuto dell’esercito nelle nostre città e quello sui giovani imprenditori, più presenti che nel resto d’Europa.

Tg la7 propone un lungo ed interessante approfondimento sull’esito del giubileo della misericordia, che è andato bene da un punto di vista spirituale, ma non ha prodotto i vantaggi sperati per la Capitale.

Altre opinioni dell'Autore
Società

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione
Intervista

Educazione civica. Rusconi: “Manca una cabina di regia”

"L'educazione civica spesso non viene insegnata, qualche insegnante lo fa per propria buona volontà. Viene sottovalutato l’apprendimento delle norme e dell’ordinamento dello Stato, fatto soprattutto di comportamenti di rispetto".
di Valentina Renzopaoli