Sui Tg emergono i dissensi sulla gestione della pandemia

Davanti al vertiginoso aumento dei contagi, che di giorno in giorno toccano nuovi record, l’informazione dei Tg dei prime time torna “in trincea” e presenta di nuovo le caratteristiche che l’avevano contraddistinta durante i mesi del lockdown. In edizioni assorbite anche per i due terzi dai “fatti” del Covid, la politica dei partiti viene lasciata da parte a vantaggio di un’attenzione concentrata sulle attività nelle Regioni, mentre si fanno più frequenti gli interventi di quei medici, virologi e scienziati (Crisanti, Brusaferro, Zangrillo, Locatelli ed altri) protagonisti delle edizioni primaverili. Mentana, mercoledì, tira le somme, parlando di una situazione ormai da “bollettino di guerra”, che richiederà all’informazione molta professionalità per gestire le angosce della cittadinanza e raccontare nel modo più appropriato una fase durissima che si prospetta molto lunga. Analoghe valutazioni arrivano anche dal Direttore del Corriere Luciano Fontana, intervistato dal Tg5. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza nella settimana dal 19 al 23 ottobre

Rispetto alla scorsa settimana aumentano le voci critiche dirette all’azione di governo, soprattutto sui Tg Mediaset. Tg4 dedica diversi titoli alle proteste dei ristoratori e di altre professioni verso le misure di lockdown, dando voce ai loro appelli e denunciando «l’atteggiamento attendista di Conte». Alcuni di questi giudizi vengono però attenuati o sconfessati dai commentatori in studio, com’è successo mercoledì quando il prof. Zangrillo ha invece elogiato le parole del Premier, ritenendole “responsabili e motivanti”. Anche Tg La7 segnala, giovedì, le critiche mosse al Premier per la prima volta dal Pd con Graziano Delrio, cui s’aggiungono venerdì le dichiarazioni di Nicola Zingaretti, che invita Conte a «smettere di navigare a vista». Più spazio agli interventi delle opposizioni su Tg2 e Tg4.

Sempre Tg La7 e Tg4 si distinguono per l’attenzione dedicata alle proprie specifiche aree d’interesse, con il Tg di Mentana che, martedì, titola sugli attesi stati generali del Movimento 5 Stelle, ai quali la maggioranza rimanda per una decisione finale sul Mes. In vista delle comunali di Roma, Tg4 già scende in campo e giovedì confeziona un reportage molto critico verso le inadempienze della sindaca Raggi, per rilanciare la candidatura a sindaco della Capitale di Guido Bertolaso, sostenuto tanto da Berlusconi che (forse) da Salvini.

Apprensione per i contagi in Europa. Trump vs Biden, confronto “civile”. Il “veggie burger” trionfa sulla tregua in Libia

La raggelante crescita dei contagi nei Paesi dell’Unione domina le pagine degli esteri, con numerosi titoli e servizi. L’atteso, ultimo confronto tra Trump e Biden figura altresì in 8 titolazioni, risultando uno scontro senza vincitori, ed apprezzato solo per l’assenza di turpiloquio tra i due candidati. Venerdì, la svolta per la crisi in Libia, che ha visto le parti in conflitto siglare a Ginevra un “cessate il fuoco” permanente: è nei titoli per Studio Aperto e Tg La7, ma solo quest’ultimo illustra concretamente la vicenda. Paradossalmente, sui Tg Rai riceve più spazio il salvataggio a Bruxelles del “veggie burger”, ossia il diritto dei prodotti vegetariani di chiamarsi con gli stessi termini dei prodotti della carne: titoli per Studio Aperto e Tg1. Tg3 continua a tener alta l’attenzione sul caso Patrick Zaki.

Assorbita dalla narrazione dell’epidemia, la cronaca quasi scompare da titoli e servizi, ed in settimana raccoglie appena 9 titolazioni su oltre 200. Assente nelle scalette anche qualunque menzione del fenomeno migratorio, nonostante i rilevanti arrivi delle scorse giornate.

La grande svolta di Papa Francesco che in una sua intervista ha ulteriormente aperto alle unioni civili per gli omosessuali, è nei titoli per tutti, mercoledì, (apertura di Studio Aperto). Buone le coperture di Tg3, Tg2 e Tg5, che vi ritorna anche giovedì.

 

 

Ultime notizie
Osservatori

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Il tema della tassazione dei grandi colossi del Web è da tempo al centro del dibattito mondiale. Queste multinazionali (Google, Apple, Facebook...
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*
Società

Disuguaglianza di genere e violenza sulle donne. Un’emergenza nell’emergenza

La violenza di genere è un fenomeno che affonda le sue radici nella disuguaglianza di genere e persiste nell’affermarsi come una fra le più importanti violazioni dei diritti umani in tutte le società. Non a caso, è stata definita dall’ONU come un “flagello mondiale”.
di Lavinia Ferrari e Giulia Putzolu
Criminalità e contrasto

L’evasione fiscale brucia ogni secondo lo stipendio annuale di un infermiere

Il primo studio sullo Stato della giustizia fiscale realizzato da Tax Justice Network indica che ogni anno vanno in fumo 427 miliardi di dollari a causa dell’evasione fiscale. La fetta maggiore di evasione è praticata dalle multinazionali, che anziché pagare le tasse dovute al paese in cui originano e operano, trasferiscono la sede legale nei paradisi fiscali.
di Roberta Rega
Cultura

I primi cento anni di Gianni Rodari, genio “riverente” della letteratura per l’infanzia

Che cosa avrebbe pensato Gianni Rodari delle tante attenzioni che ha ricevuto in occasione della recente ricorrenza del centenario della nascita? Abbiamo pensato di rendergli omaggio con l’aiuto dei suoi critici più attenti: i bambini.
di Giuseppe Pulina
Lavoro

Gig economy e nuove frontiere del lavoro. Quali diritti per i riders?

La Gig economy è l’emblema di un sistema di produzione avanzato e non retrogrado, normato e fondato sul rapporto fra coloro che utilizzano il lavoro umano e coloro che invece lo forniscono, comprendendo una gamma assai ampia di lavoro autonomo fasullo. Anche l’Italia è investita da questo fenomeno, in particolar modo per quanto riguarda i riders.
di Marco Omizzolo
Intervista

11 milioni di italiani con meno cure. Sanità non è solo fermare il Covid

La prima ondata della pandemia ha causato importanti disagi e ripercussioni a carico degli undici milioni di cittadini affetti dalle patologie diverse dal Covid, cioè i pazienti oncologici, ematologici e cardiologici. Intervista al Prof. Francesco Cognetti Presidente Federazione Foce.
di Emilio Albertario
Cultura

Gli Hate speech online, quando la comunicazione dell’odio è organizzata

Nella Rete l’hate speech inizia ad essere sempre meno legato allo spontaneismo digitale e sempre più legato al fenomeno dei cosiddetti appaltatori dell’odio. L’intervento dell’Avv. Prof. Roberto De Vita, Presidente dell’Osservatorio Cybersecurity dell’Eurispes alla conferenza online promossa da Unar.
di Roberto De Vita