Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

974

Un’educazione civica che insegni il rispetto dell’altro e miri «alla cittadinanza globale e allo sviluppo sostenibile», non bastano le lezioni di Costituzione e di costumi italici: «il diritto alla vita è universale». Queste le parole di Stefano Molina, dirigente di ricerca della Fondazione Agnelli che, con il direttore Andrea Gavosto, coordina il Gruppo di lavoro dedicato al goal 4, “Istruzione di qualità”, dell’Alleanza nazionale per lo sviluppo sostenibile (ASviS), un’associazione animata da 200 istituzioni e reti nazionali, creata nel febbraio del 2016 per realizzare i propositi dell’Agenda 2030 dell’Onu, con i suoi 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, articolati in altri 167 target, che i vari Paesi aderenti debbono centrare, ormai, di qui a dodici anni.

Secondo l’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, sette italiani su dieci chiedono che a scuola si torni a insegnare l’educazione civica. Come giudica questo dato?
In modo molto positivo, certamente. La scuola non può astenersi dall’assumersi le proprie responsabilità nella costruzione di competenze di cittadinanza. La stragrande maggioranza degli italiani ha correttamente interpretato l’esigenza di proiettare i giovani verso la cittadinanza del XXI secolo. Ma, attenzione, non si tratta di riproporre la materia così come l’abbiamo conosciuta, o forse meglio non conosciuta, noi adulti, a suo tempo a scuola.

E come, allora?
Vorrei rispondere inquadrando il problema nella storia scolastica più recente. Partiamo dunque dalla legge 169 del 2008, quando ministro dell’Istruzione era Mariastella Gelmini. Allora si decise di attivare delle “azioni di sensibilizzazione e di formazione del personale su Cittadinanza e Costituzione” che dovevano riguardare primo e secondo ciclo scolastico, dunque le scuole primarie, medie e superiori, ma anche la scuola dell’infanzia. Queste azioni investivano prevalentemente l’insegnante di storia e geografia. Essendo tuttavia meno impellenti rispetto alle altre materie curricolari, le questioni di Cittadinanza e Costituzione passarono in secondo piano. Con le “Indicazioni nazionali” del 2012, e soprattutto con il loro aggiornamento del 2017, il concetto cambia, e si parla ora di “Educazione alla cittadinanza e alla sostenibilità”, definizione sicuramente meno italocentrica e non limitata all’insegnamento dei meccanismi istituzionali della Repubblica. Siamo infatti tutti corresponsabili, come ci dice l’Agenda 2030 approvata nel 2015 dall’Onu, di tanti comportamenti che producono, inevitabilmente, i loro effetti sul mondo, e dobbiamo perciò puntare ad uno sviluppo sostenibile, non soltanto sul piano ambientale, ma anche su quello economico e sociale.

Questo significa che a scuola non bisogna insegnare la nostra Costituzione?
No, al contrario. La nostra Costituzione rimane fondamento imprescindibile per qualsiasi forma di educazione alla cittadinanza. Non solo per quanto concerne la differenza tra governo e Parlamento, la separazione dei poteri e l’indipendenza della Magistratura, ma anche per quanto riguarda il raccordo tra la dimensione nazionale e quella globale, implicito nell’enunciazione dei “Principi fondamentali” della nostra Carta. Il diritto alla vita è universale.

La Lega è partita dalla Toscana per riproporre l’inserimento dell’educazione civica nelle scuole a livello nazionale, come materia di insegnamento, con tanto di voto.
Capisco l’obiettivo, ma non sono d’accordo. Non stiamo parlando di materia con voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione. Esige il passaggio dal nozionismo della conoscenza alla responsabilità delle competenze. Non ci sono solo cose da sapere, ma comportamenti da praticare. È conoscenza messa in pratica responsabilmente, non alla lavagna o alla cattedra, ma nella vita, dentro e fuori dalle mura scolastiche. Per questa ragione non può essere un solo insegnante a diffonderla, come è stato, quando lo si è fatto, in passato.

E quanti insegnanti sono necessari, allora?
A mio parere, “l’educazione alla Cittadinanza globale e allo Sviluppo sostenibile” deve essere affidata all’intero collegio dei docenti. La responsabilità deve essere trasversale, non può rimanere delegata ad un singolo. E una scuola che, ad esempio, faccia spreco di riscaldamento invernale, come talvolta ci sentiamo raccontare dai nostri figli, non può essere un bell’esempio nella direzione dello sviluppo sostenibile. Aggiungo che le responsabilità debbono essere estese al personale Ata, e cioè amministrativo, tecnico ed ausiliario, fino ad arrivare all’Ufficio scolastico regionale.

Questa è utopia?
No, è la sfida della scuola del futuro. Un milione di attori scolastici dovrebbero tutti passare attraverso dei corsi di formazione che affrontino i temi cruciali nella prospettiva indicata dall’Agenda 2030, temi importanti che vanno dalla raccolta differenziata al contrasto dell’omofobia e della discriminazione di genere. Non vedo altre scorciatoie per questa grande azione di ri-formazione.

Ma i governi vi danno ascolto?
L’ASviS dialoga con tutti i governi. Con il governo Gentiloni si sono trovate sintonie apprezzabili: in particolare la ministra Fedeli aveva proposto un piano di sviluppo sostenibile in venti distinte azioni. Ad esempio, tutti i 33mila docenti neoassunti lo scorso anno hanno potuto seguire un corso online sui temi dell’Agenda 2030. Con il Governo attuale è inevitabile andare verso la ricerca di una nuova sintonia. Sono ottimista, anche perché questi non sono temi di destra o di sinistra: di qui dipende la qualità della vita e il nostro futuro.

Ultime notizie
Intervista

Camilleri come Verga e Pirandello. “Il vigatese è italiano come la lingua dei Malavoglia”

Andrea Camilleri non è solo un caso letterario. È una figura poliedrica di intellettuale, capace di esprimere la corda universale della sicilianità, come hanno fatto i grandi della letteratura isolana: da Verga a Pirandello. Ne parliamo con Franco Lo Piparo, professore filosofia del linguaggio all’Università di Palermo.
di Massimiliano Cannata
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Intervista

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua