Metafore per l'Italia

Stanze di regolazione

«Nel contesto dello sviluppo globale e dei cambiamenti strutturali, una presenza statale direttamente impegnata nella produzione di beni e servizi, avrebbe senso solo se promuovesse la costruzione di nuove opportunità di profitto e di crescita, sulla base di un diverso equilibrio tra consumi pubblici e quelli privati. Tra la quantità e la qualità dello sviluppo. Tra esclusione e inclusione sociale sia nei processi produttivi sia nella vita comunitaria. Tra flessibilità e precarietà strutturale. Tra valorizzazione e dissipazione del capitale umano, soprattutto di quello giovanile. Da queste scelte dipende non solo il futuro dell’economia ma anche della tenuta stessa dei sistemi democratici». Riflette così il Presidente dell’Eurispes, nel suo nuovo libro L’Italia del “Nì” (Minerva Edizioni), sulla necessità dello Stato di riappropriarsi del suo ruolo, anche all’interno del mercato, ripensandolo, ad esempio, attraverso l’attivazione di forme originali di partenariato pubblico/privato per sostenere la crescita del Paese.

Lo Stato non può limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigile del mercato. Le sfide dei cambiamenti strutturali in atto impongono che lo Stato eserciti e qualifichi al massimo il ruolo – che peraltro già svolge – di attore protagonista dentro il sistema di mercato, per affermare al meglio il valore dei beni e dei servizi che produce direttamente, per operare a tutela degli asset strategici del nostro sistema, per promuovere la crescita dei cosiddetti “beni comuni”, appartenenti agli individui e alle comunità, il cui valore è sempre più riconosciuto dagli organismi internazionali, a cominciare dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite che anche l’Italia ha approvato e si è impegnata a realizzare. Certo, agendo direttamente sul mercato, lo Stato può fare senz’altro concorrenza agli operatori privati, ma anche promuovere con essi originali forme di collaborazione, creando condizioni nuove e favorevoli per la stessa formazione del profitto e degli investimenti privati. Nel passato – è un richiamo inevitabile – lo Stato italiano è già intervenuto direttamente nel mercato con il sistema delle partecipazioni statali, che, per quanto criticato, è stato indubbiamente alla base del processo di modernizzazione del Paese. Ma attualmente, nel contesto dello sviluppo globale e dei cambiamenti strutturali, una presenza statale direttamente impegnata nella produzione di beni e servizi, avrebbe senso solo se promuovesse la costruzione di nuove opportunità di profitto e di crescita, sulla base di un diverso equilibrio tra consumi pubblici e quelli privati. Tra la quantità e la qualità dello sviluppo. Tra esclusione e inclusione sociale sia nei processi produttivi sia nella vita comunitaria. Tra flessibilità e precarietà strutturale. Tra valorizzazione e dissipazione del capitale umano, soprattutto di quello giovanile. Da queste scelte dipende non solo il futuro dell’economia ma anche della tenuta stessa dei sistemi democratici. La crisi economica ha prodotto, insieme all’impoverimento di ampie fasce sociali, la progressiva delegittimazione della politica e quindi delle Istituzioni considerate ormai inadeguate a comprendere e a gestire la complessità e i percorsi dei cambiamenti epocali. Piaccia o non piaccia, in una democrazia la politica e, quindi, lo Stato e le sue Istituzioni, devono funzionare come “stanze di regolazione” tra gli interessi della finanza e del mercato e i bisogni e le attese del corpo sociale. La politica e le Istituzioni torneranno a essere credibili quando sapranno dimostrare di essere in grado di governare i processi piuttosto che di esserne governati. (aforisma 42, 2017)

Ultime notizie
Diritti umani

Mandato di arresto europeo ed estradizione: la prima banca dati è emiliana

La recente indagine condotta dall’Osservatorio Europa della Camera Penale di Bologna “Franco Bricola”, Fondazione Forense Bolognese ed Eurispes, parte dall’esame dell’orientamento processuale distrettuale...
di redazione
Politica

La democrazia rende insoddisfatti?

Il malcontento verso la classe politica cresce nelle emergenze come il Covid, si diffonde la percezione che non vi siano risposte adeguate ed efficaci. La disaffezione verso la democrazia è tuttavia pericolosa e minaccia di spingerci in direzioni errate o avventurose. Il problema rimane la qualità della partecipazione pubblica e la consapevolezza di contribuire tutti al benessere collettivo.
di Angelo Perrone*
Criminalità e contrasto

Geopolitica, criminalità organizzata e terrorismo: riconoscere le nuove minacce

La comprensione dei fenomeni sociali rappresenta la base iniziale per poter operare poi nella gestione degli stessi. Il fenomeno mafioso è antico ma...
di Pasquale Preziosa*
Attualità

Fuga… da mezzanotte

Non è certo il coprifuoco di Parigi e dintorni, ma allo scoccare della mezzanotte dobbiamo immediatamente uscire dal nostro amato ristorante, con il conto pagato, e senza aver preso dolce o caffè.
di Emilio Albertario
Informazione

Sui Tg si torna ai “bollettini” dei contagi

L’aumento vertiginoso dei contagi impone la pandemia come tema dominante. Aperture obbligate per tutti, ad eccezione di Tg4 che – come la...
di Eurispes e Coris Sapienza
Economia

RELEASE G-20: per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un'iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.
di Roberto Ridolfi*
Metafore per l'Italia

Impegni inderogabili. Alla natura si comanda ubbidendole

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api. «Nell’attuale scenario...
di Gian Maria Fara
Ambiente

Rigenerazione urbana, le città si (ri)fanno belle

Con l’arrivo del bando per i progetti di rigenerazione urbana e di recupero delle periferie, il “restyling” delle città torna ad essere al centro dell’attenzione. Il recupero delle aree degradate passa sempre più attraverso l’impegno degli stessi cittadini, che danno vita ad un crescente fenomeno di “associazionismo urbano” per la riqualificazione degli spazi pubblici.
di Ilaria Tirelli
Attualità

2020, la teoria della cospirazione

    Una notizia postata sui social che parla di cospirazione, locale o planetaria, viene letta sei volte di più di qualsiasi altra, con...
di Emilio Albertario
Intervista

Il Presidente Luca Zaia all’Eurispes: “Il Covid insegna: più autonomia ai territori”

    A più di mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, guarda al...
di redazione