Silvio Novembre. Il coraggio oltre il dovere

silvio novembre

La storia di un Maresciallo della Guardia di Finanza, investigatore finanziario, il cui motto era “più è difficile fare il proprio dovere, più bisogna farlo”.

Silvio Novembre, Maresciallo della Guardia di Finanza, fu un tenace investigatore che, negli anni Settanta del secolo scorso, riuscì a inseguire i traffici della malafinanza nazionale e internazionale divenendo il precursore del metodo di indagine follow the money. In particolare contribuì, insieme all’avvocato e amico Giorgio Ambrosoli, a scoprire gli intrighi e gli scandali finanziari del faccendiere Michele Sindona e delle sue banche. Un lavoro difficile, che finì per scontrarsi con un sistema di potere, durante il quale anche il Maresciallo fu oggetto di continue pressioni, pesanti minacce e ripetuti tentativi di trasferimento che per fortuna non andarono a buon fine.

Congedatosi dalle Fiamme Gialle nel 1982, proseguì il suo impegno al servizio del Paese, quale membro del Comitato di sorveglianza della Banca Privata Italiana, nominato dall’allora Governatore della Banca d’Italia Carlo Azeglio Ciampi; coadiutore dei commissari liquidatori per il crac del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi e come socio fondatore del circolo Società Civile, nato a Milano nel 1985, per contribuire ad affermare la cultura della legalità soprattutto tra le giovani generazioni. Un impegno che nel 2014 gli valse l’Ambrogino d’Oro, benemerenza civica del Comune di Milano.

Silvio Novembre era un uomo dalla forte personalità: coraggio, tenacia, forza d’animo, competenza tecnica, capacità investigative erano però accompagnate a umiltà e generosità d’animo.

Un uomo la cui ritrosia era ben nota e che rompeva solamente nei casi in cui veniva invitato in manifestazioni pubbliche cui gli veniva data la possibilità di rendere omaggio alla memoria del suo caro amico Giorgio Ambrosoli, assassinato nel 1979 da un killer della mafia italoamericana assoldato da Sindona. Ma più di ogni altra cosa prediligeva l’incontro con i giovani nelle scuole. Era per lui motivo di gioia e di speranza parlare con dei ragazzi che, ben preparati da loro professori su vicende dai risvolti non solo dolorosi ma anche molto complessi, ponevano immancabilmente un’infinità di domande, a volte anche scomode e irriverenti, dimostrando curiosità interesse e capacità di “cogliere il punto”. Era affascinato dallo scambio di energie che si creava e non mancava mai di rivolgere l’invito a tenersi informati e aggiornati sugli accadimenti del mondo, cosa che li avrebbe resi uomini migliori nello svolgimento del loro lavoro, ma soprattutto come cittadini.

L’autore, Giandomenico Belliotti, ha voluto raccoglierne le memorie dalla sua viva voce, prima della scomparsa avvenuta il 28 settembre 2019, ed è stato capace di far emergere in maniera magistrale la figura del Maresciallo Novembre, uomo fedele al giuramento prestato alla Repubblica che, proprio in virtù di quel solenne atto, non si piegò mai alle minacce di chi voleva in ogni modo farlo desistere dal proseguire quelle “scomode” indagini. Un uomo fiero e severo profondamente segnato dall’impegno profuso nell’espletamento delle sue funzioni, il cui motto era “più è difficile fare il proprio dovere, più bisogna farlo”. Un libro da leggere per “non dimenticare”, consigliato soprattutto ai giovani che leggendo delle vicende di questo intrepido Finanziere, non solo potranno apprezzare il suo senso del dovere e la sua rigorosità d’animo, ma anche conoscere o riscoprire una delle tante pagine buie della storia del nostro Paese.

Silvio Novembre. Il coraggio oltre il dovere
di Giandomenico Belliotti
Gangemi Editore
Pagine 112; prezzo 20,00 euro

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale