Osservatorio TG

Sotto il polverone, i problemi reali

I Tg di mercoledì 7 ottobre – Quella la che ieri abbiamo chiamato “aria fritta”, ovvero le polemiche sterili sulla correttezza o meno del governo per la supposta decisione di iniziare a bombardare l’Isis in Iraq tenendo allo scuro il Parlamento, nei Tg di serata è svaporata lasciando il posto al più che legittimo dibattito sulla sostanza: bombardare sì – no in ogni caso ai bombardamenti. Anche se può interessare poco teniamo a precisare che la nostra critica di martedì era di natura “professionale”, ovvero rivolta all’approssimazione e, talvolta, alla strumentalizzazione con cui parte dell’informazione mainstream affronta le notizie accettando e facendo propria la vulgata delle diverse posizioni della politica. Tutto il contrario del mestiere del giornalista. Archiviata la “scorrettezza” figlia delle consuete tensioni politiche, nasce comunque il problema di come si schiereranno l’opinione pubblica e le sue sdrucite rappresentanze politiche se, veramente, si dovesse decidere sui bombardamenti in Iraq. Per TgLa7 c’è la possibilità che si coaguli nuovamente l’ultima versione dello schieramento pacifista, quello contrario alla seconda guerra in Iraq. Tg1 segnala che nascerebbero con ogni probabilità nuove tensioni all’interno del Pd, e intervista Speranza che ”mette avanti le mani”. Paradossalmente la destra da una parte continua a battere sulla farraginosità e la scorrettezza del governo (titolo Tg5), dall’altra voterebbe senz’altro a favore di un’ipotetica proposta Gentiloni-Pinotti che modifichi le regole d’ingaggio dei militari italiani che già operano attualmente in Iraq all’interno della coalizione anti-Isis.

Passando agli esteri “propriamente detti”, primo o secondo titolo per tutte le maggiori testate sulla situazione dei cieli siriani, cui sta seguendo un’avanzata dell’esercito di Assad supportato dai jet russi. Apertura per Tg3 e Tg5. Per Mentana il braccio di ferro Usa-Russia ricrea un clima da guerra fredda, seppure in scala ridotta. Grande spazio su tutti (in primo luogo su Mediaset) per il rapimento nelle Filippine dell’ex missionario italiano.

La questione profughi conquista nuovamente ampio spazio, ma c’è da segnalare che la dichiarazione di morte pronunciata dalla Merkel nei confronti del trattato di Dublino, avrebbe meritato titoli e aperture su tutti, visto il dibattito interno e l’azione del governo italiano negli ultimi 18 mesi. Titoli solo su Tg1 e Tg3.
Abbiamo lamentato più volte la scarsa presenza nei Tg dei casi di buona accoglienza. Stasera Tg1 propone un servizio sul senza tetto equadoregno che tiene puliti i giardini di un quartiere romano (dove vive all’interno di una vecchia auto dismessa) e che, per questo, ha conquistato l’affetto e la solidarietà di molti cittadini.

Il “calo di tensione”, se non altro per stanchezza, del dibattito sulla Riforma Costituzionale in Senato, con il ritiro di parte degli emendamenti delle opposizioni, è registrato da tutti i Tg: aperture per Tg1, Tg2 e Tg La7. Le reti Mediaset danno voce comunque alle dure proteste di Berlusconi contro lo strapotere della maggioranza; le stesse testate mancano anche di riprendere la rottura in Senato tra FI e gli altri partiti d’opposizione sull’articolo che semplificherebbe eventuali entrate in guerra del nostro Paese.

Il gioelliere che ad Ercolano uccide due rapinatori armati di pistola giocattolo è, ovviamente, molto presente nei Tg. Apertura per Tg4 e titolo anche per Tg La7. Il Tg di Rete 4 ci informa – non ne avevamo dubbi – che Salvini è dalla parte dello sparatore e, per soprammercato, produce un lungo elenco dei casi di “giustizia fai da te”. La cronaca propone anche “l’ennesimo caso di femminicidio” (apertura per Studio Aperto”) consumato a Milano. Anche i Tg Rai questa sera danno titoli ed ampio spazio alla cronaca nera.

Anche stasera si parla di Marino ma, una volta tanto, la notizia c’è: come racconta ampliamente Tg La7 la decisione di ripagare di tasca propria parte delle spese fatte con la carta di credito del comune serva a inchiodare Ignazio Marino a responsabilità forse piccole ma indiscutibili.

Dati auditel dei Tg di martedì 6 ottobre 2015

Schermata 2015-10-07 a 22.57.10

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario