Scontri e cerotti

I Tg di mercoledì 16 novembre – Il confronto Italia-Europa si impone in apertura per tutte le testate. Al richiamo di Bruxelles sulla legge di bilancio, che “rischia” di violare il patto di stabilità, seguono i consueti discorsi del premier Renzi contro l’austerity; TgLa7 commenta che si sperava in una maggiore benevolenza dalla UE, mentre i Tg3 e Tg1 (titolo) riprendono un’odierna intervista al commissario Moscovici che offre invece parole concilianti. Tg2 parla apertamente di “un rilievo che non deve far preoccupare gli Italiani”, osservando come la stessa UE inviti l’Italia a proseguire con le riforme. Grandi assenti della giornata sono, però, i toni dello scontro, e questo nonostante ieri l’Italia abbia ventilato solo poche ore fa di porre il veto sul bilancio europeo. Renzi, che guadagna a tenere “caldo” il braccio di ferro con l’Europa, ha comunque riabbracciato in giornata la bandiera europea, facendo felici i Tg Mediaset, che cercano di stemperare le tensioni con Bruxelles da cui, come osservano Tg 3 e TgLa7 nei servizi, il fronte del sì per il referendum potrebbe attingere voti.

Restando alla politica, la proposta avanzata dal premier di decontribuzione per le aziende del meridione che nel 2017 assumeranno a tempo indeterminato giovani e disoccupati figura tra primo e secondo titolo, generando lo scetticismo dei partiti d’opposizione. Berlusconi, che durante un intervento radiofonico prende atto di non avere “eredi politici” (leggi Parisi, ma anche Salvini) ed inquadra Renzi come unico “leader” presente sull’attuale scena politica, è nei titoli per Tg1 e Tg3, mentre va incontro ad una “inusitata” censura – almeno su questa specifica affermazione – sui Tg più vicini all’ex Cavaliere. Le denunce del Pd contro il web-fango per una presunta campagna online diffamatoria che sarebbe orchestrata dai vertici di Cinque Stelle, figurano nei titoli di Tg1 e nei servizi dei Tg delle 20.

I dati di Save the Children sugli oltre 3 milioni di minori che in Italia vivono in uno stato di povertà assoluta, affiancati da quelli di Terres Des Hommes ripresi da ieri sui maltrattamenti ai bambini nelle mura domestiche, si coniugano con l’odierno intervento di Papa Francesco; il tutto genera forte attenzione su Tg3, Tg1 e Tg5, che dedica una corposa copertina.

La tematica sicurezza, salita nei giorni scorsi a seguito delle dichiarazioni del sindaco Sala, stasera almeno in parte rientra, se si escludono Tg4 e Studio Aperto. Da segnalare stasera il forte clima anti migranti che si registra nel Tg diretto da Mario Giordano, che propone un titolo/attacco rivolto all’ex ministra Kyenge, rea di essersi attivata nel 2012 per evitare l’estradizione di un giostraio rumeno, successivamente arrestato per furto di rame nel 2015 e poi oggi a seguito di un inseguimento in autostrada. Il tutto rimanda a programmi di rete. Il dato è oramai stabile: un buon 20-30% dei contenuti del minore dei tg Mediaset è composto di anteprime o spezzoni attinti da Rete 4.

Ed ora qualche servizio in libertà. Ottimo il Tg3, che partendo da un suicidio di un agente penitenziario torna a parlare con Luigi Manconi della situazione dei carceri italiani, e presenta lo spettacolo di una compagnia di ergastolani che ha trovato nel teatro un’occasione di riscatto spirituale. Interessante il titolo del Tg5 sui 12 miliardi di beni di consumo sprecati ogni anno in Italia.

I Tg Rai ci portano con Lucia Goracci tra le rovine ancora ferite di Nimrud, antica città assira liberata dalle forze irachene nella guerra al Daesh: immagini toccanti di una devastazione scellerata che due anni fa ha cancellato per sempre le vestigia di millenni di storia e civiltà.

Il gran rifiuto di Bob Dylan, che il 10 dicembre non sarà ad Oslo a ritirare il suo Nobel “perché già impegnato”, e l’aplomb della risposta norvegese, raccoglie gli ultimi titoli di un po’ tutte le testate, che stentano a trovarne ragioni al di là dell’eccentricità dell’artista.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città