L'opinione

Un Paese scosso

22

I Tg di giovedì 27 ottobre – Alle tante scosse che hanno funestato i territori tra l’Umbria e le Marche, proseguite oggi con una di forte intensità alle ore 19, vanno quasi due terzi dell’informazione di serata. Inevitabilmente, le stesse immagini di crolli, panico e rovine nei centri storici dei comuni colpiti, alcuni devastati per oltre l’80% (Castel Sant’Angelo, Visso, ecc,) si rincorrono nei servizi. Su tutti alle interviste a sindaci ed esponenti della Protezione Civile si accompagnano quelle a sismologi ed altri esperti che possono tuttavia solo constatare l’apertura di una nuova faglia senza poter fornire previsioni sullo sviluppo dello sciame sismico. Tanti anche i contributi amatoriali raccolti sul momento e già assunti a più vere testimonianze del sisma. A differenza della tragedia del 24 agosto, che ha provocato 298 morti, stavolta non si registra alcuna vittima, visto che, come nota Mentana, siano state colpite le medesime aree. Gli oltre 4000 sfollati non saranno ospitati in tendopoli ma alloggiati in alberghi, dato l’arrivo dell’inverno. Lo sblocco delle prime risorse e le dichiarazioni del premier, che promette interventi veloci e una ricostruzione attenta alle esigenze delle comunità, ricevono adeguata attenzione, mentre sempre Tg La7 si riattiva sul fronte della solidarietà riaprendo la sua campagna di aiuti per le zone terremotate. Tra i tanti servizi segnaliamo quello del Tg2 che, riepilogando l’attività sismica degli ultimi anni, approfondisce gli effetti traumatici che l’esperienza del terremoto produce, soprattutto sugli anziani.

Concentrate negli ultimi 10 minuti tutte le altre notizie del giorno. La risposta dell’Italia per bocca di Padoan alla lettera di Bruxelles, attesa per questa notte e che per alcuni aspetti prende forza anche dall’odierna emergenza, è nei titoli dei Tg delle 20 e presenti nei servizi per tutti. I nuovi arrivi di giornata ed i postumi dalle barricate di Gorino sono seguiti nei servizi dai Tg Rai e Tg5, mentre Tg4 presenta altri casi di “rivolta contro lo Stato” per la sua cattiva amministrazione dell’accoglienza. Tg La7 affronta anche il tema opposto, ovvero il fenomeno dell’emigrazione, per sottolineare come gli Italiani che vivono e lavorano all’esterno superano da quest’anno gli oltre 5 milioni e duecento mila, e siano quindi di più degli immigrati che vivono e lavorano in Italia.

Per gli esteri, qualche attenzione sui Tg Rai agli ultimo giorni della campagna presidenziale USA. Sul fronte della guerra all’Isis , da segnalare l titolo di Tg1 sull’assegnazione del premier Sakharov a due donne yazide, ex schiave del Daesh, liberate nel corso dell’offensiva in Siria.

La morte a 84 anni di Luciano Rispoli, noto giornalista e conduttore televisivo, è presente nei servizi per tutti e nei titoli dei Tg delle 20. C’è piaciuto l’appellativo datogli da Mentana: “protagonista di una tv educata che ormai non c’è più”.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione