Sul tema sanità , informazione “schierata”

I Tg di mercoledì 4 novembre – Gli esiti dell’incontro tra il premier Renzi ed i presidenti delle Regioni, convocato in tutta fretta lo scorso lunedì per sminare le critiche sulla legge di stabilità, conquistano l’apertura dei Tg delle 20. Le linee editoriali stasera fanno però sentire il proprio peso, con il Tg1 che presenta la pace fatta tra Renzi e Chiamparino, mentre Tg5 parla di un nulla di fatto; anche per La7 l’incontro non è andato bene, mentre Tg2 illustra la “mediazione raggiunta” senza il favore dei tre presidenti Maroni, Toti e Zaia. Tg2 e TgLa7 riportano l’apertura del premier al tavolo dell’incontro, che rimprovera a stampa e regioni “il falso” di tagli alla sanità inesistenti.

Il Vatileaks 2 continua a furoreggiare (apertura per Tg2, Tg3 e Tg4) con le figure dei 2 arrestati che lasciano il campo agli elementi sostanziali che vengono fuori dai due libri “beneficiari” che riportano le spese pazze ed immorali della curia vaticana e le speculazioni del vecchio e nuovo Ior. I servizi illustrano i dettagli più raccapriccianti, mentre gli autori (Gianluca Nuzzi e Emiliano Filippaldi) sono ospiti, rispettivamente, su Tg4 e Tg1. Il Tg di Mario Giordano dedica un servizio alla totale estraneità di Francesco e all’azione riformatrice avanzata in questi anni; una difesa senz’altro superflua.

L’abbandono di tre deputati del Pd è accennato da quasi tutti (salvo, e ci sorprende, Studio Aperto e Tg4), mentre Mentana è l’unico a menzionare le dichiarazioni di Mineo su Renzi (sudditanza verso una “bella politica”), criticandole nettamente in quanto ulteriore esempio di politica sessista.

La cronaca giudiziaria, a vario titolo, si impone sulle scalette dei Tg. Molta carne al fuoco per quella criminale, con tutte le testate che riportano le sentenze, in primo grado ed in appello, per i casi Ceste e Falcioni. Grande attenzione all’assoluzione per non aver commesso il fatto dell’ex ministro Mannino nella prima sentenza di rito abbreviato sulla trattativa stato–mafia. TgLa7 riflette più degli altri sul peso che la sentenza potrà avere sul troncone principale. Spazio su tutti anche al day before del processo Mafia Capitale, con il commissario Tronca che ha appena firmato quell’atto che l’ex sindaco Marino avrebbe fortemente voluto siglare di suo pugno: la costituzione di parte civile di Roma Capitale.

La commemorazione del 4 novembre è presente sui maggior Tg, con Mattarella che compare anche su Mediaset: evenienza alquanto rara.

L’emergenza idrica di Messina, che rischia di restare senz’acque per altre 3 settimane, è titolo per Tg3 e Studio Aperto e ritorna per tutti nella parte bassa delle edizioni; in secondo piano scivola anche l’airbus precipitato in Sinai, mentre l’odierno disastro aereo nel Sud Sudan viene liquidato da quanti ne trattano come breve da studio. 

Il crollo in borsa dei titoli Volkswagen, affossati dal dieselgate e le avvisaglie di un potenziale “benzinagate” che rischia di seppellirli, e’ appannaggio esclusivo di TgLa7.

Segnaliamo l’attenzione continua del Tg3 alla questione profughi con una corrispondenza all’isola di Lesbo, davanti alle cui sponde ci sono stati altri drammatici naufragi con la morte di diversi bambini. Buono anche il servizio del Tg1 sul giornalismo della webtv emiliana (gestita da studenti) Corto circuito le cui riprese sono state rilevanti per l’inchiesta Aemilia di cui domani si apre il processo. Ottimo l’approfondimento del Tg2 sulle strutture ospedaliere della Capitale tra malasanità ed eccellenze, integrato da un’intervista alla ministra Lorenzin.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili