Società

Scompare il sociologo Patrizio Di Nicola. Il ricordo dell’Eurispes

160

Lo scorso 26 ottobre Patrizio Di Nicola ci ha lasciato, dopo una breve malattia. Sociologo, Professore di Sociologia dell’Organizzazione e dei Sistemi Avanzati alla Facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza Università di Roma, Di Nicola era un amico ed estimatore dell’Eurispes, per tanti anni membro del Comitato Scientifico dell’Istituto.
Lo ricordiamo, in particolare, come attivo protagonista del grande incontro di rifessione che l’Eurispes organizzò nell’autunno 2017, nella sede di Tempio Pausania in Sardegna, per discutere sulle prospettive future del nostro Paese, riunendo in una “tre giorni” di lavoro I membri del Consiglio Direttivo, del Comitato Scientifico ed i responsabili degli Osservatori e Laboratori tematici. In quella occasione offrì un importante contributo di riflessione nella specifica sessione dedicata agli scenari futuri, con riferimento ai profondi cambiamenti prodotti nel mondo del lavoro dalla rivoluzione digitale. Un’area tematica che ha continuato ad approfondire in attività di studio e ricerca condotte in ambito Istat sui probemi dello sviluppo e degli effetti complessi di Industria 4.0.
 
Di Nicola ha dato per anni un grande contributo anche alle iniziative promosse dall’Eurispes in àmbito europeo e internazionale, partecipando attivamente in particolare alle attività della Rete Europea sul Monitoraggio dei Mercati del Lavoro Regionali ENRLMM, una grande rete europea costituita nel 2006 per iniziativa dell’Istituto sul Lavoro IWAK dell’Università di Francoforte di cui l’Euripes è stato uno degli enti fondatori. Fin dall’inizio, Di Nicola aderì a questa Rete specializzata sui problemi del lavoro, costituita da esperti, responsabili dei servizi pubblici sull’occupazione, rappresentanti di Istituzioni governative nazionali, di organismI europei ed internazionali; contribuì al suo decollo promuovendo il secondo incontro annuale della Rete nel 2007 alla Facoltà di Sociologia de La Sapienza e partecipando successivamente, in collaborazione con l’Eurispes a tutte le principali iniziative europee. Il grande tributo di stima e di affetto che gli è stato espresso pubblicamente dai colleghi dell’Istituto tedesco e da tanti colleghi europei, collaboratori di questo organismo internazionale, testimonia il valore dell’apporto dato da Patrizio Di Nicola con le sue idee, intuizioni, proposte al miglioramento delle politiche del lavoro; nonchè la ricchezza della sua umanità, la sua onestà morale e intellettuale.
 
Di Nicola è stato direttore scientifico di numerose ricerche sul telelavoro, le imprese virtuali, l’insegnamento a distanza, il mercato del lavoro nella società post-industriale; autore di molte pubblicazioni che hanno stimolato studi approfonditi in particolare sul telelavoro (New International Perspectives on Telework, 1998; Teleworking best practice handbook, 2001; Telelavoro domiciliare, Ediesse, 2002: E-Society. Strumenti e percorsi di analisi della Società in Rete, Guerini Ed., 2005); consulente della Commissione Europea, DG INFOSOC; direttore del dipartimento progetti delll’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO); membro della speciale Commissione sula Società dell’Informazione, presso la Presidenza del Consiglio del Governo italiano,
 
Al nostro ricordo ed omaggio, vogliamo aggiungere le parole di un suo grande amico, il prof. ordinario Renato Fontana della Sapienza Università di Roma, docente di Sistemi organizzativi complessi e Sistemi socio-economici, che è stato uno dei più stretti collaboratori nelle iniziative europee ed internazionali promosse con Di Nicola insieme all’Eurispes:
«Figlio di un ferroviere. Ha sempre portato con sé quella cultura tipica dell’aristocrazia operaia, un po’ ironica e piuttosto schietta, capace di mettersi istintivamente dalla parte dei più deboli. Si forma alla (non) scuola di Aris Accornero, con il quale scrive e discute senza timore dei più gravi problemi sociali del nostro sistema economico: non sempre dalla stessa parte. Iniziò i suoi studi affrontando la “gioia nel lavoro” (Henri De Man), spiegò all’Italia le potenzialità del telelavoro, diede importanti contributi sulla flessibilità e sul lavoro precario. E ora stava facendo ricerche sull’Industria 4.0. De facto, non era un accademico, non poteva essere un accademico, il suo spirito estroverso e guizzante non glielo permetteva.
Molto conosciuto e rispettato all’estero, non si è mai risparmiato a livello internazionale, con una forte preferenza per le varie Università americane, dove ha tenuto molti convegni, e dove ha organizzato esperienze diverse per i nostri studenti.
Era un caro amico. Lo abbiamo perso. Ma non abbiamo perso la sua propensione alla curiosità, alla conoscenza e al piacere per la vita. Era una persona loquace, ironica e sorridente. E così ci piace ricordarlo».

