Scontri e cerotti

I Tg di mercoledì 16 novembre – Il confronto Italia-Europa si impone in apertura per tutte le testate. Al richiamo di Bruxelles sulla legge di bilancio, che “rischia” di violare il patto di stabilità, seguono i consueti discorsi del premier Renzi contro l’austerity; TgLa7 commenta che si sperava in una maggiore benevolenza dalla UE, mentre i Tg3 e Tg1 (titolo) riprendono un’odierna intervista al commissario Moscovici che offre invece parole concilianti. Tg2 parla apertamente di “un rilievo che non deve far preoccupare gli Italiani”, osservando come la stessa UE inviti l’Italia a proseguire con le riforme. Grandi assenti della giornata sono, però, i toni dello scontro, e questo nonostante ieri l’Italia abbia ventilato solo poche ore fa di porre il veto sul bilancio europeo. Renzi, che guadagna a tenere “caldo” il braccio di ferro con l’Europa, ha comunque riabbracciato in giornata la bandiera europea, facendo felici i Tg Mediaset, che cercano di stemperare le tensioni con Bruxelles da cui, come osservano Tg 3 e TgLa7 nei servizi, il fronte del sì per il referendum potrebbe attingere voti.

Restando alla politica, la proposta avanzata dal premier di decontribuzione per le aziende del meridione che nel 2017 assumeranno a tempo indeterminato giovani e disoccupati figura tra primo e secondo titolo, generando lo scetticismo dei partiti d’opposizione. Berlusconi, che durante un intervento radiofonico prende atto di non avere “eredi politici” (leggi Parisi, ma anche Salvini) ed inquadra Renzi come unico “leader” presente sull’attuale scena politica, è nei titoli per Tg1 e Tg3, mentre va incontro ad una “inusitata” censura – almeno su questa specifica affermazione – sui Tg più vicini all’ex Cavaliere. Le denunce del Pd contro il web-fango per una presunta campagna online diffamatoria che sarebbe orchestrata dai vertici di Cinque Stelle, figurano nei titoli di Tg1 e nei servizi dei Tg delle 20.

I dati di Save the Children sugli oltre 3 milioni di minori che in Italia vivono in uno stato di povertà assoluta, affiancati da quelli di Terres Des Hommes ripresi da ieri sui maltrattamenti ai bambini nelle mura domestiche, si coniugano con l’odierno intervento di Papa Francesco; il tutto genera forte attenzione su Tg3, Tg1 e Tg5, che dedica una corposa copertina.

La tematica sicurezza, salita nei giorni scorsi a seguito delle dichiarazioni del sindaco Sala, stasera almeno in parte rientra, se si escludono Tg4 e Studio Aperto. Da segnalare stasera il forte clima anti migranti che si registra nel Tg diretto da Mario Giordano, che propone un titolo/attacco rivolto all’ex ministra Kyenge, rea di essersi attivata nel 2012 per evitare l’estradizione di un giostraio rumeno, successivamente arrestato per furto di rame nel 2015 e poi oggi a seguito di un inseguimento in autostrada. Il tutto rimanda a programmi di rete. Il dato è oramai stabile: un buon 20-30% dei contenuti del minore dei tg Mediaset è composto di anteprime o spezzoni attinti da Rete 4.

Ed ora qualche servizio in libertà. Ottimo il Tg3, che partendo da un suicidio di un agente penitenziario torna a parlare con Luigi Manconi della situazione dei carceri italiani, e presenta lo spettacolo di una compagnia di ergastolani che ha trovato nel teatro un’occasione di riscatto spirituale. Interessante il titolo del Tg5 sui 12 miliardi di beni di consumo sprecati ogni anno in Italia.

I Tg Rai ci portano con Lucia Goracci tra le rovine ancora ferite di Nimrud, antica città assira liberata dalle forze irachene nella guerra al Daesh: immagini toccanti di una devastazione scellerata che due anni fa ha cancellato per sempre le vestigia di millenni di storia e civiltà.

Il gran rifiuto di Bob Dylan, che il 10 dicembre non sarà ad Oslo a ritirare il suo Nobel “perché già impegnato”, e l’aplomb della risposta norvegese, raccoglie gli ultimi titoli di un po’ tutte le testate, che stentano a trovarne ragioni al di là dell’eccentricità dell’artista.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang