L'opinione

Sotto il polverone, i problemi reali

76

I Tg di mercoledì 7 ottobre – Quella la che ieri abbiamo chiamato “aria fritta”, ovvero le polemiche sterili sulla correttezza o meno del governo per la supposta decisione di iniziare a bombardare l’Isis in Iraq tenendo allo scuro il Parlamento, nei Tg di serata è svaporata lasciando il posto al più che legittimo dibattito sulla sostanza: bombardare sì – no in ogni caso ai bombardamenti. Anche se può interessare poco teniamo a precisare che la nostra critica di martedì era di natura “professionale”, ovvero rivolta all’approssimazione e, talvolta, alla strumentalizzazione con cui parte dell’informazione mainstream affronta le notizie accettando e facendo propria la vulgata delle diverse posizioni della politica. Tutto il contrario del mestiere del giornalista. Archiviata la “scorrettezza” figlia delle consuete tensioni politiche, nasce comunque il problema di come si schiereranno l’opinione pubblica e le sue sdrucite rappresentanze politiche se, veramente, si dovesse decidere sui bombardamenti in Iraq. Per TgLa7 c’è la possibilità che si coaguli nuovamente l’ultima versione dello schieramento pacifista, quello contrario alla seconda guerra in Iraq. Tg1 segnala che nascerebbero con ogni probabilità nuove tensioni all’interno del Pd, e intervista Speranza che ”mette avanti le mani”. Paradossalmente la destra da una parte continua a battere sulla farraginosità e la scorrettezza del governo (titolo Tg5), dall’altra voterebbe senz’altro a favore di un’ipotetica proposta Gentiloni-Pinotti che modifichi le regole d’ingaggio dei militari italiani che già operano attualmente in Iraq all’interno della coalizione anti-Isis.

Passando agli esteri “propriamente detti”, primo o secondo titolo per tutte le maggiori testate sulla situazione dei cieli siriani, cui sta seguendo un’avanzata dell’esercito di Assad supportato dai jet russi. Apertura per Tg3 e Tg5. Per Mentana il braccio di ferro Usa-Russia ricrea un clima da guerra fredda, seppure in scala ridotta. Grande spazio su tutti (in primo luogo su Mediaset) per il rapimento nelle Filippine dell’ex missionario italiano.

La questione profughi conquista nuovamente ampio spazio, ma c’è da segnalare che la dichiarazione di morte pronunciata dalla Merkel nei confronti del trattato di Dublino, avrebbe meritato titoli e aperture su tutti, visto il dibattito interno e l’azione del governo italiano negli ultimi 18 mesi. Titoli solo su Tg1 e Tg3.
Abbiamo lamentato più volte la scarsa presenza nei Tg dei casi di buona accoglienza. Stasera Tg1 propone un servizio sul senza tetto equadoregno che tiene puliti i giardini di un quartiere romano (dove vive all’interno di una vecchia auto dismessa) e che, per questo, ha conquistato l’affetto e la solidarietà di molti cittadini.

Il “calo di tensione”, se non altro per stanchezza, del dibattito sulla Riforma Costituzionale in Senato, con il ritiro di parte degli emendamenti delle opposizioni, è registrato da tutti i Tg: aperture per Tg1, Tg2 e Tg La7. Le reti Mediaset danno voce comunque alle dure proteste di Berlusconi contro lo strapotere della maggioranza; le stesse testate mancano anche di riprendere la rottura in Senato tra FI e gli altri partiti d’opposizione sull’articolo che semplificherebbe eventuali entrate in guerra del nostro Paese.

Il gioelliere che ad Ercolano uccide due rapinatori armati di pistola giocattolo è, ovviamente, molto presente nei Tg. Apertura per Tg4 e titolo anche per Tg La7. Il Tg di Rete 4 ci informa – non ne avevamo dubbi – che Salvini è dalla parte dello sparatore e, per soprammercato, produce un lungo elenco dei casi di “giustizia fai da te”. La cronaca propone anche “l’ennesimo caso di femminicidio” (apertura per Studio Aperto”) consumato a Milano. Anche i Tg Rai questa sera danno titoli ed ampio spazio alla cronaca nera.

Anche stasera si parla di Marino ma, una volta tanto, la notizia c’è: come racconta ampliamente Tg La7 la decisione di ripagare di tasca propria parte delle spese fatte con la carta di credito del comune serva a inchiodare Ignazio Marino a responsabilità forse piccole ma indiscutibili.

Dati auditel dei Tg di martedì 6 ottobre 2015

Schermata 2015-10-07 a 22.57.10

Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani