Osservatorio TG

Trump ’s Triump

I Tg di mercoledì 9 novembre – Il trionfo elettorale di Donald Trump , dato perdente da tutti i sondaggi anche nelle ore direttamente precedenti al voto, che lo incorona 45esimo Presidente degli Stati Uniti d’America, ha tra ieri ed oggi scosso tanto il mondo dell’informazione che i protagonisti della politica internazionale. Come in tutte le giornate che fanno la storia per esiti inattesi, l’informazione di serata dedica alle elezioni americane inevitabilmente più di ¾ del complessivo tempo di edizione e lo fa decentemente. Oltre a proporre la cronaca delle reazioni, degli sconfitti (Hillary Clinton ed Obama) come dei sostenitori (Putin in Russia, la “strana” coppia Grillo-Salvini in Italia), a partire da Studio Aperto delle 18,30 la copertura degli avvenimenti delle ultime ore è stata corretta e tutte le testate una volta tanto non hanno tagliato la realtà esclusivamente con il coltello delle polemiche interne. Il Tg di Italia1 ha proposto la lettura di Sallusti ed Anselma dell’Olio, secondo cui Trump dovrà calmarsi perché si trova finalmente nella stanza dei bottoni ed è consapevole di possedere zero esperienza politica. Tg4, dopo aver paragonato “Super Trump” ad un elefante in una cristalleria, presenta in un lungo servizio in cui si avanzano previsioni, positive e negative, sulle conseguenze della sua presidenza (meno export ma anche meno immigrazione). Anche il direttore Giordano stasera si espone, avanzando la tesi che la vittoria di Trump la si deve al“voto di gente arrabbiata contro il potere” che, inevitabilmente, si riproporrà contro di Renzi. Tg5 prova ad indagare “lo scossone” che si era avvertito sulle borse in mattinata ma che poi è rientrato. Maggiore attenzione per i Tg Rai alle reazioni internazionali e della politica nostrana, con Gentiloni che assicura come l’amicizia tra Italia e USA è forte e dura da 70 anni. Tutte le testate sottolineano il plauso di Putin, mentre su Tg3 e Tg La7 maggiore spazio alle inquietudini di Cina e Francia. Spazio, nel complesso, ridotto ai commenti dei leader politici italiani (Renzi, Salvini e poi Berlusconi), mentre le dichiarazioni di Grillo – che equipara la vittoria di Trump ad un gigantesco “Vaffa” stile M5S e la ribattuta del leader leghista – che lo accusa di voler salire sul carro del vincitore – vengono accentuati su Tg1, Tg3 e TgLa7.

Agli sconfitti di questa elezione, non solo Hillary Clinton ma anche Obama con le molte riforme avviate in 8 anni su cui Trump ha annunciato di voler rimetter mano, vanno l’attenzione dei Tg Rai e La7, con Tg3 che propone un servizio su quali delle tante promesse elettorali fatte sarà per Trump possibile rispettate.

L’immenso flop di sondaggi, incapaci di prevedere l’orientamento profondo dell’elettorato (come era avvenuto per la Brexit), viene con facilità riconosciuto. Meno scontata la presa d’atto che l’intero mondo dell’informazione ha fatto cilecca. Interessante la lettura di Federico Rampini che, ospite al Tg1, piuttosto che incolpare i sondaggisti osserva come siano le classi dirigenti, che si nutrono quasi esclusivamente di sondaggi, a non riuscire più ad interpretare le esigenze dell’elettorato. Non banale il servizio, (presente sui 3 Tg Mediaset) sulla comunicazione politica di Trump: semplice, talvolta abborracciata, fatta di monosillabi, gesti e concetti reiterati; fatta, insomma, “per essere comprensibile ragazzini di 11 anni”(Tg4).

Schiacciati a fine edizione gli altri temi di giornata. Tg La7 è il solo ad avere nei titoli le previsioni al ribasso di Bruxelles per la crescita italiana, sottolineando che si tratta, “fortunatamente”, di un solo 0,1 in meno. Per il resto, il commiato per la morte a quasi 91 anni di Umberto Veronesi, grande oncologo ed ex Ministro della Sanità, è presente a fine edizione su tutti i Tg.

Ultime notizie
Cosa vuol dire Mafia?

Criminalità e Covid-19: la mafia nella busta della spesa

La pandemia del Covid-19 ha investito prima la sanità, poi le carceri e immediatamente dopo l’economia. Un’immagine ha fatto il giro del...
di Sergio Nazzaro
mediterraneo
Europa

La Germania nel Mediterraneo: un nuovo competitor?

La Germania nel Mediterraneo: un nuovo protagonista che è stato capace di crearsi uno spazio strategico di prim’ordine in modo quasi silenzioso.
di Marco Ricceri*
mediterraneo
Futuro

La plastica nella placenta? È solo l’ultimo tassello della deriva inarrestabile dell’inquinamento ambientale

L’Eurispes.it incontra il Dottor Antonio Ragusa, Direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina di Roma, alla ribalta per aver realizzato una ricerca che ha scoperto tracce di plastica nella placenta delle donne in gravidanza.
di Alessandro Di Legge
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Sono in atto, non solo per il Covid-19, processi di disgregazione sociale nel lavoro, negli affetti, nelle attività associative, nelle Istituzioni, con ricadute sulla democrazia. Il ripristino del senso di comunità richiede il superamento delle diseguaglianze.
di Angelo Perrone *
Ambiente

Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Si sta sviluppando la soluzione dell’autoproduzione attraverso il decentramento di piccoli impianti da fonti rinnovabili collegati da reti intelligenti, che consentono di immettere in rete la produzione di energia in eccesso e di condividerla: una formula di energy sharing.
di redazione
Innovazione

Le innovazioni scientifiche e tecnologiche nella lotta al Covid

La crisi economica in corso rischia di essere la causa di una drastica riduzione delle spese per la ricerca e l’innovazione nelle imprese, mentre i governi, carichi di debiti, si troveranno ad affrontare molteplici richieste di sostegno finanziario in concorrenza tra loro.
di Silvia Muscas
Economia

Mercato del lavoro, non solo Covid. La crisi è strutturale

Il XXII Rapporto del CNEL sul mercato del lavoro e della contrattazione collettiva, mette in luce alcune problematiche non originate dal Covid-19 ma da una persistente fragilità del Paese.
di Marco Omizzolo*
Opinioni e commenti

La politica della ignoranza

Prima del tragico assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio, il presidente Joe Biden aveva scritto: «L’America è tornata ed è pronta...
di Luciano Maria Teodori
Recensioni

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

Ezio Cesarini – Italiano Antifascista Giornalista è il titolo dell’ultimo libro di Claudio Santini che ripercorre la storia di un grande protagonista della vita politica, culturale, giornalistica della città di Bologna.
di Ilaria Tirelli
Cultura

Il mondo del libro regge all’onda d’urto della pandemia

Il mondo del libro regge nell’anno più buio per molti settori chiave dell’economia. La fruizione di contenuti culturali è stata un’àncora di salvezza durante il lockdown.
di Roberta Rega