Ultime notizie
Innovazione

Trojan e Spyware: ecco come funzionano e quali sono i rischi

Che cos’è un captatore informatico? Che cosa prevede la legge italiana e quali sono i rischi per i cittadini? Ne parliamo con Roberto De Vita, Presidente dell'Osservatorio Cybersecurity dell'Eurispes.
di redazione
Attualità

L’immigrazione in Italia: tra dati reali, (dis)informazione e percezione

L'Immigrazione in Italia: tra dati reali, disinformazione e la tendenza a sovrastimare il fenomeno. Quali sono i numeri e che cosa e pensano i cittadini?
di Raffaella Saso
Il punto

Immigrazione in Italia e in Europa, è ora di voltare pagina

Non è questo il luogo per rifare la storia dell’immigrazione nel nostro Paese sulla quale, peraltro, sono stati scritti migliaia di volumi...
di Gian Maria Fara
Politica

La Democrazia Cristiana non si può rifare. Follini: «Serve recuperarne la misura”

Che cosa è stata e che cosa ha rappresentato la Democrazia Cristiana? La Dc non si può rifare, eppure esistono ancora i democristiani. Intervista a Marco Follini, uomo politico e dirigente culturale, autore del libro Democrazia Cristiana. Il racconto di un partito
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La P.A. nella quarta rivoluzione industriale. Governare senza rete

La Pubblica amministrazione nell’epoca della Rete e, paradossalmente, delle incertezze; il ruolo di chi governa e i suoi strumenti: sono le parole chiave del nuovo libro del Presidente del Consiglio nazionale di Legautonomie, Bruno Manzi.
di Ilaria Tirelli
Attualità

Caduta del Muro, “Quando toccai la ferita dentro l’Europa”. Il ricordo

La caduta del Muro di Berlino raccontata ai giovani da chi ne è stato testimone: i ricordi, le sensazioni, la paura, l'euforia, le aspettative e le delusioni. Carmelo Cedrone, responsabile del Laboratorio Europa dell'Eurispes, risponde alle domande degli studenti del Liceo L. A. Seneca di Roma
di Redazione
Attualità

Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

La caduta del Muro che divise l'Europa del Dopoguerra aveva, all'epoca, fatto sperare in un'era di distensione e unità. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti. L'analisi
di Antonio De Chiara
Informazione

Cinquant’anni di Internet, ecco cosa è cambiato. La Rete si è “guastata”. Quali sono i rimedi?

Il 29 ottobre del 1969 avveniva il primo collegamento tra due computer. Cosa è cambiato da allora? Ne parliamo con Arturo di Corinto, psicologo cognitivo, esperto di innovazione tecnologica.
di Massimiliano Cannata
Attualità

La caduta del Muro 30 anni dopo, il mondo ha bisogno di nuove “spallate”

Caduta del Muro di Berlino 30 anni dopo, nell'epoca dei nuovi Muri. Baldazzi: "C’è da chiedersi se, come nella Berlino Ovest, la libertà sia appannaggio di chi erige muri, o di chi ne rimane fuori".
di Alberto Baldazzi
Animali

Svolta animalista della Regina Elisabetta II: 9 italiani su 10 contrari alle pellicce

La Regina Elisabetta II dice basta alle pellicce: d'ora in poi utilizzerà solo capi ecologici e sintetici. La notizia, rivelata da Angela Kelly, già assistente di Sua Maestà per l'abbigliamento, sta suscitando l'approvazione dei movimenti ambientalisti e non solo. Ma che cosa ne pensano gli italiani?
di redazione