Sotto il polverone, i problemi reali

I Tg di mercoledì 7 ottobre – Quella la che ieri abbiamo chiamato “aria fritta”, ovvero le polemiche sterili sulla correttezza o meno del governo per la supposta decisione di iniziare a bombardare l’Isis in Iraq tenendo allo scuro il Parlamento, nei Tg di serata è svaporata lasciando il posto al più che legittimo dibattito sulla sostanza: bombardare sì – no in ogni caso ai bombardamenti. Anche se può interessare poco teniamo a precisare che la nostra critica di martedì era di natura “professionale”, ovvero rivolta all’approssimazione e, talvolta, alla strumentalizzazione con cui parte dell’informazione mainstream affronta le notizie accettando e facendo propria la vulgata delle diverse posizioni della politica. Tutto il contrario del mestiere del giornalista. Archiviata la “scorrettezza” figlia delle consuete tensioni politiche, nasce comunque il problema di come si schiereranno l’opinione pubblica e le sue sdrucite rappresentanze politiche se, veramente, si dovesse decidere sui bombardamenti in Iraq. Per TgLa7 c’è la possibilità che si coaguli nuovamente l’ultima versione dello schieramento pacifista, quello contrario alla seconda guerra in Iraq. Tg1 segnala che nascerebbero con ogni probabilità nuove tensioni all’interno del Pd, e intervista Speranza che ”mette avanti le mani”. Paradossalmente la destra da una parte continua a battere sulla farraginosità e la scorrettezza del governo (titolo Tg5), dall’altra voterebbe senz’altro a favore di un’ipotetica proposta Gentiloni-Pinotti che modifichi le regole d’ingaggio dei militari italiani che già operano attualmente in Iraq all’interno della coalizione anti-Isis.

Passando agli esteri “propriamente detti”, primo o secondo titolo per tutte le maggiori testate sulla situazione dei cieli siriani, cui sta seguendo un’avanzata dell’esercito di Assad supportato dai jet russi. Apertura per Tg3 e Tg5. Per Mentana il braccio di ferro Usa-Russia ricrea un clima da guerra fredda, seppure in scala ridotta. Grande spazio su tutti (in primo luogo su Mediaset) per il rapimento nelle Filippine dell’ex missionario italiano.

La questione profughi conquista nuovamente ampio spazio, ma c’è da segnalare che la dichiarazione di morte pronunciata dalla Merkel nei confronti del trattato di Dublino, avrebbe meritato titoli e aperture su tutti, visto il dibattito interno e l’azione del governo italiano negli ultimi 18 mesi. Titoli solo su Tg1 e Tg3.
Abbiamo lamentato più volte la scarsa presenza nei Tg dei casi di buona accoglienza. Stasera Tg1 propone un servizio sul senza tetto equadoregno che tiene puliti i giardini di un quartiere romano (dove vive all’interno di una vecchia auto dismessa) e che, per questo, ha conquistato l’affetto e la solidarietà di molti cittadini.

Il “calo di tensione”, se non altro per stanchezza, del dibattito sulla Riforma Costituzionale in Senato, con il ritiro di parte degli emendamenti delle opposizioni, è registrato da tutti i Tg: aperture per Tg1, Tg2 e Tg La7. Le reti Mediaset danno voce comunque alle dure proteste di Berlusconi contro lo strapotere della maggioranza; le stesse testate mancano anche di riprendere la rottura in Senato tra FI e gli altri partiti d’opposizione sull’articolo che semplificherebbe eventuali entrate in guerra del nostro Paese.

Il gioelliere che ad Ercolano uccide due rapinatori armati di pistola giocattolo è, ovviamente, molto presente nei Tg. Apertura per Tg4 e titolo anche per Tg La7. Il Tg di Rete 4 ci informa – non ne avevamo dubbi – che Salvini è dalla parte dello sparatore e, per soprammercato, produce un lungo elenco dei casi di “giustizia fai da te”. La cronaca propone anche “l’ennesimo caso di femminicidio” (apertura per Studio Aperto”) consumato a Milano. Anche i Tg Rai questa sera danno titoli ed ampio spazio alla cronaca nera.

Anche stasera si parla di Marino ma, una volta tanto, la notizia c’è: come racconta ampliamente Tg La7 la decisione di ripagare di tasca propria parte delle spese fatte con la carta di credito del comune serva a inchiodare Ignazio Marino a responsabilità forse piccole ma indiscutibili.

Dati auditel dei Tg di martedì 6 ottobre 2015

Schermata 2015-10-07 a 22.57.10

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento