Osservatorio TG

Stanchezza

I Tg di martedì 29 novembre – I 4 operai morti al porto di Messina sono in apertura per i Tg Rai e Tg5, più in basso o assenti sugli altri. In una serata in cui non mancano le notizie, anche eclatanti, la vicenda del rapimento “anomalo” del cittadino italiano in Siria occupa molto spazio, così come la tragedia aerea in Colombia che ha visto la morte di di 77 persone, appartenenti ad una piccola ma agguerrita squadra di calcio brasiliana e allo staff tecnico, oltre che alla folta delegazione di giornalisti al seguito. Molti i servizi, arricchiti come è sempre più frequente, da selfie e video girati dagli stessi calciatori e che una volta tanto più che una sterile manifestazione di fittizio protagonismo risultano un drammatico lascito vitale di tanti giovani scomparsi drammaticamente.

Un altro fatto sconcertante che attira l’attenzione di tutti, compresa la testata più “refrattaria” alla cronaca anche giudiziaria, ovvero TgLa7, è la vicenda degli “amanti diabolici” dell’ospedale di Saronno che avrebbero cooperato per uccidere alcuni pazienti terminali e anche il marito dell’infermiera, ipotizzando di liberarsi anche di suoceri e figli grazie alle capacità tecniche dell’anestesista-amante.

Se si aggiunge che nessun Tg resiste alla tentazione di dare spazio al rampollo Fiat Lapo Elkann e alla sua ennesima disavventura, questa volta newyorkese, a base di droga e prostituzione, con l’aggiunta del “trucco” del finto sequestro per ottenere liquidi dalla famiglia, è evidente che l’informazione di serata appare quella di un giorno come un altro, e non del quartultimo giorno di campagna elettorale per il referendum costituzionale.

Si ha l’impressione che le diverse testate si siano giovate dell’obbligo di coprire tanti fatti, anche drammatici, per “volare oltre” i miasmi e le inconcludenze della campagna referendaria, presente in un solo titolo su tutti: Renzi e Di Maio su Tg2, Berlusconi su Tg1, Renzi e Berlusconi su Tg3, niente su Tg4, generico su Tg5. Su TgLa7 Mentana riesce a mettere un po’ di pepe, titolando sul “bacio mortale” di Schauble che benedice Renzi ed il sì al referendum (presente anche su Tg1). Sempre su Tg1 e TgLa7 spazio alla corrida andata in onda nella sala del Consiglio comunale di Roma tra M5S che ha votato una mozione che impegna la Sindaca a manifestare in tutte le sedi l’opposizione alla Riforma Renzi-Boschi, e i consiglieri Pd che sono insorti.

Una serata dell’informazione alquanto particolare, dunque, ma che riflette la stanchezza ampiamente diffusa verso i toni e le inconcludenze di una pessima campagna elettorale.

Concludiamo segnalando un interessante servizio del Tg3 che aggiorna i dati sulla patologia diffusa del gioco in Italia, che assomma oramai a circa 90 miliardi annui, e crea sempre più diffusa ludopatia.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia