Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Tutti insieme, cautamente

I Tg di giovedì 26 novembre – L’allargarsi della coalizione anti-Isis che oggi registra l’adesione della Germania, dopo quella del Regno Unito (data in diretta dal Tg La7) occupa le aperture di quasi tutte le testate. L’appoggio del Bundenstag che s’impegna ad offrire “supporto logistico” alle operazioni franco-russe rafforza l’idea di un fronte anti-terrorismo che non si esprime esclusivamente nell’intervento militare. Le parole del presidente del Consiglio Renzi, pronunciate nell’incontro con Hollande a Parigi, ribadiscono questa linea “cauta” e sono meglio approfondite dai Tg Rai, che inoltre ricordano come il naturale fronte italiano della guerra all’Isis sarebbe la Libia. Le nuove misure sulla sicurezza annunciate dal Ministro Orlando trovano maggior spazio sulle testate del servizio pubblico. Ma a pesare maggiormente su quella che Mentana ha chiamato “una difficile giornata di diplomazia internazionale” resta la tensione tra Russia e Turchia, con le “aperture” velate di Erdogan che vengono nettamente rifiutate dal silenzio del Cremlino.
Le azioni antiterrorismo condotte in mezza Europa (gli arresti in Germania, l’allarme antrace in una moschea di Bruxelles) restano molto alte su tutte testate. Non mancano, stasera, anche alcune riflessioni sugli effetti prodotti da questo prolungato clima d’apprensione: Tg2, Tg3 e Tg5 (che vi dedica la copertina) si soffermano sulle piazze svuotate e sulla generale inquietudine dei cittadini metropolitani nel trascorrere le proprie giornate in luoghi pubblici; sempre Tg5 riporta le segnalazioni del Presidente degli Industriali Squinzi che denuncia gli effetti negativi già percepibili sulla ripresa economica in conseguenza delle tensioni Internazionali.
Prosegue indefessa la campagna con cui Tg4 “illumina” le comunità islamiche italiane, i cui esponenti vengono presentati come “estremisti” anche quando appaiono palesemente moderati. Quasi assente dall’informazione serale un altro tipo di estremismo: le minacce xenofobe e gli attacchi vandalici condotti da alcuni gruppi skinheads veneti contro le sedi della Caritas e del PD “ree”di aver favorito “un’invasione pianificata di orde di immigrati extracomunitari” (servizio solo per il Tg1). Tg La7, invece, è l’unico a titolare sulla notizia di una legge comunale in via di approvazione a Varese che, vieta alle donne musulmane di portare il velo integrale in luoghi pubblici. A commento del servizio Mentana parla di “islamofobia” e “scontro di civiltà contro molte ruggini”, ricordando però anche come un divieto simile sia, a tutti gli effetti, in vigore vigore in Italia dal 1975.
Le coperture del viaggio di Papa Francesco in Kenya sono titolo per i Tg Rai e per Tg5. Gli appelli del Pontefice finiscono, tuttavia, con l’essere messi in secondo piano dalle intercettazioni “piccanti” nell’ambito dell’inchiesta sul nuovo Vatileaks (Tg4 e Studio Aperto) e, paradossalmente, dalla pubblicità al film sulla vita di Papa Bergoglio (Mediaset e Tg1).
La notizia delle indagini per “sequestro di persona” che coinvolgono 7 ufficiali nell’ambito dell’inchiesta sull’espulsione nel 2013 di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov, compare solo sul Tg1 come breve da studio.

Il “lifting della Capitale” – così Mentana si riferisce all’ordinanza del Commissario Tronca che ha vietato la presenza di centurioni ed ambulanti davanti al Colosseo – riporta in auge tra i Tg l’attenzione per la Capitale a dieci giorni dal Giubileo. Per Tg3 e Tg5 si tratta di un intervento apprezzabile, anche se rappresenta comunque una goccia nel mare. Più dissacrante Tg4, che la butta “in caciara”, parlando di provvedimenti ridicoli, che non serviranno, certo, a fermare i terroristi dell’Isis.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare