Trump ’s Triump

I Tg di mercoledì 9 novembre – Il trionfo elettorale di Donald Trump , dato perdente da tutti i sondaggi anche nelle ore direttamente precedenti al voto, che lo incorona 45esimo Presidente degli Stati Uniti d’America, ha tra ieri ed oggi scosso tanto il mondo dell’informazione che i protagonisti della politica internazionale. Come in tutte le giornate che fanno la storia per esiti inattesi, l’informazione di serata dedica alle elezioni americane inevitabilmente più di ¾ del complessivo tempo di edizione e lo fa decentemente. Oltre a proporre la cronaca delle reazioni, degli sconfitti (Hillary Clinton ed Obama) come dei sostenitori (Putin in Russia, la “strana” coppia Grillo-Salvini in Italia), a partire da Studio Aperto delle 18,30 la copertura degli avvenimenti delle ultime ore è stata corretta e tutte le testate una volta tanto non hanno tagliato la realtà esclusivamente con il coltello delle polemiche interne. Il Tg di Italia1 ha proposto la lettura di Sallusti ed Anselma dell’Olio, secondo cui Trump dovrà calmarsi perché si trova finalmente nella stanza dei bottoni ed è consapevole di possedere zero esperienza politica. Tg4, dopo aver paragonato “Super Trump” ad un elefante in una cristalleria, presenta in un lungo servizio in cui si avanzano previsioni, positive e negative, sulle conseguenze della sua presidenza (meno export ma anche meno immigrazione). Anche il direttore Giordano stasera si espone, avanzando la tesi che la vittoria di Trump la si deve al“voto di gente arrabbiata contro il potere” che, inevitabilmente, si riproporrà contro di Renzi. Tg5 prova ad indagare “lo scossone” che si era avvertito sulle borse in mattinata ma che poi è rientrato. Maggiore attenzione per i Tg Rai alle reazioni internazionali e della politica nostrana, con Gentiloni che assicura come l’amicizia tra Italia e USA è forte e dura da 70 anni. Tutte le testate sottolineano il plauso di Putin, mentre su Tg3 e Tg La7 maggiore spazio alle inquietudini di Cina e Francia. Spazio, nel complesso, ridotto ai commenti dei leader politici italiani (Renzi, Salvini e poi Berlusconi), mentre le dichiarazioni di Grillo – che equipara la vittoria di Trump ad un gigantesco “Vaffa” stile M5S e la ribattuta del leader leghista – che lo accusa di voler salire sul carro del vincitore – vengono accentuati su Tg1, Tg3 e TgLa7.

Agli sconfitti di questa elezione, non solo Hillary Clinton ma anche Obama con le molte riforme avviate in 8 anni su cui Trump ha annunciato di voler rimetter mano, vanno l’attenzione dei Tg Rai e La7, con Tg3 che propone un servizio su quali delle tante promesse elettorali fatte sarà per Trump possibile rispettate.

L’immenso flop di sondaggi, incapaci di prevedere l’orientamento profondo dell’elettorato (come era avvenuto per la Brexit), viene con facilità riconosciuto. Meno scontata la presa d’atto che l’intero mondo dell’informazione ha fatto cilecca. Interessante la lettura di Federico Rampini che, ospite al Tg1, piuttosto che incolpare i sondaggisti osserva come siano le classi dirigenti, che si nutrono quasi esclusivamente di sondaggi, a non riuscire più ad interpretare le esigenze dell’elettorato. Non banale il servizio, (presente sui 3 Tg Mediaset) sulla comunicazione politica di Trump: semplice, talvolta abborracciata, fatta di monosillabi, gesti e concetti reiterati; fatta, insomma, “per essere comprensibile ragazzini di 11 anni”(Tg4).

Schiacciati a fine edizione gli altri temi di giornata. Tg La7 è il solo ad avere nei titoli le previsioni al ribasso di Bruxelles per la crescita italiana, sottolineando che si tratta, “fortunatamente”, di un solo 0,1 in meno. Per il resto, il commiato per la morte a quasi 91 anni di Umberto Veronesi, grande oncologo ed ex Ministro della Sanità, è presente a fine edizione su tutti i Tg.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